::: newsletter diario prevenzione 14 febbraio 2013 ::: vol.n° 65


newsletter diario prevenzione

www.diario-prevenzione.it

14 febbraio 2013 – vol.n°  65

notizie, documenti e link sui temi del governo dell’ambiente, della salute
e della sicurezza nel lavoro
e sulla responsabilità sociale d’impresa

&&&


LA SETTIMANA

La ricerca di fatti e/o eventi positivi da segnalare è divenuto il nostro metodo di lavoro per fare fronte agli effetti distruttivi della crisi.

La crisi per chi si occupa di prevenzione, salute e  sicurezza su lavoro in azienda rappresenta una barriera ed un ostacolo per la gestione con metodo e continuità programmata dei rischi. Questo è ancor più vero nelle piccole e medie ove la mancanza di risorse porta immediatamente al taglio dei costi.

La gestione della salute  e della  sicurezza viene considerata, troppo spesso, un costo, così come la manutenzione programmata, la pulizia di filtri, il ricambio di attrezzi e strumenti di lavoro….

A fronte di migliaia d’imprese che chiudono,  questi tagli alla gestione della sicurezza , della manutenzione  appaiono ai meno attenti  come un sacrificio tollerabile.

Purtroppo, talvolta,  questi “risparmi” sulla gestione della sicurezza e sulla manutenzione  si rivelano  disastrosi, con una moltiplicazione dei costi  insostenibili per la piccola impresa già in difficoltà.

Questo avviene quando si fa male un lavoratore, quando un impianto va in CRASH a causa della mancata manutenzione …

Per questi motivi suggeriamo di non operare tagli illusori alla gestione della sicurezza e della manutenzione, il rischio di pagare costi moltiplicati per cinquanta o cento diviene probabile così come diviene molto probabile la cessazione d’attività dell’impresa.

Mantenere performances di qualità nella gestione della sicurezza e della manutenzione, peraltro, è anche un segnale positivo verso il futuro  per i lavoratori, per i clienti,per il mondo che ruota attorno all’impresa.

L’impresa che investe nella gestione della sicurezza e della manutenzione comunica la propria volontà di affrontare il futuro e avrà consenso e disponibilità alla collaborazione da parte dei lavoratori.

Ancora alcuni fatti positivi di questa settimana.

Segnaliamo la disponibilità on line la Relazione finale della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul fenomeno degli infortuni mortali, un documento importante che contiene molte informazioni sullo stato dell’arte della gestione dei rischi per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Un elaborato di rilevante qualità per quanto attiene l’analisi dei rischi tradizionali presenti nei luoghi di lavoro, assai meno brillante per quanto riguarda le proposte di riforma del sistema istituzionale che ha le competenze in materia di salute e sicurezza nel lavoro, ma su questi aspetti torneremo ancora.

Segnaliamo altresì un articolo di Bruno Maggi già apparso sulla Rivista amica Inchiestaonline che riproduciamo. In questo articolo Bruno Maggi presenta una interpretazione molto critica di ciò che è avvenuto sia nella legislazione italiana in materia di gestione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Il saggio di Maggi offre molti stimoli per chi è “interno” al sistema o alla comunità che si occupa professionalmente  di prevenzione per riflettere su ciò che è avvenuto in questi anni: è una opportunità per rivedersi allo specchio con occhi diversi.

Infine segnaliamo Il progetto Dors “Laboratorio sull’uso della narrazione come strumento per la prevenzione degli infortuni sul lavoro”. Il fatto positivo è che il progetto prosegue anche nel 2013.   In questo mese sono state aggiunte tre nuove storie di infortunio.  Riteniamo molto importante e utile che questa iniziativa del DORS sia conosciuta  e ripresa anche in altre  realtà .

Alla fine della prossima settimana vi saranno le elezioni. Non è nostro compito dare indicazioni di voto ma invitiamo caldamente a riflettere prima di votare: a nostro parere va dato il consenso a quelle forze politiche che sostengono i diritti costituzionali come il lavoro, la salute, e va rifiutato il voto a quelle forze sedicenti “riformatrici” che fanno della spoliazione dei diritti dei lavoratori e dell’aumento delle diseguaglianze sociali tra i cittadini  la loro  piattaforma di potere.

editor

=======================

NOTIZIE AMBIENTE SALUTE
SICUREZZA LAVORO

=======================

Questa è la storia di uno di noi

Il progetto Dors “Laboratorio sull’uso della narrazione come strumento per la prevenzione degli infortuni sul lavoro” prosegue anche nel 2013.   In questo mese sono state aggiunte tre nuove storie di infortunio.  Riteniamo molto importante e utile che questa iniziativa del DORS sia conosciuta  e ripresa anche in altre  realtà .

