newsletter diario prevenzione 19 luglio 2017 – vol.n° 131


newsletter diario prevenzione

http://www.diario-prevenzione.it
19 luglio 2017 – vol.n° 131

notizie, documenti e link sui temi del governo
dell’ambiente, della salute della sicurezza
nel lavoro e sulla responsabilità sociale
d’impresa


—————————
Notizie Salute Sicurezza
Lavoro Ambiente Luglio 2017
—————————-

Miopi allo specchio

I genitori che scendono in piazza rivendicando il diritto di scelta di non vaccinare sono miopi, non riuscendo a vedere un futuro migliore per i propri figli e le generazioni future. Ma è anche come se vivessero sempre circondati da specchi. Esistono loro ed il loro bambino. Nessun altro…..

http://www.saluteinternazionale.info/2017/07/miopi-allo-specchio/#more-12452

————————–

Lavoro notturno e isolato: chi tutela il lavoratore e come?     

19/07/2017: Obblighi, divieti, idoneità ed evidenze della valutazione dei rischi.

A carico del datore di lavoro vige l’obbligo di considerare anche i rischi derivanti da orari di lavoro notturno. Sono infatti previsti particolari controlli e garanzie per la sicurezza dei lavoratori notturni e – qualora sopraggiungano condizioni di salute che comportino la non idoneità alla relativa prestazione – il lavoratore deve essere adibito a lavoro diurno con mansioni equivalenti qualora esistenti e disponibili. L’articolo prosegue alla fonte PUNTOSICURO.IT

https://www.puntosicuro.it/altro-C-80/pubbliredazionale-C-119/lavoro-notturno-isolato-chi-tutela-il-lavoratore-come-AR-17263/

———————————-

Une étape importante franchie dans la lutte contre les cancers professionnels

Le Comité des représentants permanents (Coreper) a approuvé le 11 juillet 2017 le projet de compromis négocié entre la présidence maltaise du Conseil et le Parlement européen en ce qui concerne la première phase de la révision de la directive sur les cancérogènes et mutagènes au travail. Le texte établit une série de valeurs limites d’exposition professionnelle (VLEP) qui devraient permettre d’améliorer sensiblement la protection des travailleurs.

Le texte de compromis constitue une avancée réelle par rapport à la proposition législative que la Commission avait formulée en mai 2016.

Les éléments positifs du compromis sont les suivants :

1)    La VLEP pour le chrome hexavalent sera de 0,005 mg/m³ à l’issue d’une période de transition de cinq ans. Pendant cette période de transition, la VLEP ne pourra pas dépasser 0,01 mg/m³, sauf pour la soudure et d’autres procédés qui génèrent des fumées où elle ne pourra pas dépasser 0,025 mg/m³. Initialement, le Parlement européen avait adopté un amendement ramenant cette VLEP à 0,001 mg/m³, tandis que la Commission européenne se prononçait pour une valeur 25 fois plus élevée qui impliquait un niveau très élevé de risque (1 cancer du poumon par dix travailleurs exposés) ;

2)    La VLEP des poussières de bois dur sera fixée à 2 mg/m³ à l’issue d’une période de transition de cinq ans. Initialement la Commission se prononçait pour une VLEP de 3 mg/m³ ;

3)    Le principe d’une surveillance de la santé des travailleurs ayant été exposés à des agents cancérogènes est introduit dans la directive. Celle-ci limitait auparavant la surveillance de la santé à la période pendant laquelle des travailleurs étaient exposés à des substances cancérogènes. Si l’on tient compte du fait que la plupart des cancers apparaissent de nombreuses années après l’exposition, cet amendement devrait contribuer à sauver de nombreuses vies ;

4)    Le débat le plus important concernait l’inclusion des substances toxiques pour la reproduction dans le champ d’application de la directive. Cette extension était demandée par le Parlement. Le compromis introduit une disposition légalement contraignante dans la directive suivant laquelle la Commission devra réexaminer cette question au plus tard en 2019.

Par contre, sur la silice cristalline, le compromis n’a malheureusement pas permis d’avancer de manière significative par rapport aux propositions initiales de la Commission. La VLEP de 0,1 mg/m³ est maintenue. La Commission devra, à l’occasion du prochain rapport quinquennal sur l’application de la directive envisager si elle considère nécessaire de réduire cette VLEP. Le Parlement européen s’était prononcé pour une VLEP de 0,05 mg/m³ à l’issue d’une période de transition de 10 ans. La différence entre ces deux VLEP est de l’ordre de 2000 morts par an.

Avec ce compromis, la première phase du processus de révision de la directive est pratiquement terminée. La deuxième phase est en cours avec une proposition formulée par la Commission en janvier 2017 qui porte sur cinq nouvelles VLEP. La troisième phase est annoncée pour le début de l’année 2018.

« Ce compromis reflète des différences importantes entre les deux institutions qui adoptent la législation. Le Parlement européen avait réuni une majorité écrasante en faveur d’une protection renforcée des travailleurs contre les risques de cancer avec 85% des voix. Le Conseil des Ministres était extrêmement divisé. Deux Etats se sont opposés à l’ensemble des amendements du Parlement (le Royaume-Uni et la Pologne). Ils s’en tenaient à l’approche minimaliste de la Commission. Une dizaine d’Etats étaient disposés à accepter les amendements du Parlement. Les autres occupaient des positions intermédiaires ou n’avaient pas défini de position claire », analyse Laurent Vogel, chercheur à l’ETUI.

« Il faudra maintenir la pression pour que la VLEP sur la silice cristalline soit révisée dans un proche avenir. Ce sont des milliers de morts qui pourraient être évitées. Il faudra aussi veiller à ce que les substances toxiques pour la reproduction soient intégrées dans la directive en 2019 », ajoute-t-il.

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5377&Itemid=2

———————————————

Attacco al capitale umano del SSN

Blocco del turnover e dei contratti, lavoro precario, esternalizzazione dei servizi. Tutto ciò ha comportato un grave peggioramento nella qualità dei servizi e una dequalificazione del personale. Sovraccarico di lavoro, stress, burn-out e fatica cronica colpiscono sempre di più tutte le professioni d’aiuto, dagli operatori socio-sanitari di base fino ai dirigenti. Questa situazione acuisce la conflittualità e il rischio di errori, aumenta la spinta al contenzioso legale, alla medicina difensiva, alla burocratizzazione, impedisce il ricambio generazionale, lo scambio di esperienze e competenze.
Segue su fonte
http://www.saluteinternazionale.info/2017/07/attacco-al-capitale-umano-del-ssn/

——————————————-

Presentiamo un approfondimento sulle procedure standardizzate tratto dal Bollettino dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, Toscana RLS.

Scarica l’ultimo numero
Bollettino V – 2016 – scarica

http://www.regione.toscana.it/documents/10180/23720/Bollettino+Settembre2016+copia.pdf/d3772702-3c3c-4b32-ba8e-38e584ab99a3

In questo numero
Dossier: Le microimprese
Indicazioni per la valutazione dei rischi nelle confezioni e pronto moda
Ricerca attiva della malattie da lavoro. Tumori naso-sinusali (TUNS): La prevenzione e la diagnosi precoce
Protocollo di intervento in Edilizia
Cosa può fare l’RLS e RLST nella valutazione del rischio aziendale effettuata con le procedure standardizzate
Notizie e segnalazioni dal territorio

————————————

In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
http://www.lavoroesalute.org

SOMMARIO
2- La ribellione degli ultimi? Per il lavoro e per la salute
4- Siamo di fronte ad una decisione urgente
6- Alla vigilia di un’esplosione sociale
7- Ecco i danni del CETA, l’accordo tra Europa e Canada
8- Pubblico impiego. La situazione
10- Decreto Madia, il quadro degli orrori
11- Il governo punisce anche i malati in “terapia salvavita”

LAVORO E CONDIZIONI DI VITA. RACCONTI
12- Una vittoria contro il lavoro nero
14- Medici precari in ambulanza
16- Finale di Champions League: non è tutto oro quel……
17- “Food manager”? Servi polpette e sorridi
18- Un mese di lavoro gratuito per le campagne umanitarie
20- Libro. Mappe per sfuggire al lavoro gratuito
22- Disabili: sta a noi non abbassare la testa
22- Disabili. No all’equazione invalidità = inefficienza
23- Disabili, parla un genitore. “Ecco perché lotto”

SANITA’
24- Quale futuro per la sanità pubblica?
26- Attacco al capitale umano del S.S.N.
28- Cosa sappiamo della salute disuguale in Italia?
30- Questionario. la sanità vissuta dai cittadini
32- Diagnostica specialistica,evita l’attesa di anni
33- Sclerosi multipla un’emergenza sanitaria e sociale
33- Pillole anticoncezionali a pagamento
34- Morire di superlavoro nella Sanità malata
34- La Regione Puglia chiude i pronto intervento del Gargano
35- Case di riposo in Veneto, solo a libero mercato
35- Terza età occultata. Libro di denuncia sulle case di riposo

PREVENZIONE
36- DL vaccini. I cittadini devono essere sudditi o sovrani?
38- Vaccinazioni. La vicenda di Dario Miedico
39- Hpv. Un vaccino problematico
39- Epatite A. In Italia forte incremento dei casi
40- Hiv/Aids. Parole e Segni di Prevenzione
41- L’omo-bis-transfobia favorisce la diffusione dell’HIV

INSERTO CULTURA
43- “Non un nuovo compagno, ma un compagno”
45- L’antifascismo è un sentimento
46- M. Sul pianeta terra in relazione alla cosa blu
48- I giovani, il digitale, la cultura e la scuola: considerazioni
50- Ottobre

SICUREZZA SUL LAVORO
53- Le fibre d’amianto corrono in corsia
53- Morti d’amianto al Comune di Milano
54- I morti sul lavoro e di lavoro non sono mai una fatalità

AMBIENTE E SALUTE
56- Le città alla sfida del clima
57- I ricercatori dell’ISPRA in lotta per la nostra salute
58- Dossier – Progetto per la gestione rifiuti a Torino

SOCIETA’
62- Monologo di un etilista. 13° parte

ULTIMA DI COPERTINA
64- Sommario del numero della rivista Medicina Democratica
http://www.lavoroesalute.org

—————————————-

EU: ECHA Enforcement forum inspection campaign on substances subject to authorisation

REACH inspectors find that not all companies are complying with authorisation requirements.

Inspectors in 17 European countries have checked compliance with the authorisation obligations under REACH for the use and placing on the market of 13 substances of very high concern with sunset dates in 2015. The inspections checked if the substances were used or placed on the market without an authorisation and whether other authorisation-related duties were fulfilled. Where an authorisation had already been granted, inspectors were also checking compliance with the conditions of the granted authorisations.

The inspections covered amongst others a selection of phthalates, arsenic oxides, lead chromate and 2,4-dinitrotoluene.

The inspectors from 17 participating countries reported a total of 802 inspections within the framework of this project. 78 % of the inspected companies were SMEs. The vast majority of the companies did not actually use (93 %) or place on the market (92 %) any of the substances that had a sunset date in 2015. Inspections in companies that used or placed the substances on the market showed a rate of non-compliance of 10.7 % and 8.9 % respectively.
Segue su

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5373&Itemid=2

———————————

DAL SITO DELL’ASSOCIAZIONE AMBIENTE LAVORO  (CHE RINGRAZIAMO)
LE ULTIME NOTIZIE

[11/07/2017]Comuni Ricicloni 2017, l’iniziativa di Legambiente è giunta alla ventiquattresima edizioneAncora notevole il divario tra nord e sud Italia. Milano è la prima città ad aver superato la soglia del 50% di raccolta differenziata. Il dossier “Comuni Ricicloni 2017” di Legambiente fotografa la gestione dei rifiuti in Italia.
[11/07/2017]Terremoto: arriva il “kit” antisismico per muri più sicuri e isolantiENEA ha brevettato un sistema antisismico per pareti che coniuga sicurezza, risparmio energetico e sostenibilità.
[11/07/2017]Ministero Ambiente: pubblicata la traduzione delle “Questions & Answers” sulla direttiva Seveso IIISul sito del Ministero dell’Ambiente è disponibile la traduzione in italiano, predisposta dall’ISPRA, delle “Questions & Answers” sulla direttiva 2012/18/UE – Seveso III, edite nel mese di marzo 2016 dalla Commissione europea.
Segue su
http://www.amblav.it/news/

—————————————

Svizzera : vittime dell’amianto, soffia un vento nuovo
Autore: Claudio Carrer che ringraziamo

..

“La creazione di un fondo per le vittime dell’amianto è una gran buona cosa, ma mi domando: i responsabili materiali della tragedia contribuiscono al suo finanziamento? E non dovrebbero anche rispondere del loro comportamento davanti a un tribunale?”. È l’interrogativo, comprensibile e legittimo, posto da un lavoratore e militante di Unia durante una recente assemblea sindacale in cui veniva presentato il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto (Fva) in Svizzera, formalmente operativo da alcuni giorni. Un interrogativo da cui emerge con prepotenza quel sentimento d’ingiustizia che pervade chiunque è stato toccato (direttamente o indirettamente) da questa tragedia umana e ambientale con cui purtroppo, nonostante l’amianto in Svizzera sia bandito dal 1990, dovremo fare i conti ancora per decenni.

Sarebbe però sbagliato giudicare il fondo appena istituito utilizzando il bisogno di giustizia come metro di giudizio, perché non è questa la sua funzione e perché bisogna oggettivamente riconoscere che la soluzione trovata è tutt’altro che scontata in una realtà politica e culturale “complicata” come quella Svizzera. Un paese celebre nel mondo per essere la patria non solo degli orologi e del cioccolato ma anche dell’Eternit, la multinazionale del cemento-amianto, per quasi un secolo di proprietà della famiglia Schmidheiny.

Un vero e proprio colosso, che negli anni di massimo splendore era arrivata a controllare più di mille società in giro per il mondo, attive sia nell’estrazione sia nella lavorazione dell’amianto. Ma non solo: la Svizzera è storicamente l’eldorado della lobby dell’amianto, che di fatto ha “dettato” alle autorità politiche tempi e modi della messa al bando di questa sostanza, così come le norme in materia di prescrizione per mettere i responsabili al riparo da guai giudiziari seri.
Non è  certo un caso che proprio in Svizzera, a Zurigo nel 1929, sia nato il primo cartello europeo dei produttori di cemento-amianto, che è stato attivo fino agli anni Novanta e che è servito (oltre che per il controllo dei prezzi) come piattaforma per organizzare la contro-informazione, per corrompere scienziati nell’intento di nascondere le evidenze scientifiche sulla pericolosità dell’amianto, per infiltrarsi nelle agenzie dell’Onu, per spiare giornalisti, sindacati e associazioni delle vittime, soprattutto in Italia per cercare di sfuggire alle iniziative giudiziarie della magistratura di Torino. In quella Torino dove Stephan Schmidheiny (ultimo padrone dell’impero Eternit ancora in vita) è tuttora sotto processo per le migliaia di morti causate dai suoi stabilimenti in Italia e anche in relazione al decesso di alcuni cittadini italiani che hanno lavorato negli stabilimenti Eternit in Svizzera, a Payerne (Vaud) e soprattutto a Niederurnen (Glarona), sede storica dell’azienda.

Processi che in Italia si celebrano e che in Svizzera non si possono celebrare a causa di norme in materia di prescrizione ultragarantiste nell’ambito della criminalità d’impresa.
Può certamente suscitare rabbia vedere come nel nostro paese questa tragedia prevista e voluta venga “liquidata” con la creazione di un fondo che risarcisce solo una parte delle vittime (a dipendenza della malattia che le ha colpite e del momento in cui questo avvenuto) e a condizione che queste rinuncino a iniziative di carattere giudiziario. E lo stesso dicasi per il fatto che uno con le responsabilità di Schmid­heiny se la cavi con poco (ammesso che contribuisca con qualche franco al Fva) o nulla.
Ma la ragione deve suggerire un altro approccio, perché il compromesso che ha portato alla creazione del fondo (che poggia su un finanziamento privato di carattere volontario) è nato nel difficile contesto descritto e dunque non era affatto scontato. E poi a un numero (piccolo o grande) di persone, al di là del fatto che la vita e la salute non hanno prezzo, garantirà comunque risarcimenti importanti.

Infine va anche considerato il valore simbolico del fondo, che rappresenta indubbiamente un fatto nuovo, una rottura col passato per un paese che con la tragedia dell’amianto ha sempre fatto fatica a fare i conti. Anche sul piano culturale: si pensi che ancora oggi in una realtà come Niederurnen, nonostante i numerosi morti d’amianto che “popolano” il cimitero cittadino, c’è ancora chi afferma che l’Eternit non c’entra nulla.
Ora si tratta di passare ai fatti e il nostro auspicio è quello che le decisioni sugli indennizzi siano prese all’insegna della ragionevolezza e che le vittime non siano costrette a estenuanti battaglie per dimostrare di esserlo.
Fonte
http://area7.ch/Vittime-dell-amianto-soffia-un-vento-nuovo-52897200

————————————————

Glifosato: un’altra puntata : il Dossier al link della nota di Flavio Coato

LA NOTA DI  FLAVIO COATO  (SNOP) SUL DOSSIER GLIFOSATO
https://www.snop.it/attachments/article/723/Glifosate%20presentato%20il%20Dossier.pdf

IL DOSSIER GLIFOSATO
https://www.navdanyainternational.it/it/pubblicazioni-navdanya-international/il-veleno-e-servito

————————————————-

Regione Toscana
Il rischio da temperature elevate nei cantieri edili : gli effetti del caldo sulla salute
Indicazioni a cura del Comitato Regionale di Coordinamento ex art.7 D.Lgs. 81/08

scarica il documento
http://www.asf.toscana.it/images/stories/prevenzione/newsletter/INDICAZIONI_RISCHIO_STRESS_TERMICO_1.pdf

FONTE ASF TOSCANA

————————————————

 Ancora sull’attività di sorveglianza sanitaria dei lavoratori ex-esposti all’amianto in Toscana

Elisabetta Chellini, dirigente medico Direttore S.S. Epidemiologia dell’Ambiente e del Lavoro, Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica (ISPO), Firenze
In tutta la Toscana è prevista l’attività di sorveglianza sanitaria dei lavoratori ex-esposti ad amianto.I soggetti che nel corso della loro professione sono stati esposti ad amianto in maniera significativa, hanno cessato la lavorazione a rischio negli ultimi 30 anni, hanno un’età inferiore agli 80 anni e sono residenti in Toscana, potranno beneficiare a titolo gratuito di uno specifico programma di sorveglianza sanitaria, previa ricostruzione e riconoscimento dell’esenzione da parte dei servizi pubblici di medicina del lavoro toscani della loro pregressa esposizione professionale ad amianto.
scarica l’articolo
http://www.asf.toscana.it/images/stories/prevenzione/newsletter/Chellini_amianto.pdf

fonte Newsletter Agenzia Sanità Toscana

——————————————————–

Livia Di Stefano, Dario Fontana

Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro: una mappatura critica

1 Quaderni Fondazione Marco Biagi
2017 Ricerche

IL QUADERNO

http://www.diario-prevenzione.it/doc17/dms_unimore_17.pdf

———————————————————

Repository del CRD presso Inail, un’esperienza d’uso e alcune note nel merito

Va salutato come un evento positivo, importante  e utile l’apertura sul sito dell’Inail del Repository del CRD .

Il CRD ( Centro ricerche e documentazione rischi e danni da lavoro ) costituito da Cgil Cisl Uil è stato attivo nell’arco temporale dal 1974 al 1985. Questi materiali sono una preziosa fonte d’interesse storiografico poiché in essi sono contenute le storie delle lotte contro la nocività promosse in prima persona dai lavoratori e dalle lavoratrici di quell’epoca.

Il materiale raccolto, riordinato e digitalizzato è ora accessibile e consente di approfondire il tema della rappresentanza sindacale del movimento dei lavoratori.

Abbiamo deciso di testare questo importante strumento. Dobbiamo dire, sommessamente, che l’accesso non è certo facilitato. Dopo avere conquistato un account siamo andati alla ricerca della Repository del CRD.
Questo data base sembra essere un clandestino “a bordo” del grande sito dell’Inail . Solo grazie al motore di ricerca interno al sito siamo riusciti ad arrivare alla pagina ove c’è, finalmente, somma cortesia dello sviluppatore, un link alla Repository del Crd ..

Segue su
http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5361&Itemid=2

—————————————————–

12 June 2017
HesaMag #15: The precarious state of journalism

There appears to be no end in view to the crisis gripping the mainstream media, the profit statements of the various media groups are far from the only pitiful sight, and information professionals are also feeling the pressure – these are just some of the conclusions to emerge from the analysis of the state of journalism in Europe which appears in the latest issue of HesaMag – the journal published by the European Trade Union Institute (ETUI) – and which was carried out in collaboration with the European Federation of Journalists (EFJ)

The situation gives cause for deep concern. The job satisfaction of journalists was rated at a mere 34 out of 100 in a survey carried out by the EFJ in late 2016 among its member organisations, and other recent studies in various European countries provide further evidence that journalists are ‘hacked off’. When over 1 000 French journalists were asked in a survey whether their job had a negative impact on their health, 65% responded in the affirmative.

There are vanishingly few print media titles which have not undergone restructuring over the past 10 years, and editorial offices are losing staff by the day. At the same time, the proliferation of different forms of digital media means that journalists need to become increasingly flexible and able to multi-task, since those who are lucky enough to keep their jobs must achieve ever greater levels of productivity in less time and with fewer resources.

More and more content is provided by an army of invisible freelancers willing to hawk their wares, with one third of the members of journalists’ trade unions in Europe now working on a freelance basis. Isolated and pitted in competition against each other – and sometimes even against the vast swathes of information shared on social media networks – these freelancers will do anything to make a name for themselves, and are correspondingly reluctant to join forces with others in a similarly precarious situation.

This increasing precarity of information-sector jobs entails consequences which reach far beyond the social sphere; what is really at stake is the quality of information and thus the quality of democratic debate, at a time when the proponents of alternative facts have the most effective technologies in the history of the world at their disposal.

To dowload the articles

http://www.etui.org/Topics/Health-Safety-working-conditions/HesaMag

——————————————————–

Rinasce l’archivio del Crd
Diego Alhaique

Una mattina di primavera del 1999 squillò molto presto il telefono di casa. Era Gastone Marri. Mi comunicava che l’archivio del Centro ricerche e documentazione rischi e danni da lavoro (Crd) stava per essere mandato al macero. Leader della Cgil nel periodo più ricco e intenso della partecipazione diretta dei lavoratori alle lotte di fabbrica contro la nocività delle condizioni di lavoro, Marri aveva ideato il Crd, l’aveva fortemente voluto e poi diretto, dalla sua costituzione nel 1974. Sapeva bene, quindi, l’immensa perdita di memoria storica che una tale evenienza avrebbe comportato. L’archivio giaceva abbandonato in quella che era stata la sua sede, a Roma, in viale Regina Margherita, in un appartamento al primo piano di un vecchio palazzo umbertino, in affitto al Centro unitario dei patronati, che però da lì a poco l’avrebbero lasciato.

Claudio Stanzani, succeduto a Marri nella direzione del Crd dal 1981, si adoperò insieme a chi scrive per trovare una soluzione. Grazie alla sensibilità di Sergio Perticaroli – allora responsabile di un dipartimento dell’Istituto superiore per la salute e la sicurezza sul lavoro (Ispesl, sciolto nel 2010 e assorbito nell’Inail) nel cui ambito ricadeva la funzione documentazione – si rese disponibile a ospitare quella montagna di documenti presso il suo istituto. L’archivio del Crd, che negli anni di abbandono era stato già variamente saccheggiato, venne così sistemato in un centinaio di scatoloni e, insieme con la cassetta di legno che conteneva il prezioso soggettario, fu trasferito alla biblioteca dell’Ispesl a Monteporzio Catone (Roma).

