A proposito della lettera di Claudia Sudano


 

pietro

7 settembre 2012

 

Avevo già letto -ma ne ho apprezzato la riproposizione- la lettera di Claudia Sudano (TIAS ASL Biella) del 19 giugno ed i successivi commenti.

La lettera, per esplicita ammissione dell’autrice, rappresenta un “grido di dolore” che, in quanto tale, va accolto e custodito e atteso.

Ovviamente è un grido scatenato da condizioni concretissime, ben identificate nella lettera  medesima e nei commenti intervenuti.

In linea generale, tendo a condividere la preoccupazione di editor circa il rischio che vadano perdute -nell’ipotesi di centralizzazione delle funzioni di vigilanza- sia l’interazione necessaria tra le rappresentanze dei lavoratori con l’autorità di vigilanza territoriale, sia il controllo sociale sull’operato degli organi di vigilanza .

I problema vero mi pare esser rappresentato dall’ormai insopportabile deupaperamento delle risorse (umane, strumentali, formative) assegnate. Questo, forse, non interamente attribuibile alle competenze regionali (pur se autoreferenziali, provincialistiche, “sorde” etc.).

Certo è che questa continua erosione di risorse porta  a una paralisi progressiva dell’attività di vigilanza. Si pensi, come esempio, alla straziante prospettiva dei lavoratori addetti alla rimozione delle coperture industriali in amianto (ora che le aziende hanno scoperto che il fotovoltaico è un investimento produttivo): campo nel quale sarebbe necessario un intervento immediato ed organicomentre, al contrario, è lasciato prevalentemente alla sensibilità e all’impegno individuale degli operatori. Poi, come è accaduto da noi due settimane fa, gli operai, al lavoro di domenica, precipitano dai tetti dei capannoni e muoiono.

Sollevo peraltro il problema che tale erosione di risorse va a porsi persino in contrasto con la norma di legge. Infatti l’art. 13, comma 6, D.Lgs. 81/08 stabilisce che “L’importo che l’ASL, in qualità di organo di vigilanza, ammette a pagarein sede amministrativa…integra l’apposito capitolo regionale per finanziare l’attività di prevenzione nei luoghi di lavoro svolta dai dipartimenti di prevenzione delle AA.SS.LL”.

Cosa che non accade, se non in percentuali risibili!

 

 

pietro.ferrari@cgil.brescia.it

Annunci

3 thoughts on “A proposito della lettera di Claudia Sudano

  1. Pingback: newsletter diario prevenzione 13 settembre 2012 – vol.n° 53 « diario prevenzione news

  2. Claudia sono un Ispettore Tecnico del Lavoro di CZ attento alle tematiche sicurezza. Condivido le tue lamentele e le vivo da anni avendo contatti nazionali con tanti colleghi sparsi per l’Italia, le REGIONI sarebbe meglio chiuderle , non ti dico poi le gestioni in ambito dipartimenti sicurezza, tutte in mano a MEDICI e non TECNICI con quale risultato ? Fanno i loro comodi (tranne pochi esempi di colleghi virtuosi ) Non ti curar di loro quello che lamenti è oramai pane quotidiano PASSA DA NOI MINISTERO DEL LAVORO CI SARA? SICURAMENTE PIU? DIGNITA PER IL TUO LAVORO . Ciao Giovanni RAFFAELE DA cATANZARO

    • Pro veritate. Nel dibattito si può anche esagerare ma occorre equilibrio:
      1) Le regioni non sono tutte uguali. Caro Raffaele, la Calabria ha una storia e servizi molto diversi , ad esempio, dall’Emilia Romagna o dal Veneto.
      2) I medici non sono il “nemico” e dubito che cambiare i dirigenti medici con dirigenti ingegneri sia la panacea per risolvere il problema;
      3) Nella storia della prevenzione il Ministero del Lavoro ha già fallito negli anni ‘ 70. La circolare del Ministro Sacconi trasformava gli ispettori del Lavoro in consulenti delle aziende e molti ispettori del lavoro sono stati invitati ad essere più “carini” con le aziende, non credo che questi siano aspetti che hanno dato più dignità al lavoro degli ispettori…
      4) Oltre alla vigilanza antinfortunistica è necessaria la sorveglianza sanitaria e quella sull’operato dei medici competenti: la fanno i tecnici di prevenzione ?
      5) Teniamo il dibattito ad un livello serio e argomentato, altrimenti anche questo piccolo spazio aperto e questo confronto sarà reso
      inutile e non credibile…. Grazie
      Editor

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...