Questa è la storia di uno di noi

http://www.dors.it/pag.php?idcm=4854

————————

14/02/12 – NUOVA LEGGE SULLA RISCHIO CHIMICO: PRESENTATA LA REVIEW DALLA COMMISSIONE EUROPEA

La Comunità Europea ha pubblicato il 05 febbraio la seconda revisione della nuova legge sul Rischio Chimico, nota come REACH (registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche), che impone alle società che producono o vendono sostanze chimiche nell’Unione Europea (UE) diregistrare i dati sulla tossicità dei composti e di definire eventuali nuovi test necessari per chiarire il loro biologico effetti.

Questa seconda revisione ha migliorato le informazioni disponibili sulle sostanze chimiche presenti sul mercato al fine di aggiornare le misure preventive da attuare, riducendo così i rischi legati all’esposizione.

Secondo un sondaggio su oltre 25000 intervistati sul rischio chimico, il 61% dei cittadini europei si sente più sicuro oggi rispetto a dieci anni fa.

segue

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=3706&Itemid=2

————————–

14/02/13  – MACCHINE VECCHIE E SENZA PROTEZIONI, IN AGRICOLTURA DIFFICILI LE SOLUZIONI EFFICACI

Relazione finale 2012 della Commissione inchiesta infortuni lavoro.

La protezione e l’adeguamento delle macchine agricole.

La Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro con particolare riguardo alle cosiddette “Morti bianche” ha approvato il 15 gennaio scorso la Relazione finale sull’attività svolta. Fra i temi esaminati gli infortuni legati alle macchine e attrezzature di lavoro di cui mi occupo in questa news.

segue su fonte quotidiano sicurezza

http://www.quotidianosicurezza.it/sicurezza-sul-lavoro/esperto-risponde/sicurezza-macchine-agricole-commissione-inchiesta-relazione.htm

—————————

Riproduciamo dal sito INCHIESTAONLINE  questo articolo molto importante di Bruno Maggi che offre un punto di vista molto critico sulle pratiche e sulla cultura della prevenzione che si sono sviluppate in Italia negli ultimi decenni.

Bruno Maggi: La prevenzione nei luoghi di lavoro in Italia

Al fine di tratteggiare l’attuale approccio alla prevenzione nei luoghi di lavoro in Italia ci riferiamo al quadro legislativo, agli indirizzi disciplinari e alle pratiche correnti. Commentando le norme vigenti, le proposte delle discipline interessate e le pratiche diffuse nei luoghi di lavoro non potremo esimerci dall’esprimere il nostro punto di vista, il che ci condurrà a una valutazione critica. Ci permetteremo quindi, per l’economia di questo testo, di richiamare scritti precedenti in cui abbiamo trattato con maggior dettaglio i vari punti, e argomentato in modo più approfondito la nostra critica.

segue su

http://www.inchiestaonline.it/lavoro-e-sindacato/bruno-maggi-la-prevenzione-nei-luoghi-di-lavoro-in-italia/

—————————-


14/02/13 – Il costo in vite umane della stagione venatoria

Dal 1° settembre allo scorso del 31 gennaio, ovvero per la durata della stagione venatoria, sono stati in tutto 151 i feriti, uomini, donne e bambini, dai colpi sparati da un’arma da caccia, 32 dei quali in modo mortale. Lombardia, seguita da Toscana e Sardegna sono state le regione dove si è registrato il maggior numero di incidenti.

E’ questa la conta complessiva delle vittime fuori e dentro le battute di caccia, che non hanno risparmiato neanche i più piccoli, come fa sapere l’Associazione Vittime della caccia, rilasciando il dossier sulla stagione venatoria appena conclusasi. Gli ultimi cinque mesi di caccia – o l’uso illecito e non controllato delle armi – ha infatti causato il ferimento di nove minori. Tra questi cinque hanno perso la vita: “due bambini uccisi durante le battute di caccia; altri due bambini suicidi col fucile del padre cacciatore; un bambino di 5 anni ucciso da un colpo di fucile ancora carico, sparato accidentalmente dal padre di ritorno a casa da una battuta”, spiega Daniela Casprini, a capo dell’Associazione.

segue su

http://www.galileonet.it/articles/5118f978a5717a75ea000086

—————————-

AMIANTO IL 14 FEBBRAIO AL VIA L’APPELLO.

..ARTICOLO RIPRODOTTO  DAL SETTIMANALE SOCIALISTA SVIZZERO AREA7.CH
RINGRAZIAMO LA REDAZIONE DI AREA7.CH PER LA CORTESIA.

Processo che vede imputati gli ex massimi dirigenti dell’Eternit: il barone belga Jean Louis De Cartier e il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny, entrambi condannati un anno fa in primo grado a 16 anni di carcere per omissione delle misure anti-infortunistiche sui luoghi di lavoro e per disastro ambientale doloso permanente, nonché al risarcimento dei danni. Loro però non si presenteranno davanti alla Corte d’appello di Torino: non hanno del resto mai accettato alcun confronto con i giudici e i magistrati italiani chiamati a far luce sul loro passato di imprenditori senza scrupoli che alla salute degli operai e dei cittadini hanno sempre anteposto il profitto.