Il salvataggio era riuscito, ma l’archivio era ancora inaccessibile e inutilizzabile.

nelle fabbriche. Secondo i concetti e il linguaggio di allora: non più “monetizzazione” dei rischi (‘la salute non si vende’, ‘no a paghe di nocività’ erano gli slogan), ma la loro prevenzione, fondata sulla conoscenza dell’ambiente di lavoro e sull’esperienza dei lavoratori (soggettività operaia), in particolare da parte del gruppo operaio omogeneo, così definito perché esposto agli stessi rischi nella medesima lavorazione. Gli operai non delegano più ai tecnici (non delega) l’individuazione dei fattori di nocività (rischi fisici, chimici, microclima, fatica, ritmi, ecc.), ma sono loro stessi – attraverso una metodologia propria (osservazione spontanea, indagini ambientali e mappa dei rischi) – a indicarli ai tecnici, mentre le misure di prevenzione devono essere condivise dai lavoratori (validazione consensuale) e quindi rivendicate al datore di lavoro.
Leggi l’articolo completo
http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5359&Itemid=2

——-
UTILITY
——–

La raccolta delle newsletter di diario prevenzione è disponibile sul sito

https://dprevenzione.wordpress.com

——————————

Se desideri segnalare a un/a collega questa newsletter, la modalità per iscriversi alla mailing list è la seguente: il tuo/a collega può inviare dalla sua mail una email vuota al seguente indirizzo
notizie-subscribe@diario-prevenzione.it
il programma che gestisce la mailing list invierà in automatico una mail di verifica con richiesta di conferma

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa mensile contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti e media  che trattano la  prevenzione dei rischi sul lavoro e negli ambienti di vita. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.

———————————–

PODCAST AUDIO NEWS
DIARIO PREVENZIONE

http://bit.ly/1p34Qcm
————————————

SEGUI DIARIOPREVENZIONE
SU TWITTER

https://twitter.com/dprevenzione

———————————-

VISITA IL BLOG ONDE CORTE

fatti & idee nell’epoca della
post democrazia

http://www.lab-lps.org/post/

———————————-

 Cordiali saluti a tutt.*, grazie per l’attenzione
arrivederci alla prossima newsletter

Gino Rubini, editor di http://www.diario-prevenzione.it

°°°°°°

Per favore non stampare questa newsletter
per non sprecare risorse energetiche ed ambientali . grazie

°°°°°°

newsletter diario prevenzione 15 giugno 2017 – vol.n° 130


newsletter diario prevenzione


http://www.diario-prevenzione.it
15 giugno 2017 – vol.n° 130
notizie, documenti e link sui temi del governo
dell’ambiente, della salute della sicurezza
nel lavoro e sulla responsabilità sociale
d’impresa

*****


 

___________________________
Notizie Salute Sicurezza
Lavoro Ambiente Giugno 2017

___________________________

Cosa sappiamo della salute disuguale in Italia?

Le  politiche di austerità hanno messo e stanno mettendo in crisi molte  le strutture del SSN. Da questo studio per ora non appaiono ancora in profondità i danni arrecati al patrimonio di salute della popolazione. E’ peggiorata la salute mentale in ragione della fatica di vivere in una società escludente per quanto attiene il lavoro e per le condizioni di precarietà diffusa in particolare tra i giovani. E’ altresì il Meridione ove si registrano le maggiori disuguaglianze di salute. Il mantenimento e il miglioramento del patrimonio di salute della popolazione dipende certo dalla possibilità di accesso alle cure , alle diagnosi precoci, all’alimentazione e più in generale alla prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. Determinanti fondamentali sono, alla pari,  le condizioni materiali di vita, dal salario alla qualità dell’abitazione alla stabilità di un reddito che consenta alle persone di progettare la propria vita. E’ con il linguaggio dei numeri e dei dati che il fascicolo curato dal Prof. Giuseppe Costa rappresenta lo stato dell’arte delle disuguaglianze di salute nel nostro paese.

Questo fascicolo informativo è stato curato dal Prof. Giuseppe Costa (Università di Torino, DORS e Servizio di Epidemiologia ASL TO3
del Piemonte, e INMP Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti ed il contrasto delle malattie della Povertà) con i contributi degli esperti INMP, ISS, AgeNas e ISTAT attivi nella Joint Action Europea sulle disuguaglianze di salute.

Cosa sappiamo della salute disuguale in Italia?
(17 pagine formato pdf )

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5355&Itemid=2

http://www.diario-prevenzione.it/doc17/Costa_Trento_2017.pdf

————————————–

IL DECRETO MADIA PUNISCE ANCHE I MALATI IN “TERAPIA SALVAVITA” 

“Dovete morire prima”, l’aspirazione, neanche più troppo nascosta, delle classi dominanti nel loro moderno dominio sulle nostre vite. La privatizzazione dei sistemi sanitari opera con il bisturi delle Leggi verso una società brutalmente gerarchizzata. Quindi meglio ridurre il capitale umano in eccesso, pieno di uomini e donne ingombranti, non più funzionali al sistema produttivo, persone che oggi vivono più a lungo di quanto sia utile al sistema dominante e che avanza richieste ed esigenze per mantenersi in vita nel modo migliore possibile
Per capire la vera logica di una “riforma” è sempre bene guardare ai casi limite, perché è lì che la propaganda smette di funzionare. Specie nel caso di una “riforma” molto complicata – ma non complessa – come quella della pubblica amministrazione.

Dopo anni o decenni di martellamento mediatico contro i “fannulloni” che lavorano per lo Stato o gli enti locali, di strette regolamentari in ogni posto di lavoro e di blocco del turnover, il risultato è chiaro: stipendi fermi, un sacco di precari sfruttati senza alcuna garanzia normativa (nello Stato si dovrebbe entrare per concorso), piante organiche ridotte all’osso o addirittura senza copertura dei posti previsti.

A questa situazione, il decreto Madia aggiunge qualche perla illuminante. Nello sforzo di bastonare ulteriormente i “fannulloni” che si mettono in malattia, il decreto prevede la fissazione di un tetto massimo dei giorni di malattia in un anno.
SEGUE SU FONTE

http://www.blog-lavoroesalute.org/il-decreto-madia-punisce-anche-i-malati-in-terapia-salvavita/

————————-

Lotte e amianto: sofferenza, coinvolgimento, impegno. I video e la documentazione
fonte  afevaemiliaromagna

Il giorno 8 giugno 2017 si è tenuto il Convegno dal titolo “Lotte e amianto: sofferenza, coinvolgimento, impegno. Uno sguardo transnazionale.”L’iniziativa è stata organizzata da AFeVA Emilia Romagna, con il Patrocinio dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, da un’idea di Agata Mazzeo, giovane antropologa all’Università di Bologna e all’Università di San Paolo del Brasile.
PER LEGGERE LA DOCUMENTAZIONE E VEDERE I VIDEO DEGI INTERVENTI

https://afevaemiliaromagna.org/2017/06/13/lotte-e-amianto-sofferenza-coinvolgimento-impegno-i-video-e-la-documentazione/

—————————–

PdE. Rivista di psicologia applicata all’emergenza, alla sicurezza e all’ambiente
In questo numero:

Neuroni specchio: un contributo per la gestione della sicurezza e dell’emergenza

Telelavoro e smart work al servizio dell’azienda e della persona

L’approccio partecipativo come nuova risorsa nella creazione di un modello di sicurezza inclusiva

E’ disponibile online il numero 45 di giugno 2017

LA RIVISTA PDE N°45 – 2017
http://www.diario-prevenzione.it/riviste/PdEn45.pdf

———————————–

SALUTE E SICUREZZA NEI TRASPORTI: RAFFORZIAMO PREVENZIONE E TUTELE

Un importante appuntamento a Roma 26 e 27 giugno i materiali saranno pubblicati in forma monografica da FILT-CGIL.

Attachments:
File    File size
Download this file (Salute e Sicurezza nei trasporti 26-27 giugno.pdf)Salute e Sicurezza nei trasporti 26-27 giugno.pdf

https://www.snop.it/attachments/article/721/Salute%20e%20Sicurezza%20nei%20trasporti%2026-27%20giugno.pdf

——————————————

Inserito da Editor
giovedì 08 giugno 2017
FONTE ETUI.ORG
30 mai 2017

Les émissions des moteurs diesel actuellement utilisés en France sont cancérogènes pour l’homme

Dans une note publiée le 22 mai, l’Agence nationale française de sécurité sanitaire de l’alimentation, de l’environnement et du travail (Anses) conclut sans équivoque que les émissions des véhicules routiers diesel circulant actuellement en France restent cancérogènes.

Cette affirmation se base sur des études épidémiologiques récentes indiquant des associations positives entre l’exposition à la pollution de l’air liée au trafic routier et la survenue de cancers du poumon.

Depuis le début des années 2000, de nouveaux moteurs diesel ont progressivement été mis sur le marché européen. Ils sont équipés de filtres à particules et de catalyseurs d’oxydation censés diminuer fortement les niveaux de polluants cancérogènes à l’échappement.

L’Anses a donc voulu étudier l’évolution des émissions des moteurs diesel et de leur cancérogénicité. L’organisme public français constate que les anciens moteurs diesel coexistent largement avec les nouveaux et que les émissions du parc roulant actuel de véhicules diesel se caractérisent toujours par la présence de composés cancérogènes (particules diesel, hydrocarbures aromatiques polycycliques, benzène, dioxines, formaldéhyde, etc.).

En ce qui concerne spécifiquement les émissions d’échappement des nouvelles technologies diesel, l’Anses estime que les connaissances sont actuellement trop limitées pour conclure à une absence de cancérogénicité.

Ces conclusions sont importantes car elles privent la Commission européenne de ses principaux arguments pour réfuter l’introduction d’une valeur limite d’exposition professionnelle contraignante (VLEPC) pour les émissions diesel dans la directive sur l’exposition à des agents cancérogènes au travail, en cours de révision. En janvier 2017, la Commission a en effet justifié son refus d’adopter une VLEPC par l’application de normes concernant les nouveaux moteurs diesel. Cette décision avait été sévèrement critiquée par la Confédération syndicale européenne (CES).

En Europe, plus de 3,6 millions de travailleurs sont exposés aux émissions d’échappement des moteurs diesel dans le cadre de leur travail.

Les gaz d’échappement des anciens moteurs diesel sont depuis 2012 classés parmi les cancérogènes avérés pour l’homme par le Centre international de recherche sur le cancer (CIRC).

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5342&Itemid=2

—————————————————–

In Gazzetta Ufficiale il testo del decreto sui vaccini

(fonte Regioni.it 3176 – 07/06/2017) “Come è noto, le Regioni avevano già iniziato a lavorare sull’obbligo delle vaccinazioni attraverso diverse leggi regionali, alcune già approvate, alcune ancora in fase di discussione”. Lo dichiara Antonio Saitta il Coordinatore della Commissione Salute per la Conferenza delle Regioni.
“Ritengo quindi assolutamente positivo che ci sia una norma nazionale sul tema, – dichiara Saitta – perché lo Stato ha il dovere di garantire la tutela della salute dei cittadini, sia salvaguardando l’individuo malato che necessita di cure sia tutelando l’individuo sano. Non si può infatti ignorare che l’introduzione delle vaccinazioni abbia consentito nel tempo di ridurre la diffusione di alcune malattie gravi e mortali. Ma proprio il successo delle vaccinazioni può aver indotto a pensare che non sia più necessario vaccinarsi e sta così determinando le condizioni per la ripresa e la diffusione delle malattie”.
“Nello specifico, – spiega il Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni – il fatto che il testo conceda alle famiglie nove mesi di tempo per mettersi in regola ci consente di superare i timori che avevamo sull’applicazione del decreto dal punto di vista organizzativo e sui problemi che avrebbe potuto creare. Nella fase di conversione del decreto le Regioni esprimeranno una valutazione complessiva e articolata del testo, ma chiedono già ora di essere sentite prima dell’emanazione della circolare applicativa, dato che hanno la responsabilità di organizzare il servizio sul territorio. La proposta che faremo è tesa a semplificare ulteriormente le procedure: la predisposizione di un modulo unico con cui le famiglie possano effettuare l’iscrizione a scuola e contestualmente la prenotazione delle vaccinazioni. Una modalità – conclude Saitta – che intende ridurre i disagi a carico delle famiglie ed eliminare un passaggio burocratico. A quel punto saranno infatti le aziende sanitarie, dopo aver acquisito le richieste dalle scuole, a chiamare le famiglie per le sedute vaccinali a seconda di quanto previsto dal piano nazionale”.

http://www.regioni.it/newsletter/n-3176/del-07-06-2017/

————————————-

Sicurezza ferroviaria e Commissione Interpelli. RLS scrivono al Presidente Mattarella

I Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza del settore ferroviario in una lettera aperta, pubblicata qualche giorno fa su Il Manifesto, si sono rivolti al Presidente della Repubblica ​in merito alla paralisi istituzionale della Commissione Interpelli.

Di seguito la lettera.

Al Presidente delle Repubblica italiana, On. Sergio Mattarella ​

Oggetto: paralisi istituzionale della “Commissione per gli Interpelli” di cui all’articolo 12 del Decreto Legislativo 81/2008. ​

Egregio Presidente, ​Le scriviamo nella nostra qualità di Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza del settore ferroviario per segnalarLe la paralisi della Commissione per gli Interpelli di cui all’articolo 12 del Decreto Legislativo 81/2008, meglio noto come Testo Unico sulla sicurezza del lavoro; Organismo istituito presso il ministero del lavoro e composto da rappresentanti dello stesso ministero, di quello della Salute nonché delle Regioni.
Esso svolge la delicatissima funzione di fornire agli Organismi di Vigilanza, Ispettori ALS e Ispettori del lavoro, indicazioni ed interpretazioni univoche su scala nazionale per l’applicazione omogenea delle leggi in materia di salute e sicurezza del lavoro. ​A differenza di altre Commissioni svolge un lavoro importantissimo con effetti diretti e concreti sul reale funzionamento e sull’efficacia dell’attività istituzionale relativa alla vigilanza nei luoghi di lavoro. ​La Commissione, pur avendo una grande mole di lavoro arretrato e istruttorie già completate, non si riunisce da circa sei mesi.
Ciò sembrerebbe legato, a seguito dell’adozione del Job act, all’istituzione del nuovo Ispettorato Nazionale del Lavoro il quale avrebbe assorbito tutto il personale già dipendente del Ministero del lavoro, titolare per legge a presiedere e gestire la Commissione per gli Interpelli. Il ministero, con un approccio freddamente burocratico, ad oggi non avrebbe né prorogato gli incarichi ai membri precedenti né nominato i nuovi componenti. Insomma, la causa di quello che a noi pare una sorta di ‘pasticcio burocratico’ risiederebbe, in origine nella mancata previsione da parte degli estensori della riforma, degli effetti pratici sui vari istituti giuridici già esistenti, e successivamente nel mancato intervento correttivo alle distorsioni prodotte dalla riforma da parte dei vertici ministeriali.
​Il nostro interesse al pieno funzionamento di questo Organismo non è limitato alla sola pratica “dell’Interpello” che ci riguarda da vicino, già istruita ed in via di definizione, sulla spinosa ed urgente questione del micidiale pedale a Uomo Morto in via di reintroduzione nelle cabine di guida dei treni ma – come lavoratori, RLS e cittadini – anche al suo buon funzionamento ed a quello della macchina amministrativa in generale. ​

Possiamo inoltre ipotizzare un analogo interesse alla ripresa delle attività della Commissione da parte delle Regioni, dei Sindacati, delle imprese e degli Ordini professionali, tutti soggetti legittimati a rivolgersi alla Commissione, presso la quale in effetti hanno depositato numerosi Interpelli rimasti inevasi. ​Per i motivi e le criticità esposte ci rivolgiamo a Lei, non prima di aver chiesto e sollecitato delle informazioni in merito ai responsabili del ministero del Lavoro, rimaste senza esito. ​
Poiché riteniamo l’organicità delle leggi e la tutela delle salute e sicurezza dei lavoratori temi e valori di rango costituzionale, siamo fiduciosi in un suo autorevole intervento quale garante della nostra Carta fondamentale su un tema così rilevante e di stringente attualità. ​

Siamo fortemente preoccupati per la paralisi di fatto di una importante funzione istituzionale e per questo confidiamo che vi sia – nell’ambito delle prerogative del Presidente, nei modi e nei tempi che Ella riterrà opportuni – la possibilità di un Suo legittimo interessamento, finalizzato a ripristinare al più presto l’operatività della Commissione.

Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, settore ferroviario

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5339&Itemid=2

———————————————

L’ENTREPRISE FACE AUX DÉFIS DU TÉLÉTRAVAIL GRIS (2/4)

Auteur : Grégoire Epitalon Dans Télétravail 13 jours avant 0

Cinq ans après la loi Warsmann, la France compte la même proportion de télétravailleurs que la moyenne européenne. Mais le télétravail reste informel dans au moins six cas sur dix, ce que l’on appelle le télétravail gris. Les confédérations syndicales s’inquiètent : comment expliquer ce décalage entre le cadre normatif et la réalité sur le terrain, et quelles solutions apporter ?  À l’occasion de l’ouverture de la concertation des partenaires sociaux sur le télétravail, nous publions, en 4 parties une étude de LBMG Worklabs. 2e partie : A quels risques est confronté un télétravailleur gris ?

VAI ALLA FONTE ZEVILLAGE.NET

http://zevillage.net/2017/05/defis-teletravail-gris-2/?PageSpeed=noscript%5C%27&PageSpeed=noscript%27

———————————————

ETUI conference on workers’ contribution to safer workplaces

In partnership with various ergonomics societies, the ETUI is organising a conference on how workers can contribute to the improvement of their working conditions. The conference will take place on 26 and 27 June 2017 in Brussels.

Entitled “Workers and creativity: How to improve working conditions by participative methods”, the conference will bring together ergonomists, experts in occupational safety and health and workers and safety reps from across Europe, to discuss how workers’ first-hand experience can enrich professionals’ knowledge and lead to better prevention.

This approach originates from the observation that workers develop operational procedures that enable them to cope with unforeseeable factors that occur in the workplace. How creative are workers in rectifying risky work situations? Could the creativity of workers as experts on their own working conditions contribute to an improvement in prevention in general? In the context of the “digitalization of the economy”, can participatory ergonomics provide answers to changes in the quality of work and the employment status?, are some of the issues that will be dealt with.

The conference is jointly organised by the ETUI, the Federation of European Ergonomics Societies (FEES), the Belgian Ergonomics Society (BES) and the Centre for Registration of European Ergonomists (CREE).
Interpretation will be provided from and into French and English.

Agenda (pdf – 679.70 Kb)
To register for the conference (free charge but mandatory)
http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5337&Itemid=2

———————————————–

Come si finanzia la salute globale.Uno studio
Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME)

Adriano Cattaneo

Nel presentare i loro risultati, gli autori dello studio sembrano dare per scontato che il finanziamento della salute debba crescere e lamentano il fatto che esso non cresca abbastanza nei paesi a reddito più basso, con il conseguente aumento del gap rispetto ai paesi a reddito maggiore. Ma crescere per cosa? E fino a quando? La crescita della spesa sanitaria nei paesi ricchi è strettamente associata al crescere del mercato della salute, con tutte le distorsioni e le conseguenze negative che ciò si porta dietro.

VAI A SALUTEINTERNAZIONALE.INFO

http://www.saluteinternazionale.info/2017/05/come-si-finanzia-la-salute-globale/

——————————————————

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO NEL COMPARTO DELL’ACCONCIATURA    
lunedì 05 giugno 2017

Informazioni per la valutazione dei rischi secondo il modello delle procedure standardizzate nel settore dell’acconciatura. Focus sul rischio chimico, sui risultati di alcuni studi e sulla prevenzione con riferimento anche all’uso di shampoo per capelli.

VAI A PUNTOSICURO.IT
https://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-lavoro-C-1/tipologie-di-rischio-C-5/rischio-chimico-C-33/la-valutazione-del-rischio-chimico-nel-comparto-dell-acconciatura-AR-16898/

————————————————

Réforme du code du travail : les syndicats tentent de tempérer le président français

Le président français Emmanuel Macron a reçu le 23 mai l’ensemble des interlocuteurs sociaux en tête à tête pour évoquer la réforme du droit du travail, un de ses plus importants engagements de campagne. Ces entrevues ont permis de confirmer la volonté du nouveau président de décentraliser la négociation collective au niveau de l’entreprise et de plafonner les indemnités prudhommales après licenciement. Emmanuel Macron souhaiterait également renégocier avec les partenaires sociaux les critères de pénibilité sur lesquels reposent le « compte pénibilité ».

A l’issue de leurs entrevues individuelles avec le chef de l’Etat français, les leaders syndicaux ont confirmé sa volonté d’avancer rapidement mais peut-être moins rapidement que prévu.

« Le calendrier à l’air d’avoir bougé (…) L’échéance de fin août ou du 1er septembre à l’air plus floue », a déclaré à la presse Philippe Martinez, le secrétaire général de la CGT. Le leader de la CFDT semblait moins rassurant. « Je lui ai demandé que la méthode ne soit pas à la hussarde (…) c’est-à-dire qu’il n’y ait pas une forme de précipitation qui ferait qu’il y aurait d’ici fin août le sentiment qu’il faudrait avoir tout réglé. De mon point de vue, c’est juste impossible », a déclaré Laurent Berger à sa sortie de l’Elysée. Même insistance chez Force Ouvrière, Jean-Claude Mailly rappelant dans un communiqué la nécessité de ne « pas précipiter les choses ».

Les entretiens du président français avec les partenaires sociaux ont permis de confirmer ses intentions sur deux dossiers qui risquent de cabrer les syndicats : M. Macron veut étendre à de nouveaux sujets la primauté des accords d’entreprise sur les accords de branche (limitée aujourd’hui essentiellement au temps de travail) et le plafonnement des indemnités prud’homales en cas de licenciement « sans cause réelle et sérieuse ».Cette dernière mesure permettrait aux employeurs d’anticiper le coût de la rupture du contrat de travail.

Un autre dossier risque de compliquer encore un peu plus le dialogue avec les organisations de travailleurs. Il concerne l’application du « compte pénibilité » que le président souhaiterait également revoir. Emmanuel Macron aurait confirmé lors de son entretien avec un représentant du patronat (François Asselin, dirigeant de la Confédération des petites et moyennes entreprises), qu’il comptait organiser un “moratoire” sur l’application du compte pénibilité, dont les critères seraient “renégociés avec les partenaires sociaux”.

Le compte personnel de prévention de la pénibilité est un système qui permet aux salariés exerçant un travail pénible d’accumuler au cours de leur carrière des points pour financer une formation professionnelle, passer à temps partiel avec maintien de rémunération ou anticiper leur départ à la retraite par rapport à l’âge légal.

En savoir plus :

Déclarations de Laurent Berger (CFDT)
Communiqué de FO, 23 mai 2017

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5334&Itemid=2

————————————-

Segnalazione prodotti non alimentari  pericolosi per l’uso
Rapid Alert System – Weekly Report

The Rapid Alert System enables quick exchange of information between 31 European countries and the European Commission about dangerous non-food products posing a risk to health and safety of consumers.