Le loro sono storie di uomini in fuga, soprattutto quella di Stephan Schmidheiny, colui che era alla testa di Eternit quando gli stabilimenti italiani furono chiusi (su auto-istanza di fallimento) e abbandonati precipitosamente, sen-za affrontare il problema della bonifica e anzi lasciando sul territorio tonnellate e tonnellate di amianto, infischiandosene del futuro dei lavoratori che erano rimasti in azienda e delle loro famiglie e lasciando dietro di sé una lunga scia di malati e di morti. Oggi il magnate svizzero vive in Costa Rica e si vende come filantropo impegnato in favore di uno sviluppo sostenibile in America Latina. Nelle sue rare interviste (rilasciate solo a giornalisti compiacenti) non vi è mai un accenno agli affari e ai malaffari compiuti come industriale dell’amianto.

segue su fonte

http://www.area7.ch/Schmidheiny-torna-in-tribunale-cf027c00

—————————-

12/02/13 – Sostanze pericolose: istruzioni per l’uso

Una sintesi delle principali misure di prevenzione ed igieniche da seguire nella manipolazione, stoccaggio e smaltimento degli agenti chimici pericolosi e nella gestione dei DPI. Etichettatura, modalità operative, misure di protezione e igiene del lavoro.

segue su fonte puntosicuro.it

http://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-lavoro-C-1/tipologie-di-rischio-C-5/chimico-C-33/sostanze-pericolose-istruzioni-per-l-uso-AR-12566/

—————————-

EVENTI

PRESENTAZIONE LIBRO WORKERS, GOVERNANCE ..BOLOGNA 23 FEBBRAIO 2013

WORKERS,CITIZENS,GOVERNANCE
Socio Cultural Innovation at Work

AUTORI

Francesco Garibaldo
Mirella Baglioni
Catherine Casey
Volker Telljohann

Con i curatori e autori

Mirella Baglioni  Dipartimento di Economia, Università di Parma
Francesco Garibaldo Sociologo industriale

parleranno del libro

Pier Giorgio Ardeni Dipartimento di Scienze Economiche, Università di Bologna
Andrea Lassandari Dipartimento di Scienze Giuridiche “A. Cicu”, Università di Bologna

Introduce
Vando Borghi Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia, Università di Bologna

28 febbraio 2013
Ore 18:15
Biblioteca “Walter Bigiavi”
Aula seminari, 4º piano
via Belle Arti, 33
Bologna

LOCANDINA

http://www.diario-prevenzione.it/interim/Presentazione_bologna%20.pdf

————————–

EVENTI

DIPARTIMENTO AREA DELLA MEDICINA PREVENTIVA UOC MEDICINA DEL LAVORO

SEMINARIO
In ricordo di Antonio Grieco

MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI
ISO Technical Report 12296 del 2012
Dalla valutazione del rischio alla sua gestione

13 Marzo 2013
ore 8.30-13.00
AULA MAGNA MANGIAGALLI
via Commenda, 12
Milano

PROGRAMMA LAVORI

http://www.snop.it/attachments/article/235/mov%20paz%2007%20gennaio%202013.pdf

————————–


La CES déplore un budget d’austérité

La Confédération européenne des syndicats (CES) déplore l’accord sur un budget à la baisse que vient d’adopter le Conseil européen. C’est un mauvais signal pour l’Union européenne.

Bernadette Ségol, secrétaire générale de la CES a déclaré : « L’accord trouvé prévoirait une enveloppe des crédits d’engagements de quelque 960 milliards d’euros, et celui des crédits de paiement, soit les dépenses effectives pour les sept prochaines années, de 908,4 milliards d’euros. Si ces chiffres se révélaient être exacts, cela correspondrait à une baisse de 3% du budget pour la période 2014-2020 par rapport aux sept années précédentes. Il s’agit du premier budget pluriannuel en baisse de l’histoire de l’Union européenne. Nous savons que les politiques de cohésion sociale et notamment Fonds social européen seront affectés par ces réductions budgétaires. La CES étudiera en détail les coupes qui ont été décidées et réagira en conséquence ».

fonte ETUC.ORG

ETUC.ORG

————————


SENATO DELLA REPUBBLICA
XVI LEGISLATURA
Doc. XXII-bis n. 9
COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA
SUL FENOMENO DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO CON PARTICOLARE
RIGUARDO ALLE COSIDDETTE «MORTI BIANCHE»