LA SCHEDA SETTIMANALE
http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5333&Itemid=2

————————————–

IARC INIZIA A PRONUNCIARSI SU ALCUNI NANOMATERIALI.

Una segnalazione del Dott. Rinaldo Ghersi

IARC inizia a pronunciarsi su alcuni nanomateriali. Per semplicità si può leggere solo il summary in coda ai volumi per le 3 sostanze
http://monographs.iarc.fr/ENG/Monographs/vol111/index.php

————————————–

Riduzione del rischio nelle attività di scavo

Nella nuova edizione viene messo a disposizione di datori di lavoro, responsabili dei servizi di prevenzione e protezione, responsabili tecnici, committenti e addetti ai lavori uno strumento di semplice consultazione che, dopo una disamina delle principali caratteristiche dei terreni, dei problemi di instabilità, dei fattori organizzativi e ambientali, nonché delle possibili dinamiche infortunistiche, riporta pratiche soluzioni organizzative e istruzioni tecniche.

Immagine Riduzione del rischio nelle attività di scavo
Inoltre, si affronta il tema della sicurezza del cantiere stradale e i rischi di natura elettrica nell’attività di scavo.

Prodotto: Opuscolo
Edizioni: Inail – 2016
Disponibilità: Sì – Consultabile anche in rete
Info: dcpianificazione-comunicazione@inail.it

Riduzione del rischio nelle attività di scavo
(.pdf – 5,71 mb)

Contenuti multimediali correlati

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5319&Itemid=2

——–
UTILITY
——–

La raccolta delle newsletter di diario prevenzione è disponibile sul sito

https://dprevenzione.wordpress.com

——————————

Se desideri segnalare a un/a collega questa newsletter, la modalità per iscriversi alla mailing list è la seguente: il tuo/a collega può inviare dalla sua mail una email vuota al seguente indirizzo
notizie-subscribe@diario-prevenzione.it
il programma che gestisce la mailing list invierà in automatico una mail di verifica con richiesta di conferma

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa mensile contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti e media  che trattano la  prevenzione dei rischi sul lavoro e negli ambienti di vita. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.

———————————–

PODCAST AUDIO NEWS
DIARIO PREVENZIONE

http://bit.ly/1p34Qcm
————————————

SEGUI DIARIOPREVENZIONE
SU TWITTER

https://twitter.com/dprevenzione

———————————-

VISITA IL BLOG ONDE CORTE

fatti & idee nell’epoca della
post democrazia

http://www.lab-lps.org/post/

———————————-

 

 Cordiali saluti a tutt.*, grazie per l’attenzione
arrivederci alla prossima newsletter
Gino Rubini, editor di www.diarioprevenzione.it

°°°°°°

Per favore non stampare questa newsletter
per non sprecare risorse energetiche ed ambientali .
grazie

°°°°°°

Link


newsletter diario prevenzione

http://www.diario-prevenzione.it

28 marzo 2017 – vol.n° 128

notizie, documenti e link sui temi del governo
dell’ambiente
della salute e
della sicurezza nel lavoro e
sulla responsabilità sociale d’impresa

*****

UNA PRIMA TAPPA POSITIVA NELLA BATTAGLIA CONTRO I TUMORI PROFESSIONALI

Il 28 febbraio u.s. la Commissione Affari sociali del Parlamento europeo ha votato diversi emendamenti alla proposta del testo della Commissione europea per la revisione della Direttiva sulla protezione dei lavoratori contro gli agenti cancerogeni e mutageni.
Un emendamento molto importante concerne le sostanze tossiche per la riproduzione. Gli eurodeputati ritengono che queste sostanze devono entrare nel campo d’applicazione della direttiva. Attualmente milioni di lavoratori e lavoratrici sono esposti a queste sostanze in Europa . Esse possono ridurre la fertilità, procurare aborti spontanei, causare malformazioni congenite o di essere all’origine di gravi problemi di salute tra i bambini ( tumori infantili, disturbi dello sviluppo, ritardi intellettuali, ecc ).

Un altro emendamento essenziale riguarda il valore limite di esposizione professionale (VLEP) per la silice cristallina
che dovrebbe essere portato a 50 microgrammi per metro cubo in luogo dei 100 microgrammi proposti dalla Commissione e dalle lobbies industriali. Un periodo di transizione di 10 anni è tuttavia previsto per gli Stati che non vorranno applicare immediatamente questo valore limite (VLEP)
Il voto del 28 febbraio ha riguardato altre sostanze che rappresentano una minaccia per la salute di milioni di lavoratori.
Il Parlamento raccomanda di adottare un valore limite di 2 milligrammi per metro cubo per tutte le polveri di legno ( con un periodo di transizione di 5 anni ). Un valore limite di microgrammo per metro cubo è egualmente raccomandato per il cromo esavalente contro i 25 microgrammi proposti dalla Commissione e dall’industria.

Altri emendamenti hanno lo scopo di permettere a tutti i lavoratori che sono stati esposti a sostanze cancerogene di beneficiare di accertamenti sanitari per una diagnosi precoce.

Questo voto non è che una tappa verso l’adozione di una direttiva che permetterebbe di salvare migliaia di vite anno rispetto alle proposte minimaliste che sono state formulate dalla Commissione e che beneficiavano del sostegno delle lobbies industriali.

Bisogna sottolineare che la maggior parte degli emendamenti sono stati votati con una forte maggioranza, fino al 85% dei voti.

La sessione plenaria del Parlamento dovrà pronunciarsi su questi emendamenti nell’aprile 2017. Successivamente bisognerà trovare un consenso fra il Parlamento e il Consiglio dei ministri. Il fatto che il rapporto parlamentare sia stato votato con 38 voti favorevoli e 6 voti contrari indica che esiste un rapporto di forza in favore di un miglioramento sostanziale della proposta legislativa. E questo a dispetto d’una campagna intensa dell’industria a favore dell’approccio minimalista della Commissione.

Per saperne di più

1) Vogel L., Cancer au travail: chantier ouvert pour une meilleure législation, HesaMag 14, automne-hiver 2016 (pdf – 332,73 Ko)

http://www.etui.org/fr$/content/download/26371/248097/file/Hesamag14_FR-6-9.pdf

2) UE. Le proposte di aggiornamento della Direttiva UE in materia di sostanze cancerogene negli ambienti di lavoro peggiorano i rischi per la salute dei lavoratori.

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5240&Itemid=53

__________________________

EVENTI

Amianto e materiali rotabili
Un importante appuntamento a Bologna il 30 marzo 2017

Amianto e materiali rotabili.pdf)Amianto e materiali rotabili.pdf 35 Kb
https://www.snop.it/attachments/article/684/Amianto%20e%20materiali%20rotabili.pdf

Bologna 30 marzo 2017 amianto e materiali rotabili.pdf)Bologna 30 marzo 2017 amianto e materiali rotabili.pdf 2328 Kb

https://www.snop.it/attachments/article/684/Bologna%20%2030%20marzo%202017%20%20amianto%20e%20materiali%20rotabili.pdf

————————-

EVENTI

FIOM CGIL

Senza limiti Senza confini. Assemblea nazionale su salute e sicurezza
L’Assemblea nazionale Salute e Sicurezza di venerdì 31 marzo a Reggio Emilia, si terrà presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi, viale Ramazzini 72/a.

http://www.fiom-cgil.it/web/salute-e-sicurezza-rls/news/senza-limiti-senza-confini-assemblea-nazionale-su-salute-e-sicurezza

———————-

ROMA – Esportazione e importazione sostanze pericolose.

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto legislativo del 10 febbraio 2017, n. 28 che riporta la Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (UE) n. 649/2012 sull’esportazione ed importazione di sostanze chimiche pericolose. Decreto in vigore dal 2 aprile e che abrogherà a partire da tale data il precedente provvedimento 27 ottobre 2011, n. 200.
Definizioni delle sostanze interessate (sostanza, miscela, pesticidi, industriale, con restrizioni, Pic, vietata), territori doganali, esportazione e riesportazione, importazione e autorità nazionali (Ministeri Salute, Ambiente e Sviluppo Economico) richiamano quanto indicato dagli articoli 3 e 4 del Regolamento del 2012

L’ARTICOLO SEGUE ALLA FONTE QUOTIDIANOSICUREZZA
http://www.quotidianosicurezza.it/normativa/leggi/esportazione-importazione-sostane-pericolose.htm

————————–

Valutazione dei rischi e caratteristiche soggettive
(età, genere ecc.)
Centro Cultura per la Prevenzione – V.le D’Annunzio 15 – Milano
Mercoledì 22 marzo 2017 – ore 09:00 – 13:00
LE RELAZIONI DEL CONVEGNO
http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5269&Itemid=2

————————-

Legambiente: maladepurazione costa 62,69 milioni di multa Ue

(Regioni.it 3127 – 22/03/2017) Un quarto della popolazione del nostro Paese non è servito bene da servizi di depurazione. Lo evidenzia uno studio di Legambiente. Si tratta del rapporto di “Nuova Ecologia”, la rivista di Legambiente.
Si indicano inoltre 104 agglomerati urbani coinvolti da provvedimenti di condanna della Corte di Giustizia europea. Il 63% delle infrazioni relative alla condanna del 2012 riguarda la Sicilia. Comunque sono molte le regioni interessate: Abruzzo, Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Puglia, Sicilia, Lazio, Lombardia, Marche, Sardegna, Valle D’Aosta, Veneto e Piemonte.
Legambiente ricorda quindi le sanzioni dell’Unione Europea all’Italia per mancata depurazione: “Oltre alla sentenza di condanna del 2012, c’è quella del 2014, una terza procedura di infrazione europea ancora in corso per il mancato rispetto della direttiva 91/271 sulla depurazione degli scarichi civili. Ci sono poi 62,69 milioni di euro di multa comminata dalla Commissione Ue all’Italia e i 347mila euro per ogni ulteriore giorno di ritardo. Si arriverebbe così a pagare oltre 185 milioni di euro solo nel primo anno, oltre ovviamente al costo degli interventi”.
L’ARTICOLO SEGUE
http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5268&Itemid=2

—————————-

Sanità, i raggiri di Renzi per far fuori la salute pubblica

di Ivan Cavicchi

Quello che Renzi intende fare per la sanità del futuro si può leggere nel suo documento per le primarie (Avanti, insieme) e precisamente al punto 6: “Prendersi cura delle persone”. Vi avverto non è una lettura semplice perché ambigua, paludata, ingannevole cioè è altra cosa da quello che si dice “parlar toscano” pane al pane e vino al vino. Si definisce “raggiro” il ricorso a artifici retorici per raggiungere uno scopo e “raggiratore” chi imbroglia mettendo in atto raggiri. I raggiri di Renzi sulla sanità… ma di che si tratta?

A parte dichiarare che, a proposito di welfare, si tratta di continuare quello che il governo ha fatto fino ad ora quindi di “completare il suo disegno”, il che, se si pensa ai tagli lineari, al definanziamento, alla defiscalizzazione degli oneri per le mutue ecc fa venire i brividi. Completare il disegno significa far fuori la sanità pubblica.

A parte promettere piani decennali per la non autosufficienza e i disabili, per il personale, per la formazione dei quali non è chiaro il meccanismo di finanziamento soprattutto se in ragione della continuità dell’azione di governo dovesse sussistere il criterio del “costo zero”.

A parte queste cose, il nodo centrale, quasi la parola chiave, della mozione di Renzi, è “protezione”. Con questo termine ci viene proposto di superare il diritto alla salute previsto dall’art 32 sostituendolo con una idea di tutela, cioè di difesa dai rischi della malattia, di chiaro stampo mutualistico. Esattamente come 100 anni fa.
SEGUE SU FONTE
http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5267&Itemid=2

———————

La souffrance au travail progresse pour 90 % des Français
Anne-Marie Thomazeau

A l’occasion des Semaines d’information de la santé mentale, le groupe Mgen a réalisé, avec OpinionWay, une étude sur le vécu des actifs en France en matière de santé mentale au travail. Leur conclusion : alors que la souffrance leur apparaît comme une réalité de plus en plus forte, ils ne trouvent pas de réponses satisfaisantes auprès de leur hiérarchie, des ressources humaines ou de la médecine du travail.

leggi l’articolo
http://www.viva.presse.fr/la-souffrance-au-travail-progresse-pour-90-des-francais-172549

————————-

La nuova legislazione del lavoro : ruolo e funzione degli RLS nell’organizzazione del lavoro e nella valutazione dei rischi

Seminario AUSL Toscana Centro – Rete Regionale RLS , 01 dicembre 2016 Sesto Fiorentino

scarica le le relazioni presentate

http://www.asf.toscana.it/images/stories/prevenzione/newsletter/Seminario_RLS_01_dicembre-2016.zip

————————-

” Prodotti biologici : garanzia di assenza di pesticidi o trovata commerciale ?! “
Tesi di laurea del Corso Tecniche della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro

Prosegue l’attivita’ di pubblicazione delle tesi che , in accordo con la docente dell’Università di Firenze che svolge funzioni di tutor del corso , si sono contraddistinte per la loro qualità tecnico scientifica :

” Prodotti biologici : garanzia di assenza di pesticidi o trovata commerciale ?! ” di Arianna Ugolini

scarica la tesi dalla fonte
http://www.asf.toscana.it/images/stories/prevenzione/tesi_laurea_ugolini.zip

————————-

Ministero del lavoro, ricostituita la Commissione per i lavori sotto tensione

La Commissione per i lavori sotto tensione è stata ricostituita con Decreto direttoriale n. 12/2017 e resterà in carica per un triennio.

Con il Decreto direttoriale n. 12/2017, è stata ricostituita la Commissione per i lavori sotto tensione, per lo svolgimento delle attività di cui al paragrafo 2 dell’Allegato I al Decreto ministeriale 4 febbraio 2011 a firma del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro della salute.

La Commissione resterà in carica per un triennio, a decorrere dalla data del decreto, e i suoi componenti potranno essere nominati per non più di due mandati complessivi.

Fonte: Ministero del Lavoro

http://www.lavoro.gov.it/

————————–

Condividere i dati relativi alla salute per migliorare la governance dei sistemi sanitari.

Grazia Bertiglia, Dors – Elisa Valesio, Regione Piemonte

La “Raccomandazione sulla governance dei dati relativi alla salute” (Recommendation on Health Data Governance) é stata adottata dal Consiglio dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) (nota 1) il 13 dicembre 2016 ed è stata resa pubblica dopo la sua approvazione da parte dei Ministri competenti dei Paesi Membri, nell’incontro avvenuto a Parigi il 17 gennaio 2017.

La Raccomandazione sulla governance dei dati sulla salute, condivisa fra tutti i paesi membri dell’OCSE, rappresenta la base di consenso circa le condizioni entro cui i dati sanitari possono essere adeguatamente trattati sia entro i confini nazionali e sia in condivisione con studiosi e professionisti di altri Paesi, in modo da ridurre i rischi di danni o usi impropri e aumentare i benefici per i pazienti e per i sistemi sanitari.

L’articolo segue alla FONTE. DORS.IT
http://www.dors.it/page.php?idarticolo=2944

——————————-

Accidents, deaths and health problems at work: data sources of the costs for Europe

Each year, work-related accidents result in long periods of absence from work, and even death. Furthermore, a significant proportion of Europe’s working population suffers from one or more work-related health problems.

As a first step towards estimating the Europe-wide costs of work-related health problems, accidents and deaths, EU-OSHA has produced a new report evaluating the quality and comparability of the available data that can be used to determine those costs. Although the authors identified a lack of robust and reliable data in this area, they suggest methods that would allow a partial estimation of costs to be made.

Read the full report
https://osha.europa.eu/en/tools-and-publications/publications/estimating-cost-work-related-accidents-and-ill-health-analysis/view

Check out a summary of the report
https://osha.europa.eu/en/tools-and-publications/publications/executive-summary-estimating-cost-work-related-accidents-and-ill/view

Access to background data
https://oshwiki.eu/wiki/Accidents,_deaths_and_health_problems_at_work:_the_costs_for_Europe

———————–

Rischio chimico: quando nelle aziende viene sottostimato

Un manuale prodotto dall’ULSS di Treviso si sofferma sulla valutazione del rischio chimico. Focus sulla ricerca a tutti i costi di situazioni di rischio basso e irrilevante e su altre criticità nelle strategie di prevenzione dei rischi chimici.

fonte PUNTOSICURO.IT
https://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-lavoro-C-1/tipologie-di-rischio-C-5/rischio-chimico-C-33/rischio-chimico-quando-nelle-aziende-viene-sottostimato-AR-16451/

———————–

POLITICHE DELLA SALUTE
Trumpcare. Dalla propaganda alla realtà
Stefano Guicciardi

A distanza di soli due mesi dal suo insediamento l’amministrazione Trump ha dimostrato un notevole attivismo anche in campo sanitario. Quelli che sembravano discorsi spavaldi si stanno già trasformando in atti amministrativi e in proposte di legge che ridurranno nei prossimi anni i livelli di protezione per milioni di persone. Inoltre la riforma fiscale prevede la riduzione delle tasse dello 0,9% sui redditi individuali superiori ai 200.000 dollari e su quelli familiari superiori ai 250.000 dollari. Il 2% più ricco della popolazione sarà così beneficiato di un taglio di tasse di 275 miliardi di dollari, si tratta di un enorme trasferimento di ricchezza dalle fasce a reddito medio e basso ai più ricchi.

L’articolo segue alla fonte su saluteinternazionale

http://www.saluteinternazionale.info/2017/03/trumpcare-dalla-propaganda-alla-realta/

————————-

Newsletter medico legale Inca Cgil Numero 6/2017
Le malattie professionali delle lavoratrici nelle statistiche INAIL

In occasione dell’8 marzo l’INAIL ha presentato i dati relativi agli infortuni e alle malattie professionali delle lavoratrici.
Per quanto concerne gli infortuni riprendiamo i soli dati relativi agli infortuni in itinere in quanto confermano un dato che è emerso nelle indagini che abbiamo condotto in diversi settori lavorativi e cioè che vi è un rapporto fra questa tipologia di infortuni e sia l’organizzazione del lavoro sia la conciliazione fra lavoro di cura e lavoro retribuito.
Secondo l’Istat, nel 2015 le donne rappresentavano il 52% della popolazione italiana con più di 15 anni, ma solo il 42% del totale degli occupati. Dopo la diminuzione del numero delle lavoratrici registrato nel 2013 (-1% rispetto al 2012), nel 2015 è proseguito il trend in lieve aumento già rilevato nel 2014 (+0,6%), con un incremento dello 0,5% su una popolazione di lavoratrici quantificato in circa 9,4 milioni. Il tasso di occupazione femminile rilevato dall’Istituto nazionale di statistica per il 2016 (media dei primi tre trimestri) è pari al 48%, in lieve aumento rispetto all’anno precedente ma distanziato di
quasi 20 punti percentuali dal 66,4% registrato tra gli uomini.

—> leggi tutta la NEWSLETTER
http://www.diario-prevenzione.it/newsletter/news_inca_6_2017.pdf

——————–

AFLATOSSINE: Un rischio sottovalutato negli ambienti di lavoro Mentre le procedure per il controllo delle aflatossine negli Alimenti sono piuttosto consolidate (vedi Documento) non vi è ancora piena consapevolezza del rischio di esposizione negli ambienti di lavoro.

In controtendenza da alcuni anni della Regione Emilia Romagna che nasce dalla collaborazione tra le ASL di Reggio Emilia, Piacenza, Ravenna, Bologna … ed è stata oggetto di un importante Seminario a dicembre in collaborazione con il Sindacato -.

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5251&Itemid=2

———————–

PdE

Rivista di psicologia applicata all’emergenza, alla sicurezza e all’ambiente

ISSN 2531-4154

PdE numero 44

Indice

Stadi: riflessione sul ruolo degli steward in emergenza

Cosa mi metto questa mattina?

Gestione dell’emergenza rapina

Azioni e Reazioni nell’emergenza

In questo numero:

Stadi: riflessioni sul ruolo degli steward in emergenza

Cosa mi metto questa mattina?

LA RIVISTA
http://www.diario-prevenzione.it/riviste/PdEn44.pdf

——————

L’ONDA LUNGA DEL MODELLO OPERAIO ITALIANO PER LA CONOSCENZA E LA LOTTA PER LA SALUTE E SICUREZZA NEL LAVORO

La rivista accademica in lingua spagnola e portoghese importante nell’ambito degli studi su lavoro, salute, psicologia del lavoro, ergonomia, che si chiama LABOREAL ha pubblicato una ricerca di Patrizio Tonelli su alcune esperienze cilene realizzate durante gli anni ’90 ispirate al modello operaio italiano.
Investigación Empírica. Para el estudio de la difusión del Modelo Obrero. Tres historias desde Chile Patrizio Tonelli

http://laboreal.up.pt/files/articles/18_32_3.pdf

Nello stesso numero di LABOREAL un articolo di Laurent Vogel
Arqueología Del Conocimiento.La actualidad del modelo obrero italiano para la lucha a favor de la salud en el trabajo
Laurent Vogel
http://laboreal.up.pt/files/articles/10_17_1.pdf

LA RIVISTA LABOREAL
http://laboreal.up.pt/es/home/?UDSID=%A7%A7%A7%A70017030901343300173851991%A7%A7%A7%A7

——–
UTILITY
——–

La raccolta delle newsletter di diario prevenzione è disponibile sul sito

https://dprevenzione.wordpress.com

——————————

Se desideri segnalare a un/a collega questa newsletter, la modalità per iscriversi alla mailing list è la seguente: il tuo/a collega può inviare dalla sua mail una email vuota al seguente indirizzo
notizie-subscribe@diario-prevenzione.it
il programma che gestisce la mailing list invierà in automatico una mail di verifica con richiesta di conferma

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa ogni 20 giorni contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti e media che trattano la prevenzione dei rischi sul lavoro e negli ambienti di vita. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.

———————————–

PODCAST AUDIO NEWS
DIARIO PREVENZIONE

http://bit.ly/1p34Qcm
————————————

SEGUI DIARIOPREVENZIONE
SU TWITTER

———————————-

VISITA IL BLOG ONDE CORTE

fatti & idee nell’epoca della
post democrazia

http://www.lab-lps.org/post/

———————————-

Cordiali saluti a tutt.*, grazie per l’attenzione
arrivederci alla prossima newsletter

Gino Rubini, editor di http://www.diarioprevenzione.it

°°°°°°

Per favore non stampare questa newsletter
per non sprecare risorse energetiche ed ambientali . grazie

°°°°°°

newsletter diario prevenzione 28 febbraio 2017 – vol.n° 127


newsletter diario prevenzione


http://www.diario-prevenzione.it

28 febbraio 2017 – vol.n° 127

notizie, documenti e link sui temi del governo dell’ambiente della salute e della sicurezza nel lavoro e sulla responsabilità sociale d’impresa


*****


UE. Le proposte di aggiornamento della Direttiva UE in materia di sostanze cancerogene negli ambienti di lavoro peggiorano i rischi per la salute dei lavoratori.

Ogni anno in Europa 100 mila lavoratori e lavoratrici muoiono a causa di tumori derivanti da esposizioni professionali.
Per aggiornare la sua direttiva sulla protezione dei lavoratori contro l’esposizione alle sostanze cancerogene che sono la causa ogni anno di 100.000 decessi, la Commissione ha deciso di fare riferimento ad esperti in maggioranza legati alle industrie multinazionali.