Istituita con deliberazione del Senato del 24 giugno 2008

RELAZIONE FINALE
SULL’ATTIVITA` SVOLTA
Relatore sen. Oreste TOFANI
Approvata dalla Commissione nella seduta del 15 gennaio 2013

Senato della Repubblica – 2 – Atti Parlamentari
XVI LEGISLATURA – DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI – DOCUMENTI
Senato

IL TESTO FORMATO .PDF

http://www.diario-prevenzione.it/docbiblio/Relazionefinalesulfenomenodegliinfortunisullavoro_febbraio_2013.pdf

NOTA DI EDITOR. Raccomandiamo la lettura attenta di questo documento in quanto contiene, oltre ai dati di ricerca e documenti una proposta di istituzione di un’Agenzia per il coordinamento delle attività che dovrà essere valutata nella prossima legislatura. Questa proposta, a nostro parere, appare debole in quanto non definisce in modo chiaro chi sia il “dominus” della materia. Avremo modo di tornare su questi argomenti, buona lettura.

————————

EVENTI

VIATEC  SICUREZZA SUL LAVORO

CONVEGNO & TAVOLA ROTONDA

Fiera Bolzano | Sabato 23 febbraio 2013

PROGRAMMA LAVORI

http://www.diario-prevenzione.it/interim/VIA13-0301264-FlyerConvegno-it.pdf

————————-

FRANCIA

Mort annoncée

Non seulement il n’y aura pas de grande réforme de la médecine du travail, alors qu’elle avait été annoncée par le gouvernement, mais les mesures contenues dans la loi sur les retraites semblent bien signer la mort de la profession.

segue su fonte VIVA

http://www.viva.presse.fr/spip.php?page=enquete&id_article=14561

————————-

L’articolo di Pietro Ferrari sulla sanzionabilità per la mancata collaborazione ha sollevato una vivace discussione su diversi siti. Vedi in particolare Punto Sicuro del 22.01.13. In questo articolo  Pietro Ferrari del Dipartimento Salute e Sicurezza della Camera del Lavoro di Brescia.

La articolata, vivace discussione seguita all’articolo sulla sanzionabilità per la mancata
collaborazione con gli organismi paritetici (in Puntosicuro 22.01.2013), richiede -e dovrebbe
garantirmi- una ragionata risposta.
Ritengo, banalmente, che i diversi siti che si occupano di SSL debbano essere luogo di discussione
e di approfondimento, oltre che di aggiornamento tecnico e normativo. Certo -so bene- non luoghi
di “costruzione” del diritto vivente; compito questo, come universalmente noto, attribuito alla sola
giurisprudenza.
Dunque in quella prospettiva voleva collocarsi il mio intervento, che qualche nervo scoperto è pur
andato a toccare.
Non sarà sfuggito, suppongo, come già la titolazione dell’articolo ponesse la forma interrogativa. E
come le diverse “conclusioni” utilizzassero le modalità dell’ipotetico: non sembra tuttavia;
sembrerebbe doversi dedurre; etc.

>>> l’articolo segue in formato pdf.  >>> L’ARTICOLO

http://www.diario-prevenzione.it/docbiblio/1Degli_OOPP.pdf

Per i lettori che intendono interagire con l’articolo possono farlo sul BLOG di diario prevenzione  >>> il blog

https://dprevenzione.wordpress.com/2013/02/05/degli-organismi-paritetici-risposta/

—————————


CONFERENZA UNIFICATA DEL 24.01.2013: Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, le Province, i Comuni e le Comunità montane sul “Piano di azioni nazionale per la salute mentale”.

lunedì 4 febbraio 2013

CONFERENZA UNIFICATA DEL 24.01.2013: Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, le Province, i Comuni e le Comunità montane sul “Piano di azioni nazionale per la salute mentale”. (SALUTE) Codice:4.10/2012/100 (Servizio III) Accordo ai sensi dell’articolo 9, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
Repertorio Atti n.: 4/CU del 24/01/2013

http://www.regioni.it/download.php?id=284861&field=allegato&module=news

=======

TWITTER

=======

Molte notizie su salute e sicurezza circolano anche su Twitter. Diario prevenzione ha un account twitter che “preleva” contenuti da 230 account specializzati in “Occupational health and safety”

Visita e segui

http://twitter.com/#!/dprevenzione

_______________

LA NEWSLETTER

Se questa newsletter ti piace e la ritieni utile , puoi segnalare  a un/a tuo/a amico/a o collega l’indirizzo del form per la registrazione.

La newsletter è gratuita.

http://www.diario-prevenzione.it/subscribe/iscrizione.php

——————
end file
14 febbraio 2013
—————–

Cordiali saluti a tutt.*, grazie per l’attenzione

Gino Rubini, editor di www.diarioprevenzione.it


°°°°°°

Per favore non stampare questa newsletter
per non sprecare risorse energetiche ed ambientali . grazie

°°°°°°

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...