L’esigenza di aggiornare la Direttiva deriva dalla necessità di allineare i contenuti tecnici e scientifici ( introduzione di nuove sostanze nei processi produttivi, redifinizione dei valori limite d’esposizione, metodologie di protezione, sorveglianza sanitaria e monitoraggio epidemiologico ).

Il compito di elaborare i contenuti tecnico scientifici dell’aggiornamento della Direttiva cancerogeni è affidato ad un Comitato scientifico in materia di limiti d’esposizione (Scoel). La maggioranza degli esperti chiamati comporre questo Comitato ( 15 su 22) intrattengono legami professionali molto stretti con i settori industriali interessati nell’uso delle sostanze sottoposte alla valutazione del Comitato.Tre di questi esperti sono dipendenti delle multinazionali come Basf e Shell.

In buona sostanza la Commissione europea ha affidato ad esperti in palese conflitto d’interessi la salute di molti milioni di lavoratori.

Il testo della Direttiva che costoro stanno preparando è una vergogn, come affermano diversi esperti: il valore proposto per il cromo esavalente, ad esempio, è venticinque volte superiore a quelli attualmente praticato in Francia.

In Francia il valore limite del Cromo esavalente è di 0,001 milligrammi per metro cubo d’aria, la Commissione su consiglio del Comitato Scoe propone un valore limite di 0,025 mg/m3, un valore 25 volte superiore che comporterebbe, secondo una valutazione dell’Agenzia europea dei prodotti chimici, un tumore polmonare ogni 10 lavoratori esposti. Vi sono paesi della UE che non hanno una legislazione specifica sul cromo esavalente per la protezione dei lavoratori che si troverebbero una direttiva europea con limiti di esposizione inefficaci e ingannevoli.

“Valori limite molto elevati aprono la strada a veri e propri disastri, afferma Laurent Vogel. I lavoratori hanno l’illusione di essere protetti, in pratica questi valori limite si trasformano in una autorizzazione ad uccidere accordata alle imprese”.

Questo vale anche per il valore limite della silice cristallina che per i sindacati dovrebbe essere, sulla base di studi epidemiologici e d’igiene industriale USA, 0,05 mg/m3 mentre gli esperti della Commissione prevalentemente di parte padronale propongono 0,1 mg/m3.Il valore limite proposto da ETUC salverebbe in Europa 100.000 vite nei prossimi 50 anni.

La prossima tappa della revisione della direttiva: domani 28 febbraio ci sarà un voto all’interno della Commissione dell’impiego e degli affari sociali del Parlamento europeo. Gli industriali hanno fatto sapere che rifiuteranno ogni vincolo supplementare. Dal voto alla Commissione Affari sociali di domani si misurerà il grado di autonomia o di dipendenza delle Istituzioni europee dai poteri forti e si giocherà ancora una volta la credibilità, purtroppo,  sempre più debole dell’Europa.

Auspichiamo che i componenti italiani della Commissione prendano in considerazione le proposte di Cgil CISL UIL contenute nella lettera inviata loro ieri.

Una considerazione amara: i veri alleati dei nemici dell’Europa e dei populisti di destra sono all’interno del gruppo dirigente ad orientamento neo liberista della Commissione Europea che antepongono gli interessi delle multinazionali rispetto alla tutela del patrimonio di salute di milioni di lavoratori esposti per ragioni professionali alle sostanze cancerogene.

Gino Rubini, editor di Diario Prevenzione

(L’articolo indagine del quotidiano Le Monde su questa vicenda è scaricabile da diario prevenzione).

http://www.diario-prevenzione.it/articoli/LeMonde%2025_02_2017.pdf

————————

Il 20/2/2017 CGIL, CISL e UIL hanno inviato una lettera ai parlamentari europei italiani con proposte sulla modifica della direttiva Cancerogeni

Le proposte si riferiscono in particolare alle seguenti sostanze:
– Cromo esavalente
– Silice cristallina respirabile
– Polvere di legno
– Sostanze tossiche per la riproduzione

http://www.ciip-consulta.it/index.php?option=com_content&view=article&id=624:20-2-2017-cgil-cisl-uil-lettera-ai-parlamentari-europei&catid=297&Itemid=444

In allegato il testo della lettera
Allegati: Scarica questo file (lettera_ai_parlamentari_europei.pdf)Lettera ai componenti italiani del Parlamento Europeo    [CGIL-CISL-UIL]

http://www.ciip-consulta.it/attachments/article/624/lettera_ai_parlamentari_europei.pdf

__________________________

Notizie Salute Sicurezza
Lavoro Ambiente
Febbraio Marzo  2017

_________________________

Eventi

CASTELBOLOGNESE ASSEMBLEA: AMIANTO- UN VELENO FRA DI NOI

A Castel Bolognese, Mercoledì 1 marzo 2017, alle ore 20.30, presso il Teatrino del Vecchio Mercato in via Rondanini, 19 si terrà una Assemblea Pubblica dal titolo:

AMIANTO –  UN VELENO FRA DI NOI

per AFeVA Emilia Romagna interverrà Idilio Galeotti, responsabile dello Sportello Amianto AFeVA di Faenza e Ravenna

Si parlerà di Amianto, del rischio che rappresenta per le persone ancora oggi, di quello che sta facendo l’Amministrazione Comunale per Censire l’amianto esistente e per Bonificarlo.

Interverranno:

Luca Della Godenza – Vicesindaco

Giampiero Mancini – Responsabile SPSAL AUSL Ravenna

Gianni Casadio – Avvocato

Claudia Ferrari – Regione Emilia Romagna

Idilio Galeotti – AFEVA ER

https://afevaemiliaromagna.org/2017/02/23/castelbolognese-assemblea-amianto-un-veleno-fra-di-noi/

———————

Ambiente Lavoro Salute – Podcast di Diario Prevenzione

27 febbraio  2017 – vol.n° 43

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di

– MORTI BIANCHE NEL 2016: SONO 1.018 GLI INFORTUNI MORTALI DA GENNAIO A DICEMBRE

– Tumori da esposizione in ambiente di lavoro, Bruxelles complice dell’industria.

– Garante privacy: vietati i controlli indiscriminati su e-mail e smartphone aziendali

– Il dirigente, il preposto e l’RSPP in ambito sanitario: sentenze

– Il metodo Niosh per la valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi

– Rendre le monde du travail plus attentif à la santé des femmes

IL NOTIZIARIO AUDIO ( 32 minuti )

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5239&Itemid=127

———————-

MORTI BIANCHE NEL 2016: SONO 1.018 GLI INFORTUNI MORTALI DA GENNAIO A DICEMBRE.

LA REGIONE CHE CONCLUDE IL 2016 CON IL MAGGIOR NUMERO DI INCIDENTI MORTALI SUL LAVORO E’ L’EMILIA ROMAGNA CON 87 CASI.

Il 2016 si è concluso con un considerevole numero di morti bianche in Italia, come si può constatare dall’ultima analisi condotta dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering sulla base di dati INAIL: da Gennaio a Dicembre 2016 sono state 749 le vittime in occasione di lavoro e 269 quelle in itinere.

Dal confronto con l’anno 2015 emerge una costante tendenza alla diminuzione di vittime. L’anno precedente si era infatti concluso con 878 casi di incidenti mortali in occasione di lavoro, ben 129 casi in più del 2016, pari ad una riduzione del 14,7%.

Analizzando la situazione da un punto di vista territoriale, si può constatare che l’Emilia Romagna ha concluso l’anno sempre con il drammatico primato. Sono infatti 87 i decessi, nella regione, seguita dal Veneto e dalla Lombardia con 86 morti bianche ciascuna.

segue su fonte

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5236&Itemid=2

——————-

Il dirigente, il preposto e l’RSPP in ambito sanitario: sentenze

I criteri di individuazione dei ruoli nelle strutture ospedaliere, gli obblighi in presenza e in assenza di potere di spesa, le responsabilità per gli infortuni ai lavoratori e ai pazienti, i casi giurisprudenziali. Di Anna Guardavilla.

L’ARTICOLO PROSEGUE SU FONTE  PUNTOSICURO.IT

https://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-lavoro-C-1/rubriche-C-98/sentenze-commentate-C-103/il-dirigente-il-preposto-l-rspp-in-ambito-sanitario-sentenze-AR-16788/

——————

Garante privacy: vietati i controlli indiscriminati su e-mail e smartphone aziendali

Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato la Newsletter n. 424 del 17 febbraio 2017, con la quale, tra le altre cose, ha ribadito che l’accesso  in maniera indiscriminata alla posta elettronica o ai dati personali contenuti negli smartphone in dotazione al personale, da parte del datore di lavoro, è un comportamento illecito.

Il Garante della privacy, nel caso specifico, ha vietato ad una multinazionale l’ulteriore utilizzo dei dati personali trattati in violazione di legge [doc. web n. 5958296]. La società potrà solo conservarli per la tutela dei diritti in sede giudiziaria.

Nel disporre il divieto l’Autorità ha affermato che il datore di lavoro, pur avendo la facoltà di verificare l’esatto adempimento della prestazione professionale ed il corretto utilizzo degli strumenti di lavoro da parte dei dipendenti, deve in ogni caso salvaguardarne la libertà e la dignità, attenendosi ai limiti previsti dalla normativa. La disciplina di settore in materia di controlli a distanza, inoltre, non consente di effettuare  attività idonee a realizzare, anche indirettamente, il controllo massivo, prolungato e indiscriminato dell’attività del lavoratore.

I lavoratori, poi, devono essere sempre informati in modo chiaro e dettagliato sulle modalità di utilizzo degli strumenti aziendali ed eventuali verifiche.

La vicenda nasce dal reclamo di un dipendente che si era rivolto al Garante lamentando un illegittimo  trattamento effettuato da una multinazionale, che avrebbe acquisito informazioni anche private contenute nella e-mail e nel telefono aziendale, sia durante il rapporto professionale sia dopo il suo licenziamento.

Dai riscontri effettuati dall’Autorità sono effettivamente emerse numerose irregolarità. La società, ad esempio, non aveva adeguatamente informato i lavoratori sulle modalità e finalità di utilizzo degli strumenti elettronici in dotazione, né su quelle relative al trattamento dei dati. Aveva poi configurato il sistema di posta elettronica in modo da conservare copia di tutta la corrispondenza per ben dieci anni, un tempo non proporzionato allo scopo della raccolta. Esisteva anche una procedura che consentiva alla società di accedere al contenuto dei messaggi che, in linea con la policy aziendale, potevano avere anche carattere privato. E’ inoltre emerso che la società continuava a mantenere attive le caselle e-mail fino a sei mesi dopo la cessazione del contratto, senza però dare agli ex dipendenti la possibilità di consultarle o, comunque, senza informare i mittenti che le lettere non sarebbero state visionate dai legittimi destinatari ma da altri soggetti.

segu su fonte

http://newsletter.shritalia.com/t/r-l-ykkuvkl-tithtymo-g/

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5237&Itemid=2

———————–

Rendre le monde du travail plus attentif à la santé des femmes

Le chemin vers l’égalité entre les hommes et les femmes au travail reste pavé de bonnes intentions, mais bien monotone car les choses y évoluent trop lentement. C’est le constat tiré par plusieurs orateurs d’un séminaire organisé les 13 et 14 février par l’ETUI. Cet évènement avait pour objectif de présenter les résultats de travaux récents sur les inégalités de santé liées au genre.

Force est de constater que les politiques de santé au travail et les pratiques de prévention reposent toujours sur un modèle dont le référent reste le travailleur masculin. Les secteurs à forte prédominance féminine restent considérés dans l’opinion publique et par les responsables politiques comme peu touchés par les risques professionnels.

Les différents intervenants, issus principalement de la recherche en sciences sociales et des milieux syndicaux, ont présenté les résultats de travaux qui démontrent le contraire. Le secteur de la coiffure est un véritable “cas d’école”. Malgré des études confirmant de multiples problèmes de santé (troubles musculosquelettiques, santé reproductive altérée, cancers,  allergies, maladies cutanées, etc.) les risques spécifiques à ce métier sont considérés comme des problèmes mineurs. Par exemple, la Commission européenne refuse toujours de transposer en directive un accord-cadre sur la santé des travailleurs de la coiffure approuvé par les partenaires sociaux européens de ce secteur.

Ce désintérêt pour les risques spécifiques en matière de santé rencontrés par les femmes sur leur lieu de travail se manifeste également dans le champ de la recherche scientifique. “L’exposition des femmes à des substances dangereuses reste largement inexploré”, a regretté Elke Schneider, de l’Agence européenne pour la sécurité et la santé au travail (EU-OSHA). Dans son exposé consacré aux substances toxiques pour la reproduction sur les lieux de travail, elle a épinglé les limites de politiques de prévention qui reposeraient uniquement sur des valeurs limites d’exposition professionnelles.

Laurent Vogel, chercheur à l’ETUI, a pour sa part dénoncé le fait que les recherches toxicologiques obèrent certains effets touchant plus spécifiquement les femmes. Il a également dénoncé la trop grande place occupée par l’industrie dans le domaine de la recherche en toxicologie. Il a cité l’exemple des études sur la toxicité des produits utilisés dans le secteur de la coiffure qui reposent sur des données fournies par l’industrie des cosmétiques…

La reconnaissance des maladies professionnelles, en particulier des cancers, est encore plus compliquée pour les femmes que pour les hommes. Une recherche menée en France auprès de quelque 1300 malades du cancer, dont 234 femmes, a montré que 64% d’entre elles avaient été exposées sur leur lieu de travail à au moins un cancérogène. Et pourtant, une toute petite minorité d’entre elles sont parvenues à faire reconnaitre leur cancer en maladie professionnelle.

Outre la mise en visibilité des risques professionnels des travailleuses, l’ETUI a voulu à travers ce séminaire relayer différentes expériences visant à faciliter le retour au travail de femmes touchées par la maladie. Loly Fernandez Carou, syndicaliste aux Commissions ouvrières (CCOO) de la région de Catalogne, a insisté sur la nécessité de passer d’une approche de type individuelle à une approche plus collective.  À partir de l’exemple des cancers du sein, elle a plaidé pour l’adaptation de l’organisation du travail pour mieux tenir compte des besoins spécifiques des personnes malades ou en voie de guérison, comme la mise en place d’horaires flexibles et l’élimination du port de charges lourdes.

Une équipe de l’université de Porto a montré que les femmes sont généralement victimes d’un accident du travail plus tard dans leur carrière que les hommes (42% des femmes ayant participé à l’étude ont eu leur accident entre 45 et 54 ans). Chez les femmes, l’accident du travail provoque plus souvent que chez les hommes l’abandon définitif de l’activité professionnelle.  Constat similaire en France. Une enquête de l’Institut national de la santé et de la recherche médicale (Inserm) consacrée à la vie professionnelle de personnes touchées par le cancer montre que les femmes sont proportionnellement plus nombreuses que les hommes à se retrouver en situation de non-emploi. D’après l’étude les femmes ressentent davantage que les hommes le sentiment d’être discriminées ou pénalisées dans leur carrière à cause de leur maladie.

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5234&Itemid=2

———————–

Il metodo Niosh per la valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi

Gli interventi svolti in un Convegno promosso dalla Fondazione Cà Granda  che si è svolto a Milano il 25 novembre 2016

Il metodo Niosh per la valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi

– Scarica la Locandina
http://www.policlinico.mi.it/Medicina_Preventiva/Medicina_Del_Lavoro/Ergonomia/Seminari_Convegni/2016/161125_NIOSH.pdf

– Scarica gli interventi

http://www.policlinico.mi.it/Medicina_Preventiva/Medicina_Del_Lavoro/Ergonomia/Seminari_Convegni/2016/SeminarioVLI2016Ergonomia_Interventi.zip

———————–

I grandi temi di Ambiente e Sostenibilità: il ruolo delle associazioni CIIP

Fast, Piazzale Morandi 2 – Milano
Lunedì 3 aprile 2017 – ore 8:30-13:15

Seminario CIIP

http://www.ciip-consulta.it/index.php?option=com_content&view=article&id=620:i-grandi-temi-di-ambiente-e-sostenibilita&catid=322&Itemid=473

———————–

lunedì 20 febbraio 2017

NEWSLETTER MEDICO LEGALE INCA CGIL Numero 4/2017

Le fibre artificiali vetrose: aggiornamento Linee Guida Conferenza Stato Regioni

Le Fibre Artificiali Vetrose (FAV), conosciute anche come Man-Made Vitreous Fiber (MMVF) o Synthetic Vitreous fibers  (SVF) costituiscono, attualmente, il gruppo di fibre commercialmente più importante di tutte le fibre artificiali inorganiche  poiché sono
altamente resistenti e inestensibili, ma molto flessibili, sono ininfiammabili e scarsamente attaccabili dall’umidità e dagli agenti chimici corrosivi e non sono degradabili da microrganismi.

Già intorno agli anni ’30, grazie alle loro caratteristiche chimico – fisiche, venivano ampiamente utilizzate nell’isolamento termico e acustico e successivamente come rinforzo di materiali plastici, nell’industria tessile e in altre attività industriali. Il loro
uso  ha visto un diffuso impiego  a seguito della messa al bando dell’amianto

SEGUE >>> LEGGI LA NEWSLETTER

http://www.diario-prevenzione.it/newsletter/news_inca_4_2017.pdf

——–
UTILITY
——–

La raccolta delle newsletter di diario prevenzione è disponibile sul sito

https://dprevenzione.wordpress.com

——————————

Se desideri segnalare a un/a collega questa newsletter, la modalità per iscriversi alla mailing list è la seguente: il tuo/a collega può inviare dalla sua mail una email vuota al seguente indirizzo

notizie-subscribe@diario-prevenzione.it

il programma che gestisce la mailing list invierà in automatico una mail di verifica con richiesta di conferma

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa ogni 20 giorni contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti e media  che trattano la  prevenzione dei rischi sul lavoro e negli ambienti di vita. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.

———————————–

PODCAST AUDIO NEWS DIARIO PREVENZIONE

http://bit.ly/1p34Qcm

————————————

SEGUI DIARIOPREVENZIONE
SU TWITTER

https://twitter.com/dprevenzione

———————————-

VISITA IL BLOG ONDE CORTE

fatti & idee nell’epoca della
post democrazia

http://www.lab-lps.org/post/

———————————-


 Cordiali saluti a tutt.*, grazie per l’attenzione
arrivederci alla prossima newsletter

Gino Rubini, editor di http://www.diarioprevenzione.it

°°°°°°

Per favore non stampare questa newsletter
per non sprecare risorse energetiche ed ambientali . grazie

°°°°°°

newsletter diario prevenzione 31 gennaio 2017 – vol.n° 126


newsletter diario prevenzione

http://www.diario-prevenzione.it31 gennaio 2017 – vol.n° 126

notizie, documenti e link sui temi del governo dell’ambiente della salute e della sicurezza nel lavoro e sulla responsabilità sociale d’impresa

***


RAGIONARE PER SCENARI PER SCONFIGGERE LA ROZZA “VISION” DEL PRESIDENTE TRUMP

La capacità di analizzare e ragionare in anticipo  per scenari  è decisiva per chi opera nei vasti campi della prevenzione. Di questa capacità di analisi e di prefigurazione di scenari vi è estremo bisogno in questa epoca.
Sono in atto cambiamenti geopolitici che avranno profonde ripercussioni sul lavoro, sulle condizioni di vita, sulle generazioni future…

La discontinuità rappresentata dalla elezione di Donald Trump a Presidente degli USA sta sconvolgendo molte delle certezze date per acquisite nel campo dei diritti umani, del necessario impegno per arrestare o mitigare il cambio climatico con la produzione di energia con fonti rinnovabili, del fatto che l’amianto, bianco o blu che sia, non “è sicuro al cento per cento ” come afferma invece il neo presidente degli USA.
La risposta che viene data da Trump ai problemi sociali generati da una globalizzazione out of control rischia di produrre ancor più danni della globalizzazione stessa.

La chiusura delle frontiere ai cittadini di sette paesi di religione mussulmana, con un decreto esecutivo che ha bloccato negli aeroporti, residenti da tempo negli USA, muniti di Carta verde, studenti , professori, professionisti, dirigenti d’impresa e loro famigliari rappresenta pienamente la vision rozza  semplicistica  di questa amministrazione che sceglie con ostinazione  la chiusura e l’isolamento dal mondo.

Un isolamento che è fuori da quest’epoca, impossibile da gestire se non a prezzo di una regressione a modelli primitivi del funzionamento della società. Il discorso del Sig Trump può apparire convincente agli avventori di uno dei tanti saloon disseminati lungo le strade blu, mentre gareggiano a chi beve più boccali di birra….
Quali saranno le difficoltà che potrà creare questa Amministrazione degli USA per chi si occupa di ambiente, salute e sicurezza ed organizzazione ecologica della vita delle città ?
Il primo impatto cui sarà necessario fare fronte derivante dalla scelta di “chiusura” degli USA all’interno dei propri confini riguarderà il destino delle istituzioni e degli Enti di ricerca in materia di ambiente, salute e sicurezza nel lavoro e oltre il lavoro, federali e internazionali. Per gli Enti USA, come EPA, OSHA è prevedibile che vengano a breve “cloroformizzati” dai nuovi dirigenti che , con lo spoils system, verrano posti al vertice da Trump. Per le grandi Agenzie internazionali delle Nazioni Unite come IARC , OMS , i rischi sono rappresentati da una preoccupante ipoteca: qualora operino in autonomia tecnico scientifica  con la produzione di risultati di ricerca oggettivi che contraddicano il rozzo assunto che i problemi ambientali non esistono, saranno neutralizzate con la sospensione dei finanziamenti….
Questi sono gli scenari attesi, questo è il momento per l’Europa, quella vera, di alzare la testa e contrastare questi tristi scenari che l’Amministrazione Trump si predispone a rendere concreti. L’Europa per ora dispone di valide Agenzie scientifiche (AEA,ECHA , EFSA,OSHA, ecc ), la loro efficientizzazione sarebbe la prima risposta alla scelta regressiva messa in atto dagli USA, continuando il finanzamento delle Agenzie delle N.U.

Gino Rubini, editor di Diario Prevenzione

__________________________

Notizie Salute Sicurezza
Lavoro Ambiente
Gennaio 2017

_________________________


Ambiente Lavoro Salute – Podcast di Diario Prevenzione –
31 gennaio 2017 – vol.n° 42

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di

– Presidenza Trump, quali rischi dalla chiusura degli USA rispetto ai  problemi del mondo. Quale sarà il futuro delle politiche internazionali in materia di salute, ambiente, cambio del clima ?

– Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro: una mappatura critica Venerdì 17 febbraio 2017, ore 14.30 Fondazione Marco Biagi

– Toscana Report attività di vigilanza centri estetici relativa all’anno 2016

– Endocrine disruptors: an occupational risk in need of recognition

– Nouveau HesaMag : L’inspection du travail, un service public en crise

– l’amianto è “al 100 per cento sicuro, una volta applicato”… Lo afferma il Presidente USA TRUMP

…. e tante altre notizie in breve

IL NOTIZIARIO AUDIO
( 30 minuti )

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5217&Itemid=127

—————————
EVENTI

Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro: una mappatura critica

Venerdì 17 febbraio 2017, ore 14.30
Fondazione Marco Biagi

Da più di un ventennio si assiste ad una nuova conformazione del sistema produttivo e con esso ad una nuova relazione fra lavoro e salute. Nel campo delle malattie professionali si nota infatti una radicale diminuzione delle malattie tipiche da lavoro un tempo particolarmente frequenti (silicosi, asbestosi, ipoacusie, ecc.), mentre si assiste all’evolversi della patologia professionale verso una sempre maggior visibilità delle malattie correlate al lavoro e, in particolare, di quelle legate a movimenti ripetitivi, alla movimentazione dei carichi e a posture incongrue. Si parla dei Disturbi Muscolo Scheletrici (DMS) che in Europa e in Italia rappresentano ormai più del 60% delle malattie professionali.

La Fondazione Marco Biagi – attraverso un finanziamento della Fondazione Banca Nazionale delle Comunicazioni – ha svolto lungo l’anno 2016 una ricerca denominata “Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro: una mappatura critica”. Lo studio si propone di sviluppare una prima mappatura del rischio da DMS in Italia per settore produttivo e territorio. Ad oggi, purtroppo, a fronte di una continua ascesa del fenomeno, la pubblicazione di dati statistici a livello disaggregato avviene principalmente per Regioni e macro-settori, mentre la reportistica si limita tipicamente ad una impronta descrittiva.

Partendo dai dati delle denunce assicurative di fonte INAIL (su 50 patologie), l’intento è in primo luogo quello di produrre dati più specifici a livello provinciale e settoriale che – in una prospettiva interdisciplinare – sono messi in relazione a fenomeni di carattere economico e sociale e alle loro implicazioni giuridiche.
I risultati salienti narrano di un fenomeno della malattia professionale fortemente disomogeneo per i diversi territori, in cui però il ruolo del settore produttivo passa in secondo piano rispetto a quello rappresentabile dalla relazione – di difficile comprensione empirica – fra i soggetti istituzionali che compongono l’iter della denuncia.
Inoltre la ricerca discute della relazione fra le diverse patologie denunciate ed indennizzate cogliendo la necessità di una riflessione sulle attuali patologie tabellate.

Consapevoli del fatto che un’analisi di un fenomeno così complesso sia un processo di lunga durata, pensiamo che questa ricerca contribuisca ad evidenziare alcuni aspetti poco conosciuti e nel contempo alcuni nodi problematici che andranno più specificatamente esaminati nel corso del tempo a venire.

http://www.fmb.unimore.it/on-line/home/eventi/seminari/documento9265.html

————————–

TOSCANA

Report attività di vigilanza centri estetici relativa all’anno 2016

Dimitri Fattore,Vania Micheli, Massimo Peruzzi, Andrea Chesi, Stefano Bassi  – UFC Igiene Pubblica e Nutrizione Empoli, Dipartimento della Prevenzione , AUSL Toscana Centro
L’analisi dei risultati delle precedenti campagne di controllo riferite agli anni 2014 e 2015 ha permesso di creare per il 2016 una Check List mirata alla verifica dei rischi che l’attività di estetica presenta nei riguardi dell’utenza. Sono stati controllati 20 centri estetici nel territorio Empolese, valutando aspetti e rischi specifici di 19 apparecchi con parte applicata1, verificando le cautele d’uso e di sicurezza di 25 Solarium con relative misure di Irradianza, ponendo inoltre particolare attenzione al rischio elettrico e alla verifica delle procedure di sterilizzazione dello strumentario nonché degli stessi apparecchi utilizzati per la sterilizzazione e dei prodotti utilizzati per la disinfezione ad alto livello; attività onerose che non hanno permesso di incrementare il numero dei centri estetici  visitati.

scarica il report

http://www.asf.toscana.it/images/stories/prevenzione/newsletter/Report_attivit%C3%A0_vigilanza_centri_estetici_2016.pdf

—————————

Fonte newsletter Prevenzione Toscana

La ricostruzione della esposizione ad amianto alla BREDA di Pistoia 

Cesare Ciapini, Andrea Innocenti, Unità Funzionale PISLL Pistoia, dipartimento della Prevenzione AUSL Toscana Centro
Stefano Silvestri , Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica
Questa ricostruzione copre un arco di 25 anni di approfondimenti e studi svolti dalla USL di Pistoia (prima USL 8, poi USL 3, attualmente USL Toscana centro) e dal Centro Regionale di riferimento per Epidemiologia (prima CSPO, attualmente ISPO) e rappresenta la sintesi delle conoscenze sulla esposizione professionale ad amianto nella coibentazione di rotabili ferroviari a Pistoia. Ai fini dell’indagine si è fatto ricorso a dati relativi alle commesse delle FFSS corredati dei quantitativi di amianto spruzzato per rotabile ,a documenti sulla produzione per altri committenti, a mappe dei locali dello stabilimento. Infine sono state particolarmente utili le informazioni fornite da incontri specifici con lavoratori, singoli o in piccoli gruppi omogenei per mansione e periodo lavorativo, sia della ditta Breda che delle ditte cui veniva appaltata la spruzzatura.

scarica l’articolo

http://www.asf.toscana.it/images/stories/prevenzione/newsletter/Storia_amianto_Breda.pdf

————————-


Défendre la santé et l’égalité : une dimension spécifique importante des luttes des travailleuses
Laurent Vogel (Chercheur, Institut syndical européen-ETUI)

Je vais tenter de relier synthétiquement deux dimensions de l’histoire. La longue durée de deux siècles de luttes de travailleuses pour leur santé au travail et l’histoire plus circonscrite dans le temps et dans l’espace d’un de ses maillons : le combat des ouvrières de la Fabrique nationale d’armes de Herstal (FN) entre 1966 et 1977.

La lutte des travailleuses pour leur santé au travail est une constante depuis le début de la révolution industrielle. Elle a été négligée dans la production historiographique. Cette lutte est d’une radicalité particulière parce que sa dynamique fait converger des objectifs immédiats de défense de la santé avec la remise en cause des inégalités hommes-femmes. On peut résumer l’enjeu politique d’une manière simple : « aucune lutte pour l’égalité n’est efficace si elle n’aborde pas la santé au travail »; « aucune lutte pour la santé au travail n’est efficace si elle ne conteste pas les inégalités entre hommes et femmes ». Ces deux exigences restituent aux luttes du passé une actualité. Leur transmission est un enjeu stratégique pour la transformation des conditions de travail et de la société.

L’ARTICOLO PROSEGUE ALLA  FONTE  : ” Défendre la santé et l’égalité : une dimension spécifique importante des luttes des travailleuses ”

http://www.carhop.be/revuescarhop/index.php/2016/12/01/defendre-la-sante-et-legalite-une-dimension-specifique-importante-des-luttes-des-travailleuses/

————————-

FONTE ETUI

Endocrine disruptors: an occupational risk in need of recognition
Marie-Anne Mengeot (journalist)
[endocrine disruptors guide]

Publication date : 2016

Number of pages : 72

Author(s) :

Marie-Anne Mengeot (journalist)

With the collaboration of :

Tony Musu and Laurent Vogel (ETUI)

Edited by :

ETUI, Brussels

This guide is intended for representatives (in particular those on health and safety committees) of workers potentially exposed to endocrine disruptors at work. It takes stock of research findings on the health consequences of workers being exposed to chemical substances with potentially harmful effects on the endocrine system.

Its aim is to raise the awareness of union officials and political decision-makers to this largely unrecognised public and workplace health risk. A further aim is to draw attention to the gaps in European legislation on the prevention of this type of workplace risk. As such, it contributes to the 2016-2017 “Cancer and Work” campaign organized by European trade unions.

The print version will be available in January 2017.

Collection: Guide
ETUI, ISBN 978-2-87452-432-5 , ISBN 978-2-87452-433-2 (pdf)
For more information, please contact

Géraldine Hofmann, Publications Officer

Free download

Endocrine disruptors: an occupational risk in need of recognition (EN)
Perturbateurs endocriniens: un risque professionnel à (re)connaître (FR)

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5212&Itemid=2

————————–

Il TUC ( il sindacato inglese ) ha pubblicato una nuova guida – prodotta in collaborazione con Health and Safety Executive (HSE) – per aiutare i rappresentanti sindacali di salute e sicurezza sul posto di lavoro ad affrontare lo stress.

In un sondaggio svolto lo scorso anno con 1000 Reps ( Rappresentanti Salute e Sicurezza ) , 7 su 10 hanno identificato lo stress come la preoccupazione principale nel loro posto di lavoro. Per queste ragioni il TUC ha deciso di elaborare questo manuale – guida che sarà d’aiuto ai Reps per operare con i datori di lavoro al fine di trovare soluzioni pratiche per ridurre lo stress lavoro correlato.

Il manuale propone che un gruppo – composto da rappresentanti provenienti da ogni livello dell’organizzazione – raccolga informazioni sulla situazione attuale nel luogo di lavoro e svolga una valutazione del rischio basata sugli standard HSE.

Il gruppo può quindi identificare proposte concrete di cambiamento che potrebbero fare la differenza, come affrontare l’abitudine a prolungare le  ore di lavoro, migliorare le pratiche di lavoro o  aumentare i livelli di formazione professione del personale.

Frances O’Grady, segretario generale delle TUC ha detto: “I lavoratori sempre più soffrono gli effetti dello stress sul posto di lavoro, come le pressioni per prolungare le ore e la bassa sicurezza del lavoro che stanno prendendo piede in tutto il Regno Unito.
Non è interesse di nessuno, nemmeno degli imprenditori avere lavoratori stressati e improduttivi. Gli standard HSE forniscono il modo migliore di affrontare la questione.

Rappresentanti del Sindacato hanno un ruolo chiave da svolgere nel lavoro con i datori di lavoro per affrontare questo problema una volta per tutte. Lo stress è evitabile se i lavoratori hanno carichi di lavoro ragionevoli, manager di supporto e un ambiente di lavoro libero dalla violenza, mobbing e le molestie.

Coloro che sono preoccupati per il loro carico di lavoro o che sono  trattati ingiustamente sul posto di lavoro devono iscriversi ad un sindacato, per ottenere il sostegno di cui hanno bisogno e avere i loro interessi rappresentati sul posto di lavoro.”

LA GUIDA ( english)

https://www.tuc.org.uk/sites/default/files/tacking%20workplace%20stress%20without%20edits.pdf

LA SURVEY

https://www.tuc.org.uk/sites/default/files/focusonhealthsafetyreport.pdf

————————-

Newsletter Medico Legale Inca numero 3/2017

Coordinamento Interregionale Prevenzione: rischio da movimentazione manuale di carichi

La Newsletter n° 3/ 2017

http://www.diario-prevenzione.it/newsletter/news_inca_3_2017.pdf

————————


Silenzio, non si deve sapere: morire per l’amianto in OGR – presentazione del libro di Noella Bardolesi

Presentazione della Nuova edizione del libro di Noella Bardolesi (vedi la locandina .jpg)
“SILENZIO, NON SI DEVE SAPERE”

“Nata a Lille, in Francia, il 30 settembre 1958, Noella Bardolesi vive ora a Bologna con suo figlio Sebastian di 18 anni. Molto attenta alle problematiche sulle condizioni di lavoro ha cominciato ad occuparsi del problema amianto dopo il decesso del marito Loriano, morto il 3 maggio 2009 di un mesotelioma contratto negli anni Settanta presso le Officine Grandi Riparazioni di Bologna. Questa sua testimonianza vissuta vuole essere un omaggio a tutte le vittime dell’amianto, ma anche uno strumento di conoscenza più approfondita delle conseguenze di chi “incontra” questo “amianto killer”. Il racconto di Noella è quello della sua esperienza diretta nell’assistere e accompagnare Loriano fino alla fine.”

Afeva Emilia Romagna e Associazione Culturale Graf S. Donato
Presentazione del libro: “Silenzio, non si deve sapere” di Noella Bardolesi

Venerdì 20 gennaio 2017 ore 17  –  Presso Spazio Graf Piazza Spadolini, 3  Q.re San Donato – Bologna

Introduce Gabriele Bertuzzi, presidente dell’Associazione culturale Graf San Donato.
Presenta il libro Massimo Vaggi, avvocato e scrittore,
racconto e letture dal vivo di Noella Bardolesi.

Incursioni video a cura di Afeva Emilia Romagna

E’ possibile prenotare copie del libro scrivendo a: afevaemiliaromagna@gmail.com

La cronaca ed i video della serata di presentazione del libro di Noella Bardolesi “Silenzio, non si deve sapere” al Graf di San Donato.

https://afevaemiliaromagna.org/2017/01/23/amianto-alle-ogr-silenzio-non-si-deve-sapere-la-serata-di-presentazione-del-libro-di-noella-bardolesi/

——————————-

Il periodico Salute e Lavoro n 1 del 2017 è disponibile qui . Questo periodico, diretto dal Dott. Franco Cilenti  esce da 33 anni, 33 anni contro la malainformazione sulla sanità e sulla salute della popolazione.

In questo numero di parla di

– L’ho letto su internet, quindi è vero

– Clima sindacale pessimo, per noi

– Il Servizio Pubblico boicottato

– I voucher e l’attacco alla Cgil

– Diritti e poteri. Il gioco della torre

– Terremoto e solidarietà attiva

– La gestione della salute mentale

– Sicurezza lavoro: domande e risposte

– Mobbing, straining e bossing

-Hiv,le speranze disattese

-Eroina, cosa succede a Torino?

-Meningite, epidemia mediatica

-Tav, amianto e tumori futuri

e molto altro ancora nelle 48 pagine

per leggere clicca

LAVORO & SALUTE n°1  2017
48 pagine (pdf)

http://www.lavoroesalute.org/images/pdf/2017gennaio/lesunogennaio2017.pdf

——————————

Infortunio mortale in fabbrica, il 23 assemblea dei lavoratori
Pubblicato: January , 2017, 4:53pm CET

Sono rimasti senza parole, questa mattina, i lavoratori della Volvo Group Retail Italia Srl di Zingonia, profondamente scossi dalla morte del loro giovanissimo collega, vittima ieri pomeriggio di un infortunio sul lavoro. Leonardo Scarpellini, 25 anni, in azienda da due anni con contratti a termine e da una settimana assunto a tempo indeterminato, ha perso la vita a causa dell’esplosione di una sospensione del camion a cui stava facendo manutenzione.

La Filcams Cgil e i propri delegati hanno deciso di convocare un’assemblea per lunedì mattina, dalle ore 11 alle 12: “Ricorderemo il collega scomparso e parleremo di sicurezza in azienda”, ha spiegato oggi pomeriggio Aronne Mangili che per la Filcams segue la Volvo in provincia di Bergamo. “L’assemblea coinvolgerà tutte le due società del gruppo, cioè Volvo Group Retail Italia srl e Volvo Group Italia spa, dunque chiameremo a raccolta in totale circa 110 lavoratori”.

Durante l’assemblea si discuterà anche della proposta avanzata dai delegati di devolvere il corrispettivo di alcune ore di lavoro alla famiglia dell’operaio deceduto, in segno di solidarietà da parte dei colleghi.

“Come Filcams, intanto, abbiamo già deciso che parteciperemo alla raccolta con un nostro contributo economico diretto” ha aggiunto Mario Colleoni, segretario generale del sindacato di categoria Cgil di Bergamo. “Siamo di fronte all’ennesima tragedia sul lavoro: è necessario -da anni lo ripetiamo- un cambio di passo nell’approccio ai problemi che riguardano la sicurezza nelle aziende. Esprimiamo la solidarietà ai colleghi di Leonardo e rivolgiamo le nostre più sentite condoglianze alla sua famiglia”.

fonte rassegna.it

http://www.rassegna.it/articoli/infortunio-mortale-in-fabbrica-il-23-assemblea-dei-lavoratori

————————-

Cassazione Penale: ThyssenKrupp, la “colpa imponente” degli imputati
Cassazione Penale, Sez. 4, 12 dicembre 2016, n. 52511 – ThyssenKrupp: la “colpa imponente” degli imputati. Affinchè si applichi l’art. 437 c.p. non occorre il verificarsi dell’evento
La Corte torna sull’incendio della ThyssenKrupp avvenuto nella notte tra il 5 e il 6 Dicembre 2007 allorquando all’Interno dello stabilimento si determinarono l’innesco e lo sviluppo di un incendio che determinò la formazione di una nuvola incandescente di olio nebulizzato (flash fire) che si espanse e investì alcuni operai che si erano avvicinati all’incendio con estintori a breve gittata.

La Suprema Corte ritiene che il massimo responsabile delle scelte strategiche sulla gestione dello stabilimento di Torino, che nel 2007 era in via di dismissione e non venne fatto alcun investimento in sicurezza nonostante i numerosi motivi di allarme e, dunque, il massimo autore delle violazioni antinfortunistiche che hanno causato gli eventi di incendio e morte sia E.H., amministratore delegato della ThyssenKrupp. Gli altri manager, coimputati, sono ritenuti informati e adesivi di tali scelte e, per tali ragioni, ritenuti colpevoli di omicidio colposo plurimo.

La Corte afferma la ricorrenza di una colpa imponente, tanto per la consapevolezza che gli imputati avevano maturato del tragico evento che poi ebbe a realizzarsi, sia per la pluralità e per la reiterazione delle condotte antidoverose riferite a ciascuno di essi che, sinergicamente, avevano confluito nel determinare all’interno dell’opificio di Torino una situazione di attuale e latente pericolo per la vita e per la integrità fisica dei lavoratori, sia infine per la imponente serie di inosservanze a specifiche disposizioni infortunistiche di carattere primario e secondario, non ultima la disposizione del piano di sicurezza che impegnava gli stessi lavoratori in prima battuta a fronteggiare gli inneschi di incendio, dotati di mezzi di spengimento a breve gittata, ritenuti inadeguati e a evitare di rivolgersi a presidi esterni di pubblico intervento.

Fonte: Olympus.uniurb

http://olympus.uniurb.it/

——————————–

Nouveau HesaMag : L’inspection du travail, un service public en crise

Les articles parus dans le dernier numéro du HesaMag, le semestriel de l’ETUI dédié à la santé au travail, sont désormais accessibles en ligne. Ce numéro contient un dossier sur l’inspection du travail en Europe.

Les services d’inspection du travail traversent depuis au moins une dizaine d’années une crise existentielle partout en Europe. À de rares exceptions près, les effectifs ont été réduits, alors que les tâches dévolues aux inspecteurs ont été étendues. Confrontés aux transformations du monde du travail – la “digitalisation de l’économie”, notamment –, et à l’émergence de nouveaux risques – nanotechnologies, risques psychosociaux, etc. –, les inspecteurs du travail peuvent se sentir désarmés face à l’ampleur de leur mission. Elle est de plus en plus difficile à remplir dans un contexte d’hostilité envers la réglementation et le contrôle des entreprises par l’État.

Face à la transformation de leurs missions et au manque de soutien politique et public, les inspecteurs du travail ont parfois l’impression de se livrer à un “exercice de funambule”. Tiraillés entre leur image de fonctionnaire impartial et leur souhait, souvent profond, de remplir une mission au service de la société, il leur est de plus en plus difficile de trouver le point d’équilibre.

Pour télécharger les articles

http://www.etui.org/fr/Topics/Health-Safety/HesaMag

Toutes les actualités

http://www.etui.org/fr/Actualites

———————-

l’amianto è “al 100 per cento sicuro, una volta applicato”… Lo afferma il Presidente TRUMP    

L’elezione di Trump a Presidente tra gli effetti collaterali allarma gli esperti in materia di salute e sicurezza nel lavoro. Trump in diverse occasioni  ha respinto le prove scientifiche di danni causati da amianto, sostenendo che l’amianto è “al 100 per cento sicuro, una volta applicato”…
L’avvicinamento al Presidente della Federazione Russa Putin da parte dell’Amministrazione USA a presidenza Trump  è in corso e tra breve, tra i cambiamenti di rotta, è prevedibile un intervento per rilanciare l’uso dell’amianto e la rimozione delle norme restrittive sul suo impiego.

La Russia è di gran lunga il più grande produttore ed esportatore di amianto in tutto il mondo e il governo russo sta conducendo una campagna aggressiva per continuare la spedizione di amianto per i paesi del Sud del mondo, in particolare in Asia. La Russia sta anche portando gli sforzi per bloccare la classificazione dell’ amianto crisotilo come una sostanza pericolosa alle riunioni  della Convenzione di Rotterdam delle  Nazioni Unite. L’amianto crisotilo rappresenta il 100% del commercio globale dell’amianto.

Il supporto di Trump per l’amianto sarà accolto con grande interesse dal governo russo e dall’industria dell’amianto russa.

Segnaliamo i primi articoli in materia apparsi su riviste canadesi e usa

1) Russian scientist hopes that US President-elect Trump will “restore order in asbestos”

http://www.rightoncanada.ca/?p=3911

2) Donald Trump And The Art Of Asbestos
According to the Republican presidential nominee, the anti-asbestos movement is a conspiracy rigged by the mob. Yes, the mob.

http://www.huffingtonpost.com/entry/donald-trump-and-the-art-of-asbestos_us_581b2e4ee4b0570d6d6f0c1d

————————

11 janvier 2017

La Commission renonce à protéger les travailleurs contre les vapeurs de diesel

La Commission européenne a publié le 10 janvier son deuxième projet de révision de la directive sur les agents cancérogènes au travail. Le mouvement syndical européen critique le fait que les vapeurs de moteurs diesel n’y figurent pas.

“En renonçant à inclure les vapeurs de diesel dans la liste des valeurs limites ainsi que dans le champ d’application de la directive, la Commission a cédé au lobbying agressif d’organisations patronales”, a commenté Laurent Vogel, chercheur à l’ETUI.

“Le lobbying des industriels repose sur une argumentation inconsistante. D’après eux, les vapeurs de diesel ne seraient plus cancérogènes en raison des normes concernant les nouveaux moteurs au diesel. À ce jour, aucune étude scientifique ne permet de conclure que les vapeurs des nouveaux moteurs ne présentent aucun risque de cancer. D’autre part, les travailleurs continuent à être exposés à des vapeurs de diesel de moteurs de différentes générations et les risques des nouveaux moteurs sont souvent accrus par un entretien ou une  manutention qui sont insuffisants”, a-t-il expliqué.

Plus de trois millions de travailleurs de l’Union européenne sont exposés aux vapeurs de diesel dans le cadre de leur activité professionnelle.  Si l’on tient compte de la durée totale de la vie professionnelle, le nombre total de travailleurs exposés pendant une partie de leur carrière s’élèverait à 12 millions en 2010 et pourrait croître jusqu’à 20 millions en 2060.

Laurent Vogel comprend d’autant plus mal la décision de la Commission que cette dernière estime dans un de ses documents de travail que l’absence de législation contre l’exposition professionnelle aux vapeurs de diesel provoquerait 230.000 décès dans l’UE au cours de la période 2010-2069 (voir ci-dessous “Le document de travail de la Commission”, p. 11).

“Ce choix ne fera qu’aggraver les fortes inégalités sociales qui caractérisent le risque d’être touché par le cancer”, conclut-il.

En 2012, le Centre international de recherche sur le cancer, qui dépend de l’Organisation mondiale de la santé, a classé l’ensemble des vapeurs de diesel parmi les cancérogènes de classe 1 (cancérogènes avérés pour l’être humain).

Outre l’absence de mesures contre les vapeurs diesel, Laurent Vogel dénonce le manque d’ambition des propositions de la Commission. Dans son annonce du 10 janvier, la Commission promet des améliorations législatives pour sept cancérogènes, alors que ce ne sont en fait que cinq substances qui seront soumises à des valeurs limites contraignantes*.  Si les mélanges complexes d’hydrocarbures aromatiques polycycliques (HAP) et les huiles pour moteur figurent bien dans l’annexe qui définit le champ d’application de la directive, aucune valeur limite n’a cependant été définie pour ces deux cancérogènes.

En ajoutant donc ces cinq nouvelles VLEP aux treize déjà présentées en mai 2016 par la Commission, on arrive à 18 valeurs limites contraignantes, alors que la commissaire européenne aux Affaires sociales, Marianne Thyssen, s’était engagée à en proposer 25 dans le courant 2016 et à atteindre un total de 50 substances pour 2020.

La Confédération européenne des syndicats juge également le projet de la Commission trop peu ambitieux. “La Commission peut et doit adopter une stratégie plus ambitieuse afin d’éliminer les cancers liés au travail. L’étendue du problème demande des mesures plus radicales et plus rapides. L’UE doit élaborer un plan d’action pour prévenir les cancers d’origine professionnelle et l’intégrer dans le prochain socle européen des droits sociaux”, a déclaré Esther Lynch, en charge de la santé au travail à la Confédération européenne des syndicats (CES).

La première liste de VLEP est en cours de discussion et les amendements du Parlement européen seront votés en avril 2017. Le texte final devra être adopté par le Parlement et le Conseil dans le courant de l’année.

*L’epichlorohydrin, l’ethylene dibromide, l’ethylene dichloride, le 4,4- methylenedianiline, le trichloroethylene.

En savoir plus :
Le communiqué de la Commission (10 janvier 2017) (pdf – 60,31 Ko)
Le communiqué de la CES (10 janvier 2017) (pdf – 166,60 Ko)
Le document de travail de la Commission (pdf – 1,64 Mo)
Vogel, L., Cancer au travail : chantier ouvert pour une meilleure législation, HesaMag n°14 (pdf – 332,55 Ko)

fonte ETUI.ORG

http://www.etui.org/fr/Themes/Sante-et-securite/Actualites/La-Commission-renonce-a-proteger-les-travailleurs-contre-les-vapeurs-de-diesel

————————————

17 janvier 2017

Les travailleurs américains de l’industrie du BPA contaminés par cette substance chimique

Les travailleurs américains dans les industries qui utilisent ou fabriquent du bisphénol A (BPA) ont en moyenne 70 fois plus de ce produit chimique dans leur corps que la population générale – des niveaux nettement supérieurs à ceux à partir desquels un impact sur la santé reproductive a été démontré, selon une étude publiée début janvier 2017.

En 2013 et 2014, 77 travailleurs de six entreprises différentes qui fabriquent du BPA, des résines BPA ou de la cire contenant du BPA ont fourni des échantillons d’urine après deux jours consécutifs de travail. Le BPA total moyen dans leur urine était 70 fois plus élevé que celui détecté par une étude menée en 2013 et 2014 parmi la population adulte des États-Unis, selon l’étude publiée dans Annals of Work Exposures and Health.

Le National Institute for Occupational Safety (NIOSH), l’organisme fédéral chargé de prévenir les accidents du travail et les maladies professionnelles, a mené l’étude.

Les niveaux détectés chez un travailleur atteignaient jusqu’à 18 900 microgrammes par gramme de BPA dans son urine après deux jours consécutifs de travail. Le taux médian de BPA dans le grand public est d’un peu moins de 2 microgrammes par gramme.

Les auteurs ont identifié 73 entreprises américaines qui produisent du BPA. Cependant, 15 n’ont pas répondu aux demandes d’enquête et 15 ont déclaré ne plus produire ou utiliser le BPA. Source: http://www.environmentalhealthnews.org/

En savoir plus :
Hines C.J. et al., Urinary Bisphenol A (BPA) Concentrations among Workers in Industries that Manufacture and Use BPA in the USA, Annals of Work Exp… (pdf – 371,79 Ko)

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5200&Itemid=2

—————————–

FONTE SALUTEINTERNAZIONALE.INFO
Contro il mercato della salute. Intervista a Iona Heath
14 dicembre 2016 – 10:10

A cura di Federica Lavarini

Lo Stato sociale, considerato il grande pilota del progresso sociale post-bellico, è oggi visto come uno sperpero di ricchezza e di impresa. Viviamo sotto la dittatura del capitalismo finanziario e prevale la tirannia del profitto. La medicina è diventata oggi complice dell’errata aspirazione a cercare soluzioni tecnologiche all’eterno problema esistenziale posto dalla finitezza della vita e dall’ineludibilità della sofferenza.

Iona Heath, già medico di base e per molto tempo presidente del Royal College of General Practicioners, ha guidato tra il 2004 e il 2009 il comitato etico del British Medical Journal. Da sempre impegnata nel condannare la progressiva privatizzazione dell’assistenza medica, nel suo ultimo breve saggio, Contro il mercato della salute, compie un’analisi sulla condizione dei sistemi sanitari nei paesi sviluppati, con una particolare attenzione alle disuguaglianze nella salute e nell’accesso alle cure. Da anni punto di riferimento di un’idea di salute che contrasta l’overdiagnosis e le politiche sanitarie discriminatorie, Iona Heath ritiene che il sistema sanitario sia la soluzione tecnica che la politica propone a un problema soprattutto sociale.

Le abbiamo rivolto alcune domande sul ruolo dei determinanti sociali della salute e delle politiche sanitarie, e su quanto influiscano sulla qualità della vita e sul benessere degli individui.
Quali sono oggi i più importanti determinanti sociali della salute?

La povertà, direi, è il principale: tutti i determinanti sociali della salute sono in stretta relazione con condizioni di povertà, non solo di tipo economico. C’entrano anche la quantità e la qualità del lavoro, l’accesso alla educazione. Qualsiasi tipo di privazione si possa pensare quando si parla di povertà, alla fine tende a ridursi in povertà finanziaria, inasprita talvolta da fattori come il razzismo, la discriminazione di genere (e non solo), e l’intolleranza religiosa. Credo che oggi sia molto importante dare alle persone la possibilità di una migliore distribuzione di risorse e di opportunità rispetto a quanto vediamo accadere tutti i giorni. È fondamentale per ogni individuo avere la possibilità di vivere in modo produttivo e appagante, per dare un senso alla propria vita. Anche questi, a mio parere, sono da considerarsi fattori essenziali per una condizione di benessere. Kenneth Calman , uomo di medicina e ricercatore scozzese, ha definito la qualità della vita come il divario tra aspettativa ed esperienza. Ecco, in fatto di salute, credo che le aspettative di rado corrispondano all’esperienza. La definizione dell’OMS di completo benessere psicofisico rimuove la dimensione della qualità della vita suscitando delusione, e anche rabbia, nelle persone e senso di frustrazione nei medici. La salute non corrisponde a uno stato di perfezione ed è costruita socialmente all’intersezione fra biologia e cultura. La sua definizione, a seconda del momento storico e del contesto in cui si vive, può cambiare.

Da che cosa dipende l’attuale disattenzione verso i determinanti sociali della salute?
In molti paesi le élite politiche stanno facendo sì che i ricchi diventino ancora più ricchi, trascinando i poveri a essere ancora più poveri, e permettendo nuovi depauperamenti socio-economici. Ora, se si collega questo trend al tema della salute lo scenario che si propone è il seguente: è il singolo cittadino, con i propri mezzi, che deve provvedere alla propria salute. Ciò significa avallare una sorta di modernizzazione dei determinanti sociali della salute che vengono così spogliati del loro vero significato e alla fine ignorati. Lo Stato sociale, considerato il grande pilota del progresso sociale post-bellico, è oggi visto come uno sperpero di ricchezza e di impresa. Viviamo sotto la dittatura del capitalismo finanziario e prevale la tirannia del profitto. E se questo è il contesto, difficile parlare di care (l’insieme di attenzione, sollecitudine, condivisione e dedizione) sacrificata per lo più alle procedure mediche. La medicina è diventata oggi complice dell’errata aspirazione a cercare soluzioni tecnologiche all’eterno problema esistenziale posto dalla finitezza della vita e dall’ineludibilità della sofferenza.

SEGUE SU FONTE

http://www.saluteinternazionale.info/2016/12/contro-il-mercato-della-salute-intervista-a-iona-heath/

——–
UTILITY
——–

La raccolta delle newsletter di diario prevenzione è disponibile sul sito

https://dprevenzione.wordpress.com

——————————

Se desideri segnalare a un/a collega questa newsletter, la modalità per iscriversi alla mailing list è
la seguente: il tuo/a collega può inviare dalla sua mail una email vuota al seguente indirizzo

notizie-subscribe@diario-prevenzione.it

il programma che gestisce la mailing list invierà in automatico una mail di verifica con richiesta di conferma

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa ogni 20 giorni contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti e media  che trattano la  prevenzione dei rischi sul lavoro e negli ambienti di vita. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.

———————————–

PODCAST AUDIO NEWS DIARIO PREVENZIONE

http://bit.ly/1p34Qcm

————————————

SEGUI DIARIOPREVENZIONE
SU TWITTER

https://twitter.com/dprevenzione

———————————-

VISITA IL BLOG ONDE CORTE

fatti & idee nell’epoca della
post democrazia

http://www.lab-lps.org/post/

———————————-

 

 Cordiali saluti a tutt.*, grazie per l’attenzione
arrivederci alla prossima newsletter
Gino Rubini, editor di www.diarioprevenzione.it

°°°°°°

Per favore non stampare questa newsletter
per non sprecare risorse energetiche ed ambientali . grazie

°°°°°°


Fai clic qui per rispondere, rispondere a tutti o inoltrare il messagg

newsletter diario prevenzione http://www.diario-prevenzione.it 10 gennaio 2017 – vol.n° 125


newsletter diario prevenzione

http://www.diario-prevenzione.it

10 gennaio 2017 – vol.n° 125

notizie, documenti e link sui temi del governo dell’ambiente della salute e della sicurezza nel lavoro e sulla responsabilità sociale d’impresa

***

L’HO LETTO SU INTERNET, QUINDI E’ VERO…

Notizie false e inventate, campagne demenziali contro le vaccinazioni che spaventano i genitori che non vaccinano più i figli, imbroglioni che promettono cure miracolose per malattie gravissime che hanno poche speranze di guarigione, bullismo e violenza tramite i social network..
Da alcuni mesi sta crescendo un allarme sociale verso i rischi presenti nel cyberspazio che pare orientato verso un solo obiettivo: aumentare i controlli in rete, introdurre sanzioni, ecc

Per la verità non ci sarebbe bisogno di particolari norme poichè le leggi per colpire chi diffonde notizie false e allarmistiche o per contrastare campagne demenziali esistono già nel codice penale. Sarebbe necessaria una maggiore capacità d’investigazione e d’intervento degli organi di polizia  per neutralizzare molte delle nefandezze che circolano in rete.

Ciò che sconcerta invece è la totale mancanza di riflessione sul fatto che molti, troppi cittadini che frequentano la rete siano così indifesi culturalmente da bersi le panzane e le bufale che vengono loro propinate da certi siti che si sono specializzati a fare audience in questo modo. Purtroppo le persone credono in quello che vogliono sentirsi raccontare e si bevono con disinvoltura panzane mostruose.
Come si può contrastare questo inquietante inquinamento della rete costituito da notizie fasulle, panzane e bufale, campagne che fomentano odio e violenza verso le persone diverse per genere, preferenze sessuali, religione o etnia ?

E’ necessario che i siti istituzionali delle Organizzazioni Sanitarie pubbliche (ASL REGIONI) , ad esempio, escano dal torpore burocratico e facciano campagne di verità scientifica per smontare le bufale sulle vaccinazioni. I media tradizionali, radio televisione, quotidiani on line possono dare un grande contributo nello smascherare i siti che pubblicano bufale e a smontare le falsità che vengono diffuse in rete. Basta con i piagnistei sul fatto che la rete ” è piena di cattivi e di malvagi” , la rete è un campo di battaglia sociale ove occorre combattere per contrastare truffatori e manipolatori con l’arma della precisione scientifica, della chiarezza e della tempestività.

In rete vi sono centinaia di siti di associazioni che invece svolgono un ruolo d’informazione corretta sui grandi temi della salute, dei diritti che vanno valorizzati e indicati come riferimenti affidabili…

Infine vogliamo dire che vi è una responsabilità primaria dei cittadini ad informarsi con attenzione e cura , ad essere vigili nell’accedere alle fonti informative, ad apprendere a riconoscere le fonti affidabili da quelle tossiche. Questo compito non è delegabile a terzi, occorre che cresca una cultura dell’uso della rete più avveduto e colto che riduca il numero dei creduloni che si bevono le panzane perchè “l’ho letto su internet”.

editor

__________________________

Notizie Salute Sicurezza
Lavoro Ambiente
Gennaio 2017

_________________________

Un libro importante : Salute senza confini. Le epidemie al tempo della globalizzazione di Paolo Vineis

Paolo Vineis, ordinario di Epidemiologia all’Imperial College di Londra, analizza come i concetti di salute e malattia stiano cambiando: non piu` semplici processi biologici, ma fenomeni complessi che investono la sfera ambientale, sociale, economica, politica e culturale.
Oggi il cambiamento climatico, i flussi migratori, la crisi economica e l’industrializzazione della produzione alimentare sono elementi fondamentali per comprendere lo stato di benessere (o malessere) delle popolazioni.
Questo libro traccia un quadro completo degli aspetti che compongono la salute globale, e propone una tesi forte sul piano politico: in un panorama così mobile e articolato, la salute a livello mondiale potrebbe andare incontro a un deterioramento simile a quanto sta avvenendo in economia.

In un mondo globalizzato in costante mutamento, più facile da percorrere ma anche più caotico e difficile da controllare, i concetti di salute e malattia stanno cambiando: non più semplici processi biologici ma fenomeni complessi che investono la sfera ambientale, sociale, economica, politica e culturale. Oggi il cambiamento climatico, i flussi migratori, la crisi economica e l’industrializzazione della produzione alimentare sono fenomeni fondamentali per comprendere lo stato di benessere (o malessere) delle popolazioni. Vineis traccia un quadro completo degli aspetti che compongono la salute globale, e propone una tesi forte sul piano politico: in un panorama così mobile e articolato, la salute a livello mondiale potrebbe andare incontro a un deterioramento simile a quanto sta avvenendo in economia

La recensione di Gavino Maciocco su saluteinternazionale.info

Le epidemie al tempo della globalizzazione di Paolo Vineis
Gavino Maciocco

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5184&Itemid=2

—————————-

2016 Plea for a global plan to combat occupational cancer

Dr Jukka Takala, a world expert on work-related cancer, considers it necessary to establish a global programme for eliminating carcinogens in the workplace. ‘Cancer is the primary cause of death in the workplace,’ he stated on 16 December 2016 at an ETUI monthly forum.

fonte ETUI.ORG

http://www.etui.org/News/Plea-for-a-global-plan-to-combat-occupational-cancer

————————–

EVENTI

Bologna 12-13 gennaio 2017 Workshop SNOP

La prevenzione tra oggi e domani

Attachments: File    File size

http://www.snop.it/attachments/article/652/WorkshopSnop_12-13gen17_Bologna_2ann.pdf

————————–

Capitale sociale e salute: cosa dice la letteratura
Maurizio Marino, Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 – Luisella Gilardi, Dors

Introduzione

Questo breve report presenta la sintesi di una ricerca bibliografica realizzata nel 2016 volta a focalizzare il tema della relazione fra capitale sociale (CS) e salute.
Affrontare il tema della relazione fra CS e salute in letteratura, cercando di derivarne degli elementi di sintesi attraverso il confronto fra i diversi studi, presenta alcuni elementi ‘critici’, che vanno tenuti presenti nella lettura dei diversi risultati.
Il primo riguarda la definizione (teorica ed operativa) del concetto di CS. In letteratura infatti il concetto di CS non ha una interpretazione univoca, ma assume significati differenti a livello teorico ed empirico, che dipendono in particolare dal punto di vista con cui si osservano gli elementi associati al termine: ‘dal micro al macro, dall’individuale al sociale’ (Cnel – Istat 2015). Anche per questo motivo le misurazioni dei diversi sistemi di indagine a livello nazionale e internazionale utilizzano una batteria di indicatori che indagano i vari aspetti ai quali si riferisce questo concetto [1].
Il secondo aspetto riguarda il fatto che esiste una vasta letteratura che oltre ad indagare l’effetto dello ‘stock’ di CS (individuale e di comunità) sul ‘benessere’ generale della popolazione, indaga aspetti specifici della salute indivuale e collettiva, con risultati non sempre univoci e convergenti.

Gli articoli selezionati secondo una strategia di ricerca illustrata nel capitolo Metodi, saranno classificati considerando l’aspetto di salute preso in esame, con una breve sintesi dei principali risultati.

LEGGI L’ARTICOLO FONTE DORS.IT

http://www.dors.it/page.php?idarticolo=2918

———————–

Meningite: l’epidemia è solo mediatica

In questi giorni, molti servizi vaccinali delle Asl sono in difficoltà per le richieste pressanti da parte dei cittadini che vorrebbero fissare un appuntamento ravvicinato per la vaccinazione contro contro il meningococco. Cosa succede? È veramente un’emergenza? Cosa è cambiato? Cosa dobbiamo temere? La risposta è più semplice di quanto molti possano pensare: si tratta solamente di una “epidemia mediatica”, in cui il patogeno, che si sta moltiplicando a dismisura, contagiando giornali e lettori, è semplicemente la notizia giornalistica. Leggi la riflessione di Fortunato D’Ancona, Maria Grazia Caporali, Paola Stefanelli (Iss).

http://www.epicentro.iss.it/problemi/meningiti/EpidemiaMediatica.asp

FONTE EPICENTRO

————————


Turchia : 6,087 workers killed in last five years, TESK chair Palandöken says

6,087 workers killed in last five years, TESK chair Palandöken says

Some 6,087 workers have been killed on the job in the last five years in Turkey, according to Confederation of Merchants and Craftsmen (TESK) chair Bendevi Palandöken.

“These accidents are occurring due to both faults by employers and employees,” Palandöken said in a statement issued on Dec. 4, adding that work accidents were increasing year by year.

Turkey has the highest rate of fatal work accidents in Europe, according to the statement.

The TESK head also said 952,238 work accidents had occurred in the last five years, adding that 6,087 workers were killed in these accidents.

Moreover, Palandöken said the numbers of those killed involved only insured workers, meaning that the true number is actually much higher when considering fatalities among uninsured and unrecorded workers.

Istanbul, Ankara, Izmir, Antalya, Bursa, Konya, Gaziantep, Kayseri, Mersin, Kocaeli, Adana, Hatay, Manisa, Mugla and Tekirdag led the way in terms of workplace deaths, Palandöken said.

“Carelessness, working without protective wear, working outside of the job description, working at a dangerous speed and lack of discipline are a large reason for work accidents. One of the most pertinent consequences of work accidents is the killing of workers,” he said.

“Even if workers are not killed, they can wound or damage their psychological integrity. They can struggle with unemployment if they are wounded to the point that they cannot work. Work accidents also affect the capacity of production by damaging the state’s economy,” he said.

December/05/2016

http://www.hurriyetdailynews.com/6087-workers-killed-in-last-five-years-tesk-chair-palandoken-says-.aspx?pageID=238&nID=106903&NewsCatID=347

————————

Newsletter Medico Legale Inca Cgil – n° 1 – 2017

I rischi per la salute nel settore tessile

Nel numero di ottobre 2016 della rivista ISL è stato pubblicato un approfondimento dedicato al settore delle lavorazioni plastiche .  Da questo interessante lavoro riprendiamo alcuni temi di utilità nella nostra attività di tutela.

LA NEWSLETTER

http://www.diario-prevenzione.it/newsletter/news_inca_1_2017.pdf

———————–


“La salute diseguale. La sfida di un mondo ingiusto”     

mercoledì 04 gennaio 2017
Gavino Maciocco

“La salute diseguale. La sfida di un mondo ingiusto” è una sorta di summa teologica del pensiero di Michael Marmot. Un libro sorprendente, appassionante, perfino divertente, ma soprattutto utile, perché anche in questo frangente Marmot non rinuncia a un approccio fondamentalmente didascalico, dove le informazioni e le affermazioni più importanti sono corredate da una ricca e chiara iconografia.

Se dovessi scegliere un termine, una sola parola, per descrivere Michael Marmot e la sua opera, userei l’aggettivo “sorprendente”.

Fu una vera sorpresa imbattersi, alla fine degli anni 90 (con una seconda edizione più ampia uscita nel 2003 e ancora attuale), in una pubblicazione curata dall’ufficio europeo dell’OMS  dal titolo “Social determinants of health: the solid facts”[1], autori Michael Marmot e Richard Wilkinson (Figura 1).

The Solid Facts

Questo l’incipit dell’introduzione: “Anche nei paesi più ricchi, le persone più svantaggiate hanno una speranza di vita decisamente più breve e si ammalano di più rispetto ai ricchi. Queste differenze nella salute, oltre a rappresentare una grave ingiustizia sociale, hanno attirato l’attenzione scientifica su alcuni dei più importanti determinanti della salute nelle società moderne e aumentato la conoscenza e la consapevolezza di come l’ambiente sociale influenza la salute della popolazione. Infatti oggi noi possiamo parlare di determinanti sociali di salute”.

Dal gradiente sociale alle conseguenze dello stress, dall’influenza sulla salute delle fasi precoci della vita all’esclusione sociale, dalla disoccupazione/precarietà lavorativa agli effetti delle droghe; dal supporto sociale all’ambiente di lavoro; dall’alimentazione ai trasporti. Dieci capitoli ognuno dei quali arricchito di dati, figure e riferimenti bibliografici essenziali.  Il tutto in 32 pagine (vedi Risorse).

La disponibilità di quelle 32 pagine rappresentò per me, e ritengo per chiunque si occupava di insegnamento della sanità pubblica, una vera rivoluzione didattica in tema di determinanti e diseguaglianze nella salute, tanto era chiaro il testo, tanto erano efficaci le tabelle e le figure, destinate a essere subito copiate e incollate nelle presentazioni power point.

L’ARTICOLO SEGUE ALLA FONTE  SALUTEINTERNAZIONALE.INFO

http://www.saluteinternazionale.info/2016/12/giustizia-sociale-e-salute/

————————–

Newsletter Medico Legale INCA  Numero 32°/2016                      

IARC: Agenti cancerogeni per l’uomo: prove sufficienti o limitate secondo l’organo bersaglio (fino alla più recente monografia 117)

La Newsletter

http://www.diario-prevenzione.it/newsletter/news_inca_32_16.doc

————————–


LE MORTI BIANCHE IN ITALIA NON SI FERMANO:
935 INFORTUNI MORTALI DA GENNAIO A NOVEMBRE 2016

L’EMILIA ROMAGNA CONTINUA A ESSERE CAPOFILA DELLA LUTTUOSA CLASSIFICA CON 84 CASI, SEGUITA DAL VENETO CON 80 VITTIME E LOMBARDIA CON 73.

Le morti bianche in Italia non accennano a fermarsi. Come rilevato dall’ultima analisi condotta dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering sulla base di dati INAIL, sono infatti 686 gli infortuni mortali avvenuti in occasione di lavoro e 249 quelli accaduti in itinere da Gennaio a Novembre 2016.

Risulta tuttavia confortante il dato che attesta il decremento della mortalità in occasione di lavoro del 14,3% (114 casi) rispetto allo stesso periodo del 2015.

L’Emilia Romagna risulta essere nuovamente la regione con il maggior numero di casi di morte sul lavoro (84 vittime), seguita dal Veneto (80 vittime) e dalla Lombardia (73 casi).
La Valle d’Aosta continua invece ad essere l’unica regione con nessun caso rilevato.

Il Sud Italia è la macro area più colpita per indice di incidenza sugli occupati. Si sono potute contare 148 vittime con un indice di incidenza pari a 43,1, seguito anche questo mese dal Nord Est con 112 casi (indice incidenza pari a 36,6).

La classifica provinciale per casi totali di infortuni mortali sul lavoro è guidata da Roma con un totale di 32 vittime registrate, seguita da Vicenza e Napoli con 22 casi ciascuno.

Dando rilevanza al settore economico, si può constatare che nelle costruzioni si conta il maggior numero di morti (103 casi pari al 15%), seguito dalle attività manifatturiere con 93 decessi (pari al 13,6% del totale) e dal settore del trasporto e magazzinaggio (83 casi pari al 12,1%).

Tra i decessi sul lavoro, 107 casi (pari al 15,6%) hanno coinvolto lavoratori stranieri, mentre 44 casi pari al 6,4% hanno interessato donne.
La fascia d’età che continua a guidare la drammatica classifica con 231 casi e 33,7 punti percentuali è quella compresa tra i 45 e i 54 anni, tuttavia l’incidenza più elevata della mortalità rispetto alla popolazione lavorativa, coinvolge ancora gli ultra sessantacinquenni.
Ci auguriamo che il comunicato e le tabelle statistiche possano diventare un utile strumento di lavoro per Voi e possano contribuire a diffondere la cultura della sicurezza sul lavoro.

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5175&Itemid=2

———————–


In G.U. UE la Direttiva (UE) 2016/2309 della Commissione relativa al trasporto interno di merci pericolose

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 345/48 del 20.12.2016 la Direttiva (UE) 2016/2309 della Commissione del 16 dicembre 2016 che adegua per la quarta volta al progresso scientifico e tecnico gli allegati della direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al trasporto interno di merci pericolose

IL TESTO

http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX:32016L2309

———————

Pubblicato su 16 dicembre 2016 da AFEVAEMILIAROMAGNA

Assemblea molto partecipata quella di Correggio indetta da CGIL RE, AFeVA ER, AEAC, CORA. Circa 150 persone hanno seguito gli interventi che si sono succeduti. Ex lavoratori della Cemental, familiari di lavoratori Cemental deceduti a causa dell’amianto che lì si lavorava, delegati sindacali ed RLS, delegazioni di associazioni delle vittime dell’amianto, cittadini di Correggio, hanno seguito con attenzione la presentazione del Dossier sulla vicenda Cemental presentato da Ciro Maiocchi della Camera del Lavoro di Reggio Emilia.  Nei soli dati raccolti dalla CGIL nei propri archivi, 31 lavoratori della Cemental sono morti di tumore, 19 di questi per Mesotelioma, il tumore legato strettamente all’esposizione alle fibre di amianto 3 sono i casi di decesso di cittadini che vivevano nei pressi dell’azienda, 14 i casi di asbestosi, 9 lavoratori con placche pleuriche, 9 i casi di tumore al polmone correlabili all’amianto. L’incidenza maggiore di quella registrata fra tutti i lavoratori del settore del cemento amianto in provincia di Reggio Emilia. nei giorni precedenti la CGIL di Correggio ha distribuito 6000 copie del Dossier presso i cittadini di Correggio. (leggi l’articolo della Gazzetta di Reggio)

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5166&Itemid=2

——————-


Disuguaglianze. Salute in Italia e livelli di tutela: approfondimenti dalle indagini ISTAT sulla salute.

Pubblicato da franco.cilenti

sanita-italiana

Il rapporto raccoglie il risultato di una pluralità di analisi realizzate sui dati 2013 dell’indagine ISTAT sulla salute a proposito di condizioni di salute, prevenzione, assistenza sanitaria, nonché gli approfondimenti su alcuni gruppi vulnerabili e particolari strumenti per la programmazione sanitaria. Grazie alla comparabilità con le precedenti edizioni dell’indagine è stato possibile valutare il trend temporale di questi indicatori a cavallo della crisi economica. Nonostante la recessione, sembrano migliorare gli indicatori di salute soggettiva, salute fisica e disabilità, mentre peggiora il disagio mentale, in particolare tra la popolazione giovane e adulta, soprattutto maschile, più coinvolta dall’emergenza occupazionale del periodo di crisi. Nell’ambito della prevenzione si conferma la presenza di nette differenze fra i gruppi sociali e tra le aree territoriali negli stili di vita poco salutari: abitudine al fumo, eccesso di peso e inattività fisica. Per gli altri livelli di prevenzione, come l’accesso agli screening dei tumori femminili, si riducono gli svantaggi nell’accesso a questi servizi nelle aree meridionali, grazie all’estensione dei programmi di screening alle regioni del Sud. Sul versante sanitario, la monografia propone nuovi e originali spunti per comprendere meglio i motivi per cui l’offerta non incontra la domanda, i fattori che inducono il ricorso al privato e all’eventuale rinuncia alle cure. Si evidenziano lunghi tempi di attesa per le persone socialmente svantaggiate che hanno meno risorse e capacità nel trovare risposte adeguate nei tempi necessari a rispondere ai propri bisogni di salute.
Parole chiave:Salute percepita; Prevenzione; Fattori di rischio per la salute; Screening tumori femminili; Rinuncia alle cure; Tempi di attesa; Disuguaglianze nell’accesso ai servizi sanitari.

CLICCA SU http://www.iss.it/binary/publ/cont/16_26_web.pdf

———————–

Censis: tagli sanità portano a rinuncia o rinvio delle cure

(fonte Regioni.it 3061 – 02/12/2016) “La scure non guarirà la sanità italiana. Gli effetti socialmente regressivi delle manovre di contenimento del governo si traducono in un crescente numero di italiani (11 milioni circa) che nel 2016 hanno dichiarato di aver dovuto rinunciare o rinviare alcune prestazioni sanitarie, specialmente odontoiatriche, specialistiche e diagnostiche”. E’ il quadro che emerge dal 50esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese. “Il progressivo restringimento del welfare legato agli obiettivi di finanza pubblica appare evidente nella dinamica recente della spesa sanitaria”, rileva il Censis. Mentre dal 2009 al 2015 si registra solo una lieve riduzione in termini reali della spesa pubblica, nello stesso arco di tempo la spesa sanitaria privata, dopo una fase di crescita significativa, si riduce a partire dal 2012, per riprendere ad aumentare negli ultimi due anni (+2,4% dal 2014 al 2015), fino a raggiungere nel 2015 i 34,8 miliardi di euro, cioè poco meno del 24% della spesa sanitaria totale.
Aumenta poi la compartecipazione dei cittadini alla spesa: +32,4% in termini reali dal 2009 al 2015 (con un incremento più consistente della compartecipazione alla spesa farmaceutica: 2,9 miliardi, +74,4%). “Infine – si legge nel Rapporto – anche l’offerta ospedaliera mostra una progressiva riduzione dei posti letto (3,3 per 1.000 abitanti in Italia nel 2013 secondo i dati Eurostat, contro i 5,2 in media dei 28 Paesi Ue, gli 8,2 della Germania e i 6,3 della Francia)”.

segue su fonte

http://www.regioni.it/newsletter/n-3061/del-02-12-2016/

———————-

LAVORO

Chi ha paura dei referendum sul Jobs Act

di Luigi Mariucci [*]

Circolano vari tentativi di ridimensionare la portata e il significato dei referendum sul Jobs Act promossi dalla Cgil. In alcuni casi si ipotizzano modifiche della disciplina tali da consentire il superamento del quesito referendario. Così in materia di voucher. In questo caso non sarebbe da escludere la congruenza di una modifica legislativa che riportasse l’uso dei voucher alla fisionomia originaria, intesi come forma di compenso per prestazioni davvero occasionali e limitate a specifiche categorie (pensionati, studenti,disoccupati).

segue su fonte

http://www.lab-lps.org/post/?p=918

—————————-

——–
UTILITY
——–

La raccolta delle newsletter di diario prevenzione è disponibile sul sito

https://dprevenzione.wordpress.com

——————————

Se desideri segnalare a un/a collega questa newsletter, la modalità per iscriversi alla mailing list è
la seguente: il tuo/a collega può inviare dalla sua mail una email vuota al seguente indirizzo

notizie-subscribe@diario-prevenzione.it

il programma che gestisce la mailing list invierà in automatico una mail di verifica con richiesta di conferma

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa ogni 20 giorni contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti e media  che trattano la  prevenzione dei rischi sul lavoro e negli ambienti di vita. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.

——————————

PODCAST AUDIO NEWS DIARIO PREVENZIONE

http://bit.ly/1p34Qcm

———————————-

SEGUI DIARIOPREVENZIONE
SU TWITTER

https://twitter.com/dprevenzione

———————————-

 Cordiali saluti a tutt.*, grazie per l’attenzione
arrivederci alla prossima newsletter

Gino Rubini, editor di www.diarioprevenzione.it

°°°°°°

Per favore non stampare questa newsletter
per non sprecare risorse energetiche ed ambientali . grazie

°°°°°°

newsletter diario prevenzione 15 novembre 2016 – vol.n° 124


newsletter diario prevenzione

http://www.diario-prevenzione.it

15 novembre 2016 – vol.n° 124

notizie, documenti e link sui temi del governo dell’ambiente
della salute e della sicurezza nel lavoro e
sulla responsabilità sociale d’impresa

*****

DIARIO PREVENZIONE HA VENT’ANNI, MA NON ABBIAMO NESSUN MOTIVO PER FESTEGGIARE ….

Sono trascorsi poco più di vent’anni da quando mettemmo in rete il primo sito di diario prevenzione,nell’ottobre 1996.

In questi vent’anni abbiamo cercato di svolgere un ruolo abbastanza trascurato:  la socializzazione delle conoscenze in materia di promozione della prevenzione e della tutela della salute negli ambienti di vita e di lavoro.

La nostra scelta fu  quella di rendere disponibili ai diversi soggetti che operano sul campo della valutazione e gestione dei rischi negli ambienti di lavoro e di vita notizie di iniziative, risultati di ricerche, resoconti di esperienze positive o meno, documenti prodotti dalle istituzioni e centri di ricerca su scala europea e internazionale.

Non sappiamo quanto abbia inciso il nostro contributo per fare crescere una cultura ed una visione europea internazionale su come debbano essere affrontati i grandi temi della prevenzione, promozione e della  tutela della salute nel lavoro e oltre il lavoro.
Riteniamo tuttavia  che anche questo piccolo canale informativo abbia dato comunque un contributo per stimolare curiosità e interessi nei lettori, a volgere uno sguardo oltre i confini del borgo che rischia di divenire sempre più “selvaggio”.

Molti ci continuano a chiedere perchè continuiamo a pubblicare o segnalare documenti e report di ricerca in inglese, francese e spagnolo che hanno origine da enti, organizzazioni di paesi lontani come il Canada piuttosto che Australia o latino america.
Abbiamo una sola risposta : lo facciamo perchè in quei report, in quei documenti spesso ci sono soluzioni che possono essere interessanti e utili, ma , soprattutto perche riteniamo che l’unico antidoto al degrado culturale e scientifico, al tentativo di plebeizzare moltitudini di persone sia la crescita di una cultura del confronto e dello scambio con il mondo, con altri che hanno i nostri stessi problemi di rischio di farsi male e o di sofferenza nel lavoro e negli ambienti di vita.

Per questi motivi continueremo questo lavoro di socializzazione della conoscenze fino a quando avremo la forza e la convinzione per farlo.

Purtroppo non abbiamo le risorse per le traduzioni e siamo costretti a pubblicare i documenti e i rapporti in lingua originale: questo problema è meno grave rispetto a vent’anni fa, molti giovani e ragazze conoscono bene le lingue e non hanno problemi di barriere linguistiche.

Il 26 ottobre del 1996 diario prevenzione fu messo on line, fu una scommessa che in gran parte abbiamo vinto rispetto agli scettici dell’epoca che pensavano che la comunicazione tramite internet fosse poco più di un giocattolo .

Non abbiamo festeggiato questo “anniversario” perchè allo stato dell’arte non c’è nulla da festeggiare. Il lavoro è sempre più scarso e frantumato, le potenzialità della sharing economy sono annichilite dalle nuove forme di caporalato elettronico ( vedi i licenziamenti tramite app e i compensi da fame per chi lavora in questi settori ). La grande paura e il grande “freddo” rispetto a come moltitudini di persone immaginano il proprio futuro è l’aspetto che preoccupa di più:segnali pesanti ci vengono dalle elezioni presidenziali USA. La plebeizzazione dei lavoratori come effetto della  globalizzazione produce Trump presidente. Vedremo cosa farà.

La sfida attuale più importante  è quella della ricerca su come di nuovo si potrà ridare dignità e valore al lavoro e alle persone che vivono del loro lavoro, questo è il banco di prova più autentico su cui si dovranno/potranno misurare le nuove generazioni, se lo vorranno fare.

Senza un processo di nuova costruzione della dignità e del valore del lavoro la stessa democrazia è in pericolo, troppi sono gli eventi in corso che ce lo stanno dicendo.

Questa piccola iniziativa di comunicazione per la promozione della cultura della salute e della prevenzione continuerà anche per testimoniare che i diritti, il diritto alla salute in particolare, non vengano trasformati totalmente in un bisogno da soddisfare acquistando prestazioni sul mercato. Solo la partecipazione di cittadini liberi e consapevoli potrà evitare che la politica sia sempre più subalterna ai poteri forti dell’economia e della finanza, subalternità che rappresenta l’inizio della fine della democrazia.

Gino Rubini

__________________________

Notizie Salute Sicurezza
Lavoro Ambiente
Novembre 2016

__________________________

EVENTI

CGIL CISL UIL EMILIA ROMAGNA
SERVIZIO SANITARIO REGIONE
EMILIA ROMAGNA

Seminario
“Emergenza aflatossine: dal controllo alla prevenzione”
Camera del lavoro di Bologna
Via Marconi 67/2 Bologna Sala Di Vittorio 1 (terzo piano)
15 novembre 2016 Ore 9.00 – 14.00

PROGRAMMA LAVORI

http://www.diario-prevenzione.it/convegni/AFLA151116.pdf

—————————————

E’ uscito a stampa il numero di “Inchiesta” 193  luglio-settembre 2016.

http://www.inchiestaonline.it/archivio/e-uscito-il-numero-193-di-inchiesta-luglio-settembre-2016/

————————————-

Newsletter Medico Legale  Inca Cgil Numero 30°/2016

Congresso SIMLII: i rischi per la salute degli Operatori dei Corpi di Polizia

Al recente Congresso Nazionale della SIMLII la Medicina del lavoro è tornata, dopo oltre un decennio dal 2004 , ad affrontare il tema dei rischi per la salute nelle Forze di Polizia. Per far questo si  è partiti da una analisi della letteratura scientifica che indica come le forze di polizia siano state oggetto prevalentemente di studi episodici, a carattere descrittivo o di indagini trasversali su campioni di convenienza. Sono molto scarsi gli studi longitudinali o quelli condotti su campioni randomizzati. Tuttavia, l’efficacia di queste indagini, pur limitata, è sufficiente ad illustrare un quadro di sicuro interesse per la medicina del lavoro.

In  molti paesi, i poliziotti  non sono sottoposti a sorveglianza sanitaria ma solo ad una visita medica all’assunzione. Anche se la selezione all’ingresso garantisce un significativo  “effetto lavoratore sano”, lo stato di salute dei poliziotti si deteriora più rapidamente  di quello della popolazione generale. Si registra un rischio significativamente  elevato di disturbo  da stress post-traumatico, di stress cronico, di sindrome metabolica, di malattie cardiovascolari e di depressione.

Benché durante il servizio gli operatori segnalino solo raramente problemi di salute mentale, l’uscita dal servizio avviene  soprattutto per malattie  mentali (come ricordato nel 2011 da Sommerfield). Paradossalmente, però,  i poliziotti generalmente non cercano aiuto medico-psichiatrico ed infatti la frequenza di visite specialistiche richieste da poliziotti è significativamente  inferiore  a quella della popolazione generale e per lo più finalizzata a curare sintomi come l’eccessiva stanchezza o la difficoltà di dormire piuttosto che a diagnosticare o trattare disturbi mentali /o di comportamento.

Non sorprende in questo quadro che i poliziotti siano una categoria ad alto rischio di suicidio. Questo ultimo aspetto è uno dei più stigmatizzati e dei meno studiati  pur se disponiamo di dati che fotografano la realtà di singoli paesi a partire da quelli francesi. La Polizia italiana  è l’unica tra quelle  dei grandi paesi europei ad avere reso noti i dati (vedi Carrer e Garbarino. “Lavorare in Polizia. Stress e burnout “. Franco Angeli Editore 2015),

Tra il 1999 ed il 2012 si contano 137 suicidi, un numero  prossimo a quello degli agenti uccisi  da criminali o deceduti in servizio che sono stati nello stesso periodo 147. Il tasso  di suicidi nella polizia è più alto di quello  della popolazione generale italiana. Oltre il 90% dei casi fa uso dell’arma di ordinanza. Alla base di ogni caso di suicidio vi è sempre una  sofferenza così lacerante  da far ritenere che la morte possa essere preferibile alla vita.

Altri temi importanti nell’ambito delle forze dell’ordine sono dati dalla sindrome metabolica, cioè l’associazione  di dislipidemia, ipertensione, obesità ed intolleranza glucidica ed il rischio cardiovascolare  ad essa associato,  i disturbi del sonno e dell’eccessiva sonnolenza diurna  e dallo stress. Nell forze dell’ordine,  più che in altri settori lavorativi, si deve continuamente verificare non solo lo stato di salute dei lavoratori ma anche la loro  capacità di rispondere in modo efficace  ed in piena sicurezza a stimoli esterni che possono essere previsti solo stocasticamente.

segue su fonte

http://www.inca.it/Editoria/Lenotizie/Esperienzen3611112016/poliziapenitenziaria.aspx

——————————

 Protocollo d’intesa sperimentale contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura

Firenze, 25 ottobre 2016 – l’accordo proposto e gestito dalla Regione Toscana è stato siglato da Regione Toscana – Direzione Interregionale del lavoro di Roma del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – INPS Direzione Regionale Toscana – Inail Direzione Regionale per la Toscana – CGIL – CISL – UIL – Coldiretti – CIA – Confagricoltura – Alleanza delle Cooperative Toscane e mira a realizzare iniziative sul territorio regionale per contrastare lo sfruttamento lavorativo in agricoltura e il connesso fenomeno del caporalato.
(.jpg – 46 kb)
Questa collaborazione, nel rispetto dei ruoli istituzionali ricoperti da ciascun firmatario, opera nel contesto del Protocollo nazionale e della Legge sul caporalato e prevede interventi volti ad affrontare in modo efficace il rispetto dei diritti contrattuali dei lavoratori, nonché le problematiche della sicurezza e della salute.
Alcuni dei punti chiave:
– attivazione di interventi coordinati tra gli organismi pubblici di controllo e quelli paritetici di prevenzione, anche attraverso la condivisione delle banche dati e delle risorse utili a rendere più efficiente ed efficace l’azione di vigilanza nel settore agricolo;
– promozione di concrete azioni a garanzia delle condizioni di legalità nonché di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, anche mediante l’intervento del sistema della bilateralità;
– individuazione  e diffusione di  pratiche che, anche mediante la contrattazione decentrata territoriale e misure di semplificazione amministrativa, valorizzino ed incentivino le attività economiche del settore agricolo ed i prodotti d’eccellenza delle imprese che operano in condizioni di legalità e sicurezza;
– introduzione, nel rispetto delle norme comunitarie in materia di agricoltura,  di  forme di condizionalità relativa al rispetto dei diritti contrattuali dei lavoratori e al rispetto delle norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro per l’accesso ai fondi europei e il mantenimento dei benefici ad essi collegati.
Grazie agli strumenti messi a punto, l’iniziativa contribuisce a garantire i necessari livelli di legalità, sostenendo anche in maniera fattiva la promozione della cultura della salute e sicurezza del lavoro, che vede quotidianamente impegnato l’Istituto  nello svolgimento dei propri compiti istituzionali.
Il Protocollo sarà valido ed efficace dalla data di sottoscrizione sino al 31 dicembre 2017 e potrà essere prorogato o riproposto, previa verifica dei risultati prodotti.

Protocollo sperimentale con il quale le parti contraenti si impegnano, nei limiti delle rispettive competenze, a operare sul territorio regionale per contrastare lo sfruttamento lavorativo in agricoltura e il connesso fenomeno del caporalato..

https://www.inail.it/cs/internet/atti-e-documenti/protocolli-e-accordi/prac_protocollo_inail_dr-toscana_inps-dr-toscana_cgil_cisl_altri.html

FONTE  INAIL.IT

https://www.inail.it/cs/internet/comunicazione/news-ed-eventi/news/news-caporalato-toscana.html

———————–


Les perturbateurs endocriniens coûtent aux États-Unis 310 milliards d’euros par an

FONTE ETUI.ORG

Des chercheurs estiment que l’économie des États-Unis perd chaque année 310 milliards d’euros à cause des coûts occasionnés par les perturbateurs endocriniens (PE), notamment en termes de perte de QI, d’augmentation des troubles comportementaux et d’autres problèmes de santé comme l’obésité et le diabète.

Ces coûts représentent plus du double de ceux provoqués par les PE dans l’Union européenne, qui ont été estimés à 148 milliards d’euros.  Les auteurs de l’étude, publiée dans The Lancet Diabetes and Endocrinology,  soulignent que les législations qui existent en Europe peuvent limiter l’exposition à certains de ces produits chimiques.

Ces estimations tiennent compte des coûts totaux liés à ces produits chimiques, c’est-à-dire à la fois des coûts directs des traitements médicaux et des coûts indirects liés à la perte de productivité ou de rémunération. Les chercheurs ont ensuite comparé les résultats américains aux résultats d’une étude précédente effectuée en Europe.

Les coûts sont plus élevés aux États-Unis, en grande partie en raison de l’utilisation généralisée des polybromobiphényleséthers (PBDE), une substance chimique appliquée dans des meubles pour les rendre moins inflammables, dont l’utilisation est restreinte en Europe depuis 2008. Sources: Reuters, Environmental Health News, www.journaldelenvironnement.net

En savoir plus:

Attina TM, et al. Exposure to endocrine-disrupting chemicals in the USA: a population-based disease burden and cost analysis, The Lancet Diabetes & Endocrinology, 17 October 2016

http://www.thelancet.com/journals/landia/article/PIIS2213-8587%2816%2930275-3/fulltext

—————————

8 November 2016
France : une campagne syndicale dénonce le tribut payé par les intérimaires

La CGT a présenté à la presse le 8 novembre à Paris sa campagne de sensibilisation au problème des accidents du travail dans le secteur de l’intérim. D’après le syndicat, on y a dénombré 40.000 accidents en 2014, dont 64 mortels.

Les deux millions de salariés intérimaires employés chaque année ont jusqu’à deux fois plus de risques de connaître un accident du travail que les salariés en CDI, a dénoncé le syndicat lors d’un point-presse.

Le taux de fréquence national d’accidents du travail, c’est-à-dire le nombre d’accidents avec un arrêt de travail supérieur à un jour sur douze millions d’heures travaillées, est de 22,9 pour les salariés en CDI contre 34,9 pour le travail temporaire (soit un rapport d’environ 1,5).

Dans certains secteurs, comme celui de la métallurgie, le taux de fréquence est plus de deux fois supérieur parmi les intérimaires (42,8 contre 20,1). “Être intérimaire est un risque en soi”, a souligné Philippe Tixier, secrétaire général de la CGT de l’intérim (USI-CGT). Concernant les maladies professionnelles, les données sont presque inexistantes à cause du “manque de traçabilité de carrière et d’exposition aux risques dans le travail temporaire”, a-t-il souligné.

La CGT estime que les employeurs du secteur de l’intérim négligent la santé et la sécurité et ne se préoccupent guère de leurs obligations légales en cette matière. Des négociations de branche sur la santé et la sécurité au travail sont en cours entre les syndicats du secteur et la chambre patronale des agences d’intérim. Le dernier accord sur ces points date de 2002. L’USI-CGT estime que ces négociations piétinent. C’est pourquoi elle depuis la mi-octobre une campagne de communication intitulée “Urgent! Intérimaires en danger”.  Le syndicat a élaboré des visuels-chocs, avec des slogans faisant référence à des classiques du cinéma.

Pour en savoir plus

http://www.interim.cgt.fr/339-top-depart.html#.WCHUv_krKUk

————————


La formaldeide come cancerogeno: problemi di registrazione e sorveglianza sanitaria ….

Nell’ambito del PRP 2014-18, la Regione Marche ha costituito un gruppo di lavoro di operatori dei Servizi ASUR (la denominazione assunta dal sistema “ASL” nelle Marche) dedicato al tema “cancerogeni occupazionali e tumori professionali”: in tale contesto è stato prodotto ed emesso questo documento sulla formaldeide, specificamente dedicato all’applicazione degli artt. 242 e 243 del Dlgs 81/08 riguardo a tale agente. Il documento costituisce un primo pronunciamento formale della parte pubblica in tema di formaldeide come agente cancerogeno; la discussione e il confronto sono aperti e vivaci anche in diversi altri contesti regionali (Piemonte, Lombardia e Veneto in particolare).”

Attachments: File    File size
Download this file (Marche – su formaldeide.pdf)Marche – su formaldeide.pdf    102 Kb

http://www.snop.it/attachments/article/632/Marche%20-%20su%20formaldeide.pdf

———————–

8 November 2016
Reconnaissance des cancers professionnels : le combat en justice de familles belges

fonte ETUI

Depuis plus de dix ans, la Fédération des travailleurs de la métallurgie de la confédération syndicale belge FGTB soutient les familles de quatre travailleurs victimes de cancers du système sanguin. Malgré des preuves d’une exposition dans l’entreprise au benzène, un solvant cancérogène, l’organisme public en charge de l’indemnisation des maladies professionnelles conteste le lien avec le travail.

Dix ans après, l’évocation du rendez-vous médical au service d’oncologie de l’hôpital André Renard à Herstal (est de la Belgique) reste une épreuve pour toute la famille. Surtout pour la jeune Nydia. “Au moment du diagnostic, c’était la période des examens. Mon père a voulu à tout prix la protéger. Il a cherché à dédramatiser”, se souvient son frère aîné Francisco Franco Gomez.

En ce matin de juillet, ce solide gaillard de quarante ans a accompagné ses deux sœurs et sa mère, venues à l’invitation des “métallos de la FGTB” témoigner de leur long et tortueux combat en justice. Depuis 2006, toute la famille tente avec l’aide du syndicat de faire reconnaître l’origine professionnelle de la maladie qui a emporté leur père le 30 mai 2011, quelques jours après son 59e anniversaire. Francisco Franco Molina a lutté pendant cinq ans contre un myélome multiple, un cancer de la moelle osseuse.

“Lors de la première entrevue que j’ai eue avec le médecin, on m’a dit de but en blanc : ‘Madame, vous savez, nous avons un excellent service de soins palliatifs dans cet hôpital'”, se remémore madame Franco Molina. Finalement il aura tenu cinq ans. Cinq années rythmées par les séjours répétés à l’hôpital, parfois en chambre stérile, par les chimiothérapies, les séances de radiothérapie et une très lourde opération chirurgicale. Fidèle à ses engagements politiques et syndicaux, Mr Molina sera resté un “dur à cuire” jusqu’au bout.

Du trichlo pour se laver les mains

Il n’a que quatre ans quand sa famille quitte l’Andalousie, fuyant la misère. Nous sommes en 1956, les charbonnages belges sont confrontés à une pénurie de main-d’œuvre. La “filière” italienne se tarit à la suite de la catastrophe du Bois du Cazier à Marcinelle qui fait 262 morts, dont la moitié d’Italiens. La Belgique va chercher ailleurs la main d’œuvre nécessaire à son industrie, alors florissante.

La famille Franco Molina s’installe à Herstal, dans la banlieue industrielle de Liège. Le père est recruté par un des nombreux charbonnages de la région. A dix-huit ans, Francisco entre chez Métal Profil, une entreprise de fabrication de rayonnages pour magasins et entrepôts. Après une première restructuration en 1979, l’entreprise est rebaptisée Polypal.

Par rapport à la mine et aux hauts fourneaux, cette entreprise offre aux jeunes travailleurs un environnement de travail bien plus attractif que ce qu’avait connu la première génération d’immigrés.

Et pourtant, les produits dangereux sont bien présents dans l’entreprise. Les travailleurs les utilisent sans être conscients de leur toxicité.

“A leur arrivée dans l’usine, les bobines d’acier étaient recouvertes d’huiles minérales pour qu’elles puissent passer facilement dans les profileuses [1]. Après, nous devions dégraisser les molettes des profileuses avec du pétrole ou un produit à base de benzène”, se souvient Pierre Soares, un ex-collègue de Mr Franco Molina.

“Nous utilisions également du trichloréthylène. Pour nous, il s’agissait d’un produit comme un autre. A l’époque, personne n’imaginait qu’il pouvait provoquer le cancer. Pour dégraisser nos mains avant notre pause de midi, nous nous lavions les mains au trichlo”,  se souvient l’ouvrier. Il se rappelle aussi qu’il n’y avait pas de cloisons dans l’entreprise, tout le personnel était exposé aux particules des moteurs diesel des chariots élévateurs, aux fumées de soudage et aux vapeurs des peintures à base de plomb, etc.

Un pronostic de survie de 15 jours

Quelques semaines après le diagnostic du myélome multiple de Francisco Franco Molina, Pierre Soares apprend qu’il souffre à son tour d’un cancer. “Quand le médecin m’a annoncé qu’il s’agissait d’un lymphome non hodgkinien, je n’ai pas réagi. Je n’avais jamais entendu parler de cette maladie. Le jeune médecin m’a alors dit : ‘Avez-vous réalisé qu’il s’agit d’un cancer?’ Je lui ai alors demandé : “Combien de temps me reste-t-il à vivre? Sans hésiter, il m’a répondu de 15 jours à trois semaines.”

Pierre Soares refuse au départ de suivre un traitement, mais il se laisse finalement convaincre par une doctoresse de suivre un traitement expérimental. Durant cinq mois, il subit une chimiothérapie particulièrement lourde. “Pendant mes séances, ma femme me touchait pour vérifier si mon corps était toujours chaud”, se souvient-il.

En rémission complète depuis 2011, Pierre Soares peut être considéré comme un rescapé, avec tout ce que cela comporte également en termes de séquelles physiques et psychologiques. “J’ai des douleurs en permanence dans toute la partie gauche. Je dois prendre des antiinflammatoires et également des benzodiazépines pour supporter la douleur. J’ai dû renoncer à mon potager”, témoigne-t-il. “Et mes enfants ont dû être suivis par un psychologue”, ajoute-t-il.

L’épreuve du diagnostic et des premiers traitements est d’autant plus pénible qu’elle coïncide avec l’annonce au cours de l’été 2006 par le groupe Whittan, l’actionnaire britannique de Polypal, de la délocalisation de ses activités au Pays basque espagnol.

Avec l’aide d’une association de médecins sensibilisés aux maladies liées au travail,  le syndicat des métallurgistes de la FGTB élabore un dossier et l’introduit auprès du Fonds des maladies professionnelles (FMP), l’institution publique chargée de l’indemnisation des travailleurs souffrant d’une maladie due à leur travail.

Le benzène figure sur la liste des maladies professionnelles provoquées par des agents chimiques. Une enquête d’exposition confirme l’exposition des travailleurs au benzène. Et cependant, les quatre demandes [2] de reconnaissance en maladie professionnelle sont toutes rejetées.

Les familles contestent cette décision devant le tribunal du travail qui désigne de nouveaux experts. Ceux-ci suivent l’avis du FMP, estimant qu’il n’existe pas de preuve d’une relation certaine entre les deux types de cancer et l’exposition au benzène.

Le FMP et les pétroliers

Nouveau rebondissement en 2009. Le Centre international de recherche sur le cancer (CIRC) met à jour sa monographie sur le benzène, en tenant compte de l’évolution des connaissances scientifiques. L’organisme de référence en matière de cancer, qui est relié à l’OMS, reconnaît depuis déjà longtemps le benzène comme un cancérogène avéré pour l’homme, mais essentiellement dans les cas de leucémie. Le CIRC établit pour la première fois une “association positive” entre exposition au benzène et myélome multiple et lymphome non hodgkinien [3].

Sur base de ces nouveaux éléments, les familles et leur syndicat obtiennent la désignation d’une nouvelle mission d’expertise qui débouchera sur un nouveau jugement du tribunal du travail. Celui-ci reconnaît le lien avec le travail pour les quatre dossiers, et enjoint le FMP à indemniser les victimes ou leur famille. Malgré cette décision de justice, le FMP ne désarme pas et fait appel du jugement.

L’organisme public, qui n’a pas l’habitude de voir ses décisions contestées en justice par des travailleurs, mandate un professeur d’université pour mener de nouvelles recherches dans la littérature. “Le FMP n’hésite pas à s’appuyer sur des études financées par l’industrie pétrolière”, dénonce le docteur Jilali Laaouej, qui apporte un soutien scientifique aux victimes dans leur bras de fer avec le FMP.

Le 30 août dernier, la cour devait statuer, mais l’audience a été reportée à la fin de l’année.

Pour Esmeralda Cué, ancienne ouvrière chez Polypal qui officie aujourd’hui chez les “métallos FGTB” de Liège, le FMP cherche à gagner du temps et à décourager les rares victimes qui osent contester ses décisions.

C’est probablement mal connaître l’état d’esprit des Franco Molina, un solide cocktail inspiré par l’héritage familial antifranquiste et corsé par la réputée mentalité contestataire liégeoise.

[1] Machine qui permet le pliage de tôle d’acier, d’aluminium, d’inox ou de zinc.

[2] Outre les cas de Mrs Franco Molina et Soares, il s’agit d’une ancienne ouvrière décédée à la suite d’un myélome multiple et d’un ouvrier en rémission d’un lymphome non hodgkinien.

[3] Benzene, IARC Monograph, 2012, pp 249-285.

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5125&Itemid=2

————————–


Il ruolo degli RLS nella valutazione dei rischi
Centro Cultura per la Prevenzione – V.le D’Annunzio 15 – Milano
Mercoledì 23 novembre 2016 – ore 9:00 – 13:00
 

Seminario di studio e approfondimento

PROGRAMMA LAVORI

http://www.ciip-consulta.it/index.php?option=com_content&view=article&id=582:art-rls-e-valutazione-dei-rischi&catid=317&Itemid=467

————————–

Imparare dagli errori: le cadute e gli infortuni negli uffici

Esempi di infortuni correlati ad attività svolte negli uffici, con particolare riferimento alle cadute. La dinamica degli infortuni e le misure di prevenzione. Focus sul rischio d’inciampare, sulla visibilità, sugli scivolamenti e sulle vie di fuga.

L’articolo segue alla fonte  PUNTOSICURO.IT

http://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-lavoro-C-1/rubriche-C-98/imparare-dagli-errori-C-99/imparare-dagli-errori-le-cadute-gli-infortuni-negli-uffici-AR-16464/

————————

LA VIOLENZA CONTRO GLI OPERATORI SANITARI E’ ORMAI FENOMENO PURTROPPO FREQUENTE IN PARTICOLARE NEI REPARTI DI EMERGENZA E PRONTO SOCCORSO. RITENIAMO UTILE LA CONOSCENZA DELL’ESPERIENZA CANADESE.

Violence Against Healthcare Workers:
A Canadian Experience
James T. Brophy, Margaret M. Keith, Michael Hurley

According to healthcare workers interviewed this past year by the Ontario Council of Hospital Unions (OCHU)/Canadian Union of Public Employees (CUPE), the health and wellbeing of the individuals devoted to caring for our health seems to be increasingly at risk from angry, frustrated, or out of control patients. Their experiences are chilling.
OCHU: We will not be silenced about Violence

“Very quickly, the patient bolted to his feet with his hand and arm cocked, ran across the room and hit me in the nose and under the eye. I immediately fell backwards. I started to bleed, profusely, from my nose. I couldn’t breathe. I started to panic.”

segue su

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5122&Itemid=53

——————–

SUICIDI  DA SUPERLAVORO IN GIAPPONE

Per  il caso di Matsuri Takahashi, che si è suicidato gettandosi da una finestra del suo appartamento dopo aver sofferto di depressione, è stata riconosciuta  da parte dell’ufficio ispezione del lavoro la causa di superlavoro.  L’amministrazione del primo ministro Shinzo Abe sta spingendo per tagliare le ore di lavoro.  Karoshi, o la morte da superlavoro, è rimasto un serio problema da quando è stato messo in evidenza come una questione sociale alla fine del 1980. In realtà, il suicidio di un altro dipendente oberato di lavoro Dentsu nel 1991 ha portato ad un livello giudiziario che riconosce la responsabilità dei datori di lavoro per i suicidi da superlavoro.

L’ARTICOLO ALLA FONTE JAPANTIME.CO.JP

http://www.japantimes.co.jp/opinion/2016/11/09/editorials/overtime-woes-dentsu/#.WCOez-D_rIV

———————-

LE AUTORITA’ E I PARTNER SOCIALI FRANCESI CRITICI VERSO L’ADOZIONE DELLA NORMA ISO 45001 IN MATERIA DI SGSSL

Una presa di posizione interessante da parte del Comitato Conseil d’orientation sur les conditions de travail (COCT) che avversa l’adozione della Norma ISO 45001 .

IL DOCUMENTO

http://travail-emploi.gouv.fr/ministere/acteurs/instances-rattachees/article/groupe-permanent-d-orientation-du-coct

———————-



Le recessioni fanno male alla salute
autore Giacomo Galletti

Diventa sempre più necessario dotarsi di strumenti in grado di monitorare in modo tempestivo ed efficace la “tenuta” dei sistemi sanitari. Osservare che l’accesso alle prestazioni assistenziali essenziali sia garantito a tutti i cittadini, in modo equo e universale, è un’azione strategica, ed etica, per evitare che quello che resta del celebre pollo di Trilussa venga addentato dai soli pochi fortunati.

“La crisi economica del 2008 ha comportato un aumento dei disoccupati, dei senzatetto e dei poveri, toccando quei fattori – occupazione, reddito, proprietà immobiliare – che costituiscono tra i maggiori determinanti dello stato di salute. Il debito nazionale è aumentato, nel momento in cui i soldi pubblici sono stati utilizzati per prevenire il collasso del sistema finanziario, e molti governi hanno così tagliato i servizi per ridurre tale debito. Ma qual è stato l’effetto di tutto ciò sulla salute?”

Questo è l’inizio di un editoriale apparso a settembre sul British Medical Journal. È un editoriale che, prescindendo dall’interrogazione finale, fa affermazioni piuttosto forti, quasi fossero l’incipit di un Manifesto della Salute ai tempi del Capitale 2.0 di Piketty. Gli autori dell’editoriale/Manifesto, due professori di sanità pubblica rispettivamente dell’Università di Liverpool, Ben Barr, e del Farr Institute della stessa città, David Taylor-Robinson, hanno provato a rispondere alla domanda che si erano posti partendo da due riferimenti: una review (una rassegna degli studi pubblicati sulle riviste scientifiche) e un grafico.

l’articolo prosegue alla fonte SALUTEINTERNAZIONALE.INFO

http://www.saluteinternazionale.info/2016/11/le-recessioni-fanno-male-alla-salute/

——————–


British Airways warned over ‘downplaying’ toxic fume events     

03 November 2016

Britain’s largest union, Unite warned British Airways against downplaying harmful fume events on board aircraft by reclassifying them as ‘odour events’, saying that it could mean the true number of fume incidents across the airline industry is ‘far higher’.

The warning comes as more details emerge of last week’s in-flight diversion to Vancouver of the British Airways flight from San Francisco to London Heathrow because of toxic fumes entering the cabin.

The airline has described the event on 25 October 2016, which led to crew members vomiting, donning oxygen masks and being taken to hospital, as an ‘odour event’ despite exchanges between the flight crew and air traffic control stating they had an incident involving ‘toxic fumes, toxic-gas like fumes’. The full exchanges have been released online and can be listened to in full here.

Unite understands that a separate fume event occurred the following day (26 October) on board a British Airways flight BA 269 from Heathrow to Los Angeles which the airline reportedly dismissed as an ‘odour event’. Unite understands that a full fume drill was performed on the flight deck, which would have involved crew putting on oxygen masks.

Unite, representing over 20,000 cabin crew, has been at the forefront of the campaign over cabin air quality and aerotoxic syndrome and is calling for a public inquiry into cabin air quality.

The union is also calling on the Civil Aviation Authority (CAA) to release figures on fume incidents and investigate how airlines classify ‘fume events’, as well as urging people who have been involved in a fume event to record it on Unite’s dedicated fume register or phone its hotline number 03330 146569.

Commenting Unite director of legal services Howard Beckett said: “It is clear from all the reports we’ve received and the exchanges between the flight deck and air traffic control that the incident on board the diverted BA flight from San Francisco to London Heathrow was more serious than a mere ‘odour event’.

“Downplaying serious toxic fume events on board aircraft as ‘odour events’ smacks of spin and an attempt to manipulate official statistics to downplay how widespread the problem really is in the industry.

“Fume events and continued exposure to contaminated cabin air can lead to serious ill health with long term debilitating effects on people’s wellbeing.

“Brushing these serious incidents under the carpet is shameful and we urge the CAA to investigate and for people involved in fume events to use our register or phone our hotline.”

ENDS
– See more at:

UNITETHEUNION.ORG

http://www.unitetheunion.org/news/british-airways-warned-over-downplaying-toxic-fume-events/

———————


MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 25 maggio 2016, n. 183

Regolamento recante regole tecniche per la realizzazione e il funzionamento del SINP, nonche’ le regole per il trattamento dei dati, ai sensi dell’articolo 8, comma 4, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. (16G00196) (GU Serie Generale n.226 del 27-9-2016 – Suppl. Ordinario n. 42) note: Entrata in vigore del provvedimento: 12/10/2016

IL TESTO DEL REGOLAMENTO SINP

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2016-09-27&atto.codiceRedazionale=16G00196&elenco30giorni=true

——————–

segnaliamo dal sito medicompetente.it questo commento del Dr Ramistella al DdL Ribaudo Boccuzzi
Il DdL Ribaudo-Boccuzzi: un’altra proposta di modifica del ruolo dei Medici Competenti

Si pubblica il commento del Dr. Ramistella, coordinatore della sezione tematica della SIMLII dedicata all’attività professionale dei medici del lavoro e medici competenti sulla recente proposta di legge presentata alla Camera dei deputati (primi firmatati on.li Ribaudo e Boccuzzi) in merito a un nuovo ruolo del medico competente. Nell’articolo viene riportato il disegno di legge e commentate le possibili ripercussioni, comprese alcune proposte concrete già ipotizzate nell’ambito della sezione tematica e della stessa Società scientifica. Viene dato, infine, appuntamento alla prossima “Convention MC 2017”, ove questa proposta – assieme alle altre che l’hanno preceduta – verrà ampiamente discussa e approfondita, confidando nella partecipazione attiva di tutti i colleghi interessati e delle stesse parti politiche, sindacali e datoriali.

°°°°°°°°

Ha suscitato parecchio interesse tra i medici competenti, compreso un certo scalpore, la proposta di legge recentemente presentata alla Camera (Atto Camera n. 4095 del 30 settembre 2016) che vede come primi firmatari gli on.li Franco Ribaudo e Antonio Boccuzzi (PD), assieme a molti altri deputati, intitolato “Modifica all’articolo 39 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, concernente la designazione del medico competente in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”. Si tratta di un testo molto breve che, come indica il titolo, dispone di cambiare solamente l’articolo 39 del noto D.Lgs. 81/08 (impropriamente definito “testo unico” per la salute e sicurezza sul lavoro), anzi in particolare, esclusivamente una sua parte. Secondo la proposta citata, il comma 2 dell’art. 39 del D.Lgs. 81/08 dovrebbe essere integralmente sostituito da quello che segue:
“2. Ai fini della individuazione del medico competente, il datore di lavoro si rivolge all’azienda sanitaria competente territorialmente, la quale provvede alla designazione nell’ambito degli elenchi dei professionisti in possesso dei requisiti di cui all’articolo 38, attingendo dall’albo specialistico ambulatoriale tenuto presso la medesima azienda sanitaria locale.
2-bis. Il medico competente risponde del proprio operato all’azienda sanitaria competente territorialmente.
2-ter. Gli oneri per le prestazioni assolte dal medico competente sono determinati dall’azienda sanitaria competente territorialmente e sono integralmente posti a carico del datore di lavoro”.
Il testo di tale emendamento al D.Lgs. 81 viene preceduto da una breve introduzione in cui vengono esplicitate le motivazioni che hanno condotto alla proposta. Va da sé che l’ipotesi tratteggiata, qualora dovesse venire presa in considerazione per l’approvazione, dovrebbe essere ulteriormente dettagliata sul piano della tecnica legislativa, allo scopo di renderla coerente con gli altri articoli del Decreto 81/08 e s.m.i. con i quali andrebbe in conflitto.

Si impongono, al riguardo, alcune riflessioni. >>>> l’articolo prosegue alla fonte MEDICOCOMPETENTE.IT

https://medicocompetente.it/mese/145/Il-DdL-Ribaudo-Boccuzzi-un-rsquo-altra-proposta-di.htm

—————–

Sul Sole 24 Ore del 26 settembre nell’inserto Sanità una intervista a Giorgio Di Leone, presidente SNOP.
Attachments:File    File size
Download this file (Intervista-SNOP-a-Sole-24-ore.pdf)Intervista-SNOP-a-Sole-24-ore.pdf    801 Kb

http://www.snop.it/attachments/article/618/Intervista-SNOP-a-Sole-24-ore.pdf

——–
UTILITY
——–

La raccolta delle newsletter di diario prevenzione è disponibile sul sito

https://dprevenzione.wordpress.com

——————————

Se desideri segnalare a un/a collega questa newsletter, la modalità per iscriversi alla mailing list è
la seguente: il tuo/a collega può inviare dalla sua mail una email vuota al seguente indirizzo

notizie-subscribe@diario-prevenzione.it

il programma che gestisce la mailing list invierà in automatico una mail di verifica con richiesta di conferma

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa ogni 20 giorni contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti e media  che trattano la  prevenzione dei rischi sul lavoro e negli ambienti di vita. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.

——————————

PODCAST AUDIO NEWS DIARIO PREVENZIONE

http://bit.ly/1p34Qcm

———————————-

SEGUI DIARIOPREVENZIONE
SU TWITTER

https://twitter.com/dprevenzione

———————————-


 
 
Cordiali saluti a tutt.*, grazie per l’attenzione
arrivederci alla prossima newsletter

Gino Rubini, editor di www.diarioprevenzione.it

°°°°°°

Per favore non stampare questa newsletter
per non sprecare risorse energetiche ed ambientali . grazie

°°°°